Marijuana a scopo ricreativo

Di più
8 Anni 3 Mesi fa #3467 da Anteater
Risposta da Anteater al topic Marijuana a scopo ricreativo
Igork58

Ottimo esempio, visto che l'ambiente e lo sport riguardano i tuffi, ci puo' star il tuffarsi dalla piattaforma di 10m invece che lanciarsi col paracadute.. Ovvio che i 20 tuffi al giorno li fai dal famoso TRAMPOLINO.

prima e' salto col paracadute, adesso e' addirittura elisir di lunga vita.


L'esempio era perfetto, nelle mani di un superficiale.. è diventato sugna...

...effettivamente se non eri in grado di replicare al mio primo intervento con te, non vedo perché non darti ragione...meglio stare zitti...visto la ricchezza dei tuoi argomenti...

Anteater

La speranza e la preghiera sono un chiedere...MEGLIO INVECE DARE! ...Slobbysta

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 3 Mesi fa #3469 da igork58
Risposta da igork58 al topic Marijuana a scopo ricreativo

Non tutti siamo uguali e non lo siamo per vari motivi, il discorso alla fine si riduce ad una unica domanda: “E' giusto che questa pianta/sostanza sia illegale?”


Ovvio che deve esser legale.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 3 Mesi fa #3470 da igork58
Risposta da igork58 al topic Marijuana a scopo ricreativo

Anteater ha scritto: Igork58

Ottimo esempio, visto che l'ambiente e lo sport riguardano i tuffi, ci puo' star il tuffarsi dalla piattaforma di 10m invece che lanciarsi col paracadute.. Ovvio che i 20 tuffi al giorno li fai dal famoso TRAMPOLINO.

prima e' salto col paracadute, adesso e' addirittura elisir di lunga vita.


L'esempio era perfetto, nelle mani di un superficiale.. è diventato sugna...

...effettivamente se non eri in grado di replicare al mio primo intervento con te, non vedo perché non darti ragione...meglio stare zitti...visto la ricchezza dei tuoi argomenti...

Anteater


grandi argomenti, da 16enne che cita hoffman per far veder di saperla lunga

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 3 Mesi fa - 8 Anni 3 Mesi fa #3510 da Floh
Risposta da Floh al topic Marijuana a scopo ricreativo
Modena, 07 aprile 2016



Era stato trovato con 350 grammi di cannabis. Processato per spaccio, il giudice Andrea Romito ha sentenziato che «il fatto non sussiste» in quanto la detenzione era sì reale ma il modenese non voleva venderne neanche un grammo: non solo non ne aveva bisogno finanziariamente, non solo in casa sua non è stato trovato nulla che potesse ricondurre a un'attività di spaccio ma ha provato che ne faceva uso per uscire da una dipendenza psicologica da droghe più pesanti , fatto del quale il Sert (Servizio per le Tossicodipendenze) era a conoscenza.

ASSOLTO


m.gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cro....13250945?refresh_ce

Per contatti: movimentori(chiocciola)yahoo.it
Ultima Modifica 8 Anni 3 Mesi fa da Floh.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 3 Mesi fa #3511 da igork58
Risposta da igork58 al topic Marijuana a scopo ricreativo

www.lanuovaprimapagina.it/news/home/1374...VwYUE1Su6_c.facebook

Vi consiglio di leggere attentamente questo articolo, ci sono 2, 3 meccanismi che fanno del proibizionismo ad hoc una delle cose più diaboliche, ingiuste e lerce mai esistite.


Floh, l'aveva gia' postata Dipende sta notizia. Fuma di meno, sei poco attenta.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 3 Mesi fa #3552 da Dipende
Risposta da Dipende al topic Marijuana a scopo ricreativo
In riferimento all'articolo.

Non è per nulla una novità un articolo del genere.

Il primo meccanismo.

“In casa aveva tre etti e mezzo di marijuana e per questo quantitativo, certo rilevante, era stato indagato con l’accusa di spaccio. “


La maggioranza delle condanne per spaccio avviene non per una flagranza di reato, ma per una presunzione di reato.
La maggioranza dei coltivatori di canapa, coltiva per il proprio fabbisogno, 3, 4, 5 anche 6 piante (o forse anche 10 dipende dalle piante) Non vendono nemmeno un grammo, al massimo la condividono con qualche amico per cui al momento dell'irruzione (per soffiata) gli agenti trovano solo le piante, o il quantitativo secco.
Non viene segnalato un via vai di gente, nessuna bilancia di precisione, nessuna indagine, niente insomma che possa far presumere un mercato illegale, ma comunque parte una denuncia per coltivazione illegale ai fini di spaccio.
Il ragionamento contorto funziona così:
Le piante (o quantitativo secco) trovate sono più del quantitativo previsto per il fabbisogno personale che noi presumiamo, di sicuro ne venderà una parte. Presunzione di spaccio. Punto. Ora sta a te dimostrare che non lo fai.
Come fai a dimostrare che non la vendi? Sarebbero loro che dovrebbero dimostrare il contrario per arrestarti no?
Comunque subito dopo l'arresto, scatta il secondo meccanismo che può forse non apparire così chiaro, da notare la seguente rivelazione:

La difesa ha prodotto una serie di documenti dai quali si è evinto che «dei tre etti abbondanti - è stato precisato nelle carte - soltanto 22-23 grammi avevano principio attivo ed erano marijuana»

Riuscite ad immaginare perché 3 etti di sostanza illegale imputata, diventano solo 22,23 grammi dopo che un avvocato ci mette le mani?
Perchè gli “investigatori” che arrivati a questo punto non sono per nulla investigatori perchè non è stata fatta alcuna indagine, nessun appostamento, niente foto di scambi, solo una soffiata, comunque perché gli addetti ai lavori pesano tutta la pianta, foglie e arbusti compresi. A volte ho saputo (molte volte) che addirittura ti pesano anche il vaso con la terra.
Ora, anche un idiota oramai sa che il principio attivo, cioè la sostanza “drogante” illegale si trova nelle infiorescenze femminili, i maschi servono solo ad impollinare e nelle foglie ce n'è un quantitativo così minimo che diventa trascurabile, e poi quando la pianta è ancora viva contiene circa il 70/80% di acqua, loro ti pesano tutto.
Ora, anche ad un idiota verrebbe in mente di contestare molti verbali di arresto, però questo non avviene per colpa di tre fattori.: Lo spavento/terrore dell'imputato; i pochi soldi che ha da spendere e soprattutto l'avvocato d'ufficio.
E qui scatta il terzo meccanismo che si chiama Zaina.
Zaina è un ottimo avvocato che cura prevalentemente gli interessi degli “amici di maria”, sempre disponibile, ma soprattutto enormemente preparato in materia, per cui poco infinocchiabile.
Però si fa pagare caro, o meglio si fa pagare una cifra che non sempre chi viene beccato a coltivare può permettersela e allora ti capita l'avvocato d'ufficio.
Un perfetto idiota stipendiato che non solo non ci capisce una sega di canapa e di THC, ma non vede l'ora che tu ti leva dalle scatole.
Patteggiamento è la parolina magica.
Se non ci fosse stato Zaina il tipo si sarebbe beccato spaccio per la quantità di 350 grammi e per le piante e le conseguenze possono essere tremende.

Qual'è la morale? Primo che non esiste una norma certa e applicabile in ogni tribunale italiano, per cui capita che a Trento con 20 piante ti potrebbero dare...un cazzo di niente perché per uso personale, mentre in Sicilia per 5 piante processo per direttissima e accusa di spaccio, per cui sembrerebbe che ognuno faccia un po' quel che cazzo gli pare, infatti la Cassazione è dovuta intervenire più volte per uniformare queste diversità di giudizio e ribadire che anche una sola pianta è reato, ma la storia continua.
Secondo, qui non solo ognuno fa quel che cazzo gli pare, ma lo fa anche in modo scorretto!
Pesare anche il vaso, o solo le foglie e l'arbusto per me è intenzionale.
Terzo e non ultimo, il principio stesso della giustizia. Non si può accusare qualcuno per presunzione di un reato che forse secondo la tua mente malata ha commesso.
Non esiste una legge chiara, non si sa quale sia il reale possesso non perseguibile penalmente, in principio un ministro se così si può chiamarlo, la quantificò in “spinello” Non più di 7 spinelli. Che deficiente!
Poi si pensò al principio attivo, cioè per essere certo di non andare in galera, quando compravi il fumo, lo dovevi portare in qualche laboratorio a fartelo analizzare per sperare di rientrare nel limite di principio attivo.
Voi non ci vedete una grossa rete dove vanno tutti i pesci piccoli? In questo caso pesci innocenti?
Io ce la vedo, cazzo se ce la vedo!

E ce la vedo anche nelle stronzissime pubblicità progresso contro la droga della ragazza zombi e del motto deficiente “La droga ti spegne” senza dire un cazzo, senza informare onestamente la gente sulle sostanze. Che mondo di perfetti idioti è mai questo qui?
Ma intanto noi stiamo ancora qui a parlare di trampolini.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.347 secondi
Powered by Forum Kunena