Le Contrails sono persistenti? Pt 2 di 2

Di più
5 Anni 4 Mesi fa - 5 Anni 4 Mesi fa #27262 da Aigor

La memoria non è un dato oggettivo

Vero: per te o chiunque altro.

Però per me, la mia memoria è un dato tanto soggettivo quanto oggettivo, soprattutto se legato a curiosità ed interesse per il fenomeno: quando vedevo le strisce stendersi lungo tutto l'arco del cielo rimanevo stupito a guardare finché si dissolvevano.
E' come se mi dicessi che il colore della bicicletta regalatami da mio nonno non è un dato oggettivo… per me lo è eccome, anche in assenza di foto :wink:

I reticolati che vedo oggi nella mia infanzia non li ho mai visti, così come non ho mai visto strisce durare ore e trasformarsi in biancore lattiginoso coprendo il cielo per tutta la giornata.

Pertanto ciascuno pensi ciò che vuole: non desidero convincere nessuno, ma so cosa ricordo e lo ricordo bene :pint:

PS: io vivo a Genova, magari altrove è stato diverso

Mitakuye Oyasin
"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Ultima Modifica 5 Anni 4 Mesi fa da Aigor.
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
5 Anni 4 Mesi fa - 5 Anni 4 Mesi fa #27263 da Tavernello Acido

I reticolati che vedo oggi nella mia infanzia non li ho mai visti, così come non ho mai visto strisce durare ore e trasformarsi in biancore lattiginoso coprendo il cielo per tutta la giornata.

Di quelli ne parlerò un'altra volta

Però per me, la mia memoria è un dato tanto soggettivo quanto oggettivo, soprattutto se legato a curiosità ed interesse per il fenomeno: quando vedevo le strisce stendersi lungo tutto l'arco del cielo rimanevo stupito a guardare finché si dissolvevano.


MA L'HO SPIEGATO PERCHÉ C'È NE SONO DI PIÙ. QUELLO CHE DICEVA LUI ERA RIFERITO AL FATTO CHE AVEVO SCRITTO CHE NON ERA RARISSIMO. LE SPIEGAZIONI SEMPRE LE STESSE SONO, E FINO A PROVA CONTRARIA SONO VALIDE. Se non vi piacciono pazienza, qualcuno ascolterà. Intanto ho risposto alle domande di massimo

Abiti a Genova? Quando farò quello delle forme in cielo ti dedicherò un pezzo di post (ritieniti onorato :wink:)
Ultima Modifica 5 Anni 4 Mesi fa da Tavernello Acido.
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
5 Anni 4 Mesi fa - 5 Anni 4 Mesi fa #27264 da CharlieMike
Più di trentanni fa mi era capitato per le mani un libro di escursionismo.
C'era un capitolo che spiegava come prevedere il cambiamento del tempo mediante una semplice osservazione del cielo, tra cui le scie degli aerei.

Diceva che più le scie sono lunghe, più sarebbe stato probabile un peggioramento del tempo, dato che "sono dovute all'aumento dell'umidità dell'aria in atmosfera" (s.i.c.).

All'epoca mi divertivo a predire il tempo con questo sistema e devo dire che il sistema funzionava spesso.

Oggi, se dovessi usare lo stesso sistema, dovrei predire pioggia tutti i giorni, data la presenza sempre e comunque di scie in cielo.
Eppure abbiamo riscontrato periodi di assenza di pioggia che hanno rasentato la siccità.


Posso anche pensare che da trentanni a questa parte la frequenza dei voli sia aumentata, ma possibile che in quota la temperatura e l'umidità relativa media si siano abbassate così tanto? Specialmente d'estate??


Vulgus vult decipi, ergo decipiatur.
Ultima Modifica 5 Anni 4 Mesi fa da CharlieMike.
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
5 Anni 4 Mesi fa - 5 Anni 4 Mesi fa #27267 da Tavernello Acido
Gran bel metodo alla cazzo per le previsioni di contrails :hammer:

Piuttosto, come si chiama il libro? In un altro thread avevi scritto che parlava di persistenza...
Ultima Modifica 5 Anni 4 Mesi fa da Tavernello Acido.
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
5 Anni 4 Mesi fa #27268 da Primus eccetera
grazie, interessante link
I seguenti utenti hanno detto grazie : Tavernello Acido
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
5 Anni 4 Mesi fa #27269 da CharlieMike

Tavernello Acido ha scritto: Gran bel metodo alla cazzo per le previsioni di contrails :hammer:

Piuttosto, come si chiama il libro? In un altro thread avevi scritto che parlava di persistenza...


Io non ho parlato di previsioni di Contrails, ma di previsioni meteo. 30 anni fa non esistevano gli Smartphone con Internet, e pure i cellulari erano un lusso di pochi.
Se ti trovavi nei boschi o su un monte e volevi sapere se il tempo sarebbe cambiato dovevi fare "come gli antichi": arrangiarti guardando il cielo.

Innanzitutto in un altro thread non ho mai parlato di questo libro, e dato che sono passati più di trent'anni e non so nemmeno più che fine ha fatto altro che ricordarsi il titolo.
Di conseguenza non posso averlo citato per parlare di persistenza.

Il mio post era inteso solo per dire che trent'anni fa le scie erano, probabilmente, principalmente di condensa e meno frequenti di adesso.

Da cui la domanda:

Posso anche pensare che da trent'anni a questa parte la frequenza dei voli sia aumentata, ma possibile che in quota la temperatura e l'umidità relativa media si siano abbassate così tanto? Specialmente d'estate??

... da causare un così alto numero di presenze di scie in cielo e pure quotidiane?


Vulgus vult decipi, ergo decipiatur.
L\'Argomento è stato bloccato.
Tempo creazione pagina: 0.424 secondi
Powered by Forum Kunena