Il Paranormale esiste nonostante Polidoro...

Di più
2 Anni 5 Mesi fa #45851 da Volano49
Toh! Ora l'esimio Picco batte un colpo. Ma allora ci sei non è che lo fai... E poi il diavolo sarei io. Guarda, ti rispondo con un post che ti riguarda e al quale non hai dato peso.
::::::::::::.....................
E te pareva, caro Picco 2006, che non ti tributassi come al solito la tendenza al MONOPOLIO del vero, tra una canzoncina e un passo biblico e l'altro. Sia chiaro, io NON ti condanno, la tua, dal tuo punto di vista, è normale amministrazione , il pane quotidiano per chi come te, è immerso (vorrei tanto dire IMPEGOLATO...) in un credo sfrenato religioso, atto e MAI dibattuto da chi, come te, pensa di offrire a PROPRIA INAPPELLABILE discrezione, verità assolute. Basta però che non si osi contrapporre vedute diverse, per chi (sempre come te...) sogna e tangibilmente prova ad offrirsi per riempire i "vuoti" altrui. Un modo di procedere quasi fosse una missione, a portare la "VERITA'" agli "infedeli"...
Metodi e metodologie Picchiane 2006 che vengono inesorabilmente dissacrate, nella linea evolutiva dei processi storici, dalla pratica saggezza, qualche volta inconscia, anche dall'uomo della strada che non abbisogna di tante nomenclature bibliche per far del bene al suo prossimo.
Che la verità che ti contra (e pure) distingue non ti abbandoni mai.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Anni 4 Mesi fa #45856 da Volano49
Non ho mai messo in dubbio l'autenticità spirituale del Cristo e che anzi tendo al recupero di questa pura, integrale spiritualità che va ben oltre gli schemi teologici di facciata e le falsità dei dogmi consacrati a POSTERIORI, così come amano fare alcuni utenti dei quali non mi permetterò mai di riportarne i nomi (Picco 2006 e Cosimo...), i quali hanno comunque la PIENA libertà di aderire a qualunque cosa, ci mancherebbe. In teologia si ha la proprietà di NON depurare alcuna scoria millenaria. Quelle scorie di retorica che se erano necessarie al primo avvio di una civiltà ancora radicata in un ambito conservatore, ricco di falsi miti e di pesanti tabù, ora possono benissimo essere dissolti dalla chiarezza di un linguaggio che abbia, a sua precisa norma, lucida razionalità e logica aperta ad ogni possibile dialettica.

Ma restiamo nel para-normale, che tanto irrita e contemporaneamente fa sbrindellare dal ridere il dotto utente Cosimo. E qui avviene il primo RIDImensionamento di quelle ideologie aprioristiche (aprioristiche solo per chi fideisticamente segue ogni dogma inculcato fin dai primi vagiti e mai sottoposti ad esami. Mi verrebbe di riportare alcuni nomi...) che pretendono di ridurre il campo di studio dell'uomo, senza manco accorgersi che così NON si punta alla VERITA'. I fatti accumulati attraverso l'esperienza hanno obbiettivamente allargato a dismisura il territorio di azione del pensiero umano, e ai fatti, caro amico Picco, non si sfugge con nessuna ideologia. Il paranormale, studiato e verificato ANCHE in laboratorio, NON quello surclassato da estrapolazioni di salotti televisivi, è sorto e va avanti proprio in funzione di un gran numero di fatti che NON "quadrano" con la realtà immediata. Cosimuccio, qui il diavolun non centra una mazza.

E si badi bene che tali fatti (i fenomeni paranormali di ogni tipo e carattere, tanto per intenderci) non esistono solo da oggi ma sono sempre esistiti nella vita dell'uomo e della Terra, anche se soltanto recentemente siamo in grado di precisarli meglio e di comprenderne tutta l'importanza nel quadro delle moderne conoscenze. Senza scomodare continuamente messer satanassen ogni volta che qualcosa non quadra (vero Cosimo?). Basterebbe pensare alle dimostrazioni errefregabili che concernono i fenomeni di precognizione, per capire tutta l'inedeguatezza della nostra cultura e di ogni tipo di IDEOLOGIA, di fronte ai livelli conosciuti di una REALTA' di cui percepiamo soltanto poche "lunghezze d'onda", ma che fa parte dell'uomo, della sua natura, ma che niente ha che spartire con il cornuto sputafiamme che tanto spaventa gli Evangelisti che qui postano canzonette.
Un saluto

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Anni 4 Mesi fa #45860 da cosimo.1974

Volano49 ha scritto: ... omissis... cornuto sputafiamme che tanto spaventa gli Evangelisti ...omissis...
Un saluto

Carissimo, stavo ancora ridendo quando mi sono accorto delle parole citate.
Intanto il Cristiano non ha paura di Satana e dei suoi demoni, piuttosto è vero il contrario: "Sottomettetevi dunque a Dio, resistete al diavolo ed egli fuggirà da voi." (Gaicomo 4:7)
Per colmare la tua, "sorprendente" ignoranza in materia, ci tengo a precisare, che c'è differenza tra Evangelico ed Evangelista.
L'Evangelico è il Cristiano che si riconosce in una delle tante denominazioni evangeliche quali: Metodista, Battista, Valdese, Apostolica, Pentecostale ecc.
L'Evangelista è colui che ha ricevuto dal Signore Gesù il ministerio di Evangelista.
Poiché non intendo contravvenire alle precise raccomandazione del mio Salvatore e Signore Gesù Cristo che trovi in Matteo 7:6 e Matteo 10:14, evito di aggiungere altro. Ad un certo punto bisogna dire le cose "pane al pane e vino al vino".
Ma, la Parola di Dio dice anche: "Ma se qualcuno di voi manca di sapienza, la chieda a Dio che dona a tutti liberamente senza rimproverare, e gli sarà data." (Giacomo 1:5)
Saluti.
 
 

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Anni 4 Mesi fa #45861 da Volano49
Ciao Cosimo. Ah! Finalmente! Mi mancavano tanto le tue citazioni testamentarie... Fare leva su di un mio veloce laPIS e alla mia (certa) ignoranza non giova e non esclude la vostra innata supponenza nei confronti di chi guarda OLTRE le apparenze. Sarebbe serio da parte mia contribuire almeno in parte, a tracciare un orizzonte in merito al paranormale, comprensibile anche a chi, come voi, non ne conosce forma e significato, ma che nonostante questo con alterigia si prende un immeritato merito di ridacchiare condannando, altresì sapendo benissimo di non conoscerne i termini.

Dai tempi storici più remoti, fino al Medioevo ed oltre, il dominio dei fatti straordinari che hanno per fulcro L'UOMO e il suo AMBIENTE, era diviso tra Religione e Magia, che evocavano in sè (con modi e fini diversi) la prerogativa di interpretare e, a volte, di determinare i fenomeni "STRANI" (o "MERAVIGLIOSI"...) della vita. In particolare la RELIGIONE (e soprattutto quella cristiano-cattolica), data la sua indiscussa autorità ed il suo potere, che raggiungeva l'acme nel Medioevo, fino ai primi bagliori dell'Illuminismo, nel dominio dei fatti "Paranormali" (o, come si diceva, "soprannaturali") si ergeva quale giudice supremo, combattendo da un lato le pratiche "magiche", e bloccando dall'altro il campo d'indagine di una Scienza ancora spuria, pervasa com'era da riverente timore di Dio (comportamento del tutto attuale, leggendo le tue/vostre ripetitive nenie...). Basti pensare alla indiscutibile professione di fede di un Cartesio o ai limiti ideologici di un Leibniz, che era per giunta anche un teologo...

Il Paranormale (così come del resto TUTTA la Parapsicologia), piaccia o non piaccia, può essere considerata a giusto titolo una scienza dell'UOMO e, a mio avviso, una delle più importanti, se non addirittura la fondamentale. Tu, o dotto Cosimo, puoi anche fare spallucce, ma essa ha per asse delle sue ricerche L'UOMO STESSO e l'analisi delle sue più recondite e sfuggenti virtualità "PSICHICHE", quelle DOTI cioè, o facoltà, che esorbitando dai tracciati "standard" della Psicologia Umana, determinano eventi eccezionali, difficilmente ripetibili e quindi non ancora ben codificabili: quegli eventi o fenomeni, tanto per intenderci che nulla hanno da spartire con il temuto DIAVULUN... ma che vanno sotto il nome di Telepatia, Chiaroveggenza (nel tempo e nello spazio), Precognizione (prescienza di eventi futuri), Psicocinesi (che NON riguarda i Cinesi... ma l'azione della mente sulla materia, a distanza), manifestazioni della cosidetta "trance medianica", ecc ecc. Ma c'è BEN ALTRO...
Un saluto

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Anni 4 Mesi fa #45867 da Volano49
La confusione di idee che si fa della fenomenologia che spazia tra normalità e paranormale è grande, per l'attuale suddivisione che si tende a fare tra i fenomeni cosidetti "normali" e fenomeni cosidetti "paranormali". Suddivisione che potrebbe (sottolineo "potrebbe") alla lunga essere puramente di transizione, ovvero provvisoria. Pensiero questo che resta vivo dal punto scientifico ortodosso. Nel senso che future scoperte potrebbero far passare alcuni fenomeni, oggi definiti paranormali, nella grande categoria di quelli normali. E già secondo questa ottica, il confine tra i due aspetti fenomenici appare labile ed estremamente oscillante.

E' evidente che la scienza (ed in genere il senso comune) ritengono "normali" tutti quei fenomeni la cui continuità (ripetibilità, tanto cara a messer Polidoro) o ritmica periodicità si allinea con ben comprovate leggi, dette "leggi di natura", cioè in genere, tutte quelle leggi che inquadrano l'aspetto FISICO della realtà (sia quello visibile che quello percepibile solamente a livello strumentale, come ad esempio la struttura atomica della materia), su tutto questo penso non ci piova. Di conseguenza tutto ciò che APPARENTEMENTE, non rientra nel quadro consolidato delle leggi fisiche (e in parte anche in quelle psichiche fin qui scoperte), viene, diciamo così provvisoriamente definito "paranormale".

In definitiva, come nell'idea einsteniana, il concetto di normalità ha una sua precisa validità e collocazione all'interno di un determinato sistema, mentre diventa relativo (cioè paranormale) se lo riferiamo ad un sistema diverso. Ora, all'apparenza, la scienza ortodossa considera il suo sistema di riferimento come UNICO, ovvero esteso a tutto l'Universo visibile (ed invisibile per insufficienza degli strumenti di osservazione). Ovvio che le cose potrebbero anche stare così, ma SOLO in una visione assolutamente materialistica della realtà universale. E quindi subentra un "se"... ed è precisamente quello che alcuni peculiari espetti della fenomenologia parapsicologica ha giocoforza dovuto mettere in evidenza, lungo il percorso delle sue ormai pluridecennali osservazioni ed analisi che vanno ben oltre la SOLA materialità, e che risultano sufficienti circa l'ipotesi (per esempio) della sopravvivenza, indiscutibilmente sollevato da una certa classe di fenomeni paranormali.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Anni 4 Mesi fa #45885 da Volano49
Quando il paranormale viene usato per scopi militari.

I seguenti utenti hanno detto grazie : OverThink

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.406 secondi
Powered by Forum Kunena