LA GRAN TARTARIA E’ ESISTITA O NO ?

Di più
10 Mesi 2 Settimane fa - 10 Mesi 2 Settimane fa #51783 da Kimera
@Aigor
Non ho letto il post di Chgall su Peterpan, mia mancanza, ho risposto al suo msg non per fare l'avvocato difensore ma semplicemente per quello che ho avvertito dalle sue parole dirette anche a tutti i partecipanti , erano iraconde , non ho difeso chgall   ma tutti coloro che vogliono esprimere un pensiero liberamente, essi  vanno rispettati sia come persone sia nel loro pensiero , se offesa c'è stata allora le scuse sono dovute , mentre il mio msg  era solo di buon senso, senza alcuna intenzione ostile ,  ma come spesso capita sotto l'effetto della rabbia le parole scritte una volta lette in uno stato d'animo turbato assumono un significato diverso , analizzare i periodi delle mie frasi  dandogli un contesto personalizato è inutile, è tutto il contesto del post che rende l'idea di cosa volevo dire , Lui stesso sia nel penultimo che nell'ultimo post ha denigrato questo thread, dichiarandolo una specie di gabbia per zuzzurelloni amanti  di sogni di fantasia , questo non è corretto perchè tutto è opinabile sia il nostro dire sia quello che asserisce lui , Personalmente non ho nulla contro Peterpan , si può essere d'accordo o meno sulle cose e  si deve  discuterne confrontandosi negli argomenti , in maniera sana e costruttiva , perchè  aiuta a crescere la consapevolezza dell'individuo  ma mai scendere ad offendere la dignità e il modo di pensiero delle persone etichettandole come fantasisti, anche se lo fossero non sono peggiori o migliori di altri da stigmatizzare. Non ho detto a Peterpan di non scrivere qui sopra ma ho detto che accetto la sua scelta di non farlo rispettando la dignità per la sua decisione presa liberamente , la porta è aperta a tutti nessuno escluso , mi ripeto sempre a me stesso che le parole scritte sono prive di empatica espressione emotiva, a differenza delle parole verbali accompagnate dal tono , dal sorriso e dall'espressione facciale che fanno ben intendere, in modo corretto, la cosa che si afferma, invece le parole scritte possono essere equivocate e faticosamente solo chiarendo la questione si ritorna ad un equilibrio di rispetto e dignità reciproche a questo alludevo con la nota di umiltà . Auguro una buona vita a tutti -  Namastè.

" Chi controlla il passato, controlla il futuro" G. Orwell 1984
Ultima Modifica 10 Mesi 2 Settimane fa da Kimera.
I seguenti utenti hanno detto grazie : Aigor, chgall

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Mesi 2 Settimane fa - 10 Mesi 2 Settimane fa #51784 da chgall
Ottime osservazioni, sia da parte di Aigor sia da parte di Kimera.

Ma io vi dirò di più... dopo essermi scusato con "l'utente da me non nominabile" (eh beh, ho perso questo privilegio, come farò a dormire?) io lo ringrazio pure... ed in pubblico!

Perché?

Perché come dichiarato da Aigor, i suoi contributi rappresentano uno stimolo per approfondire.

Tralasciamo l'argomento matricole si/matricole no, visto che anche Kimera ha espresso le sue perplessità sull'argomento (con documenti alla mano).

Lasciamo aperta la questione. Non ci interessa più di tanto.

Dicevo, grazie all'utente da me non nominabile ho approfondito l'argomento ed ho scoperto che le lapidi, come le bare, dei soldati di sua maestà, caduti durante la "guerra" in Crimea di metà ottocento... non esistono più!

pulitzercenter.org/stories/graves-britai...loited-and-forgotten

Riassunto dell'articolo: i sovietici, negli anni '50 del secolo scorso, hanno dissacrato, distrutto e dimenticato le lapidi dei caduti inglesi in Crimea (in qualche caso ne hanno fatto decorazioni da giardino).
(qui sotto uno stralcio):

"Mi sarebbe piaciuto di vedere la sua lapide ma è stata distrutta"
"Non c'è più nulla da vedere lì, adesso"


Addirittura, sui luoghi di sepoltura britannici, i russi hanno avuto la faccia tosta di costruirci le loro "Dacia" sopra (le loro casette di campagna)-
L'articolo termina concludendo che per rimediare al casino fatto ai tempi dei sovietici, è stato eretto un obelisco come memoriale degli oltre 23.000 soldati caduti in Crimea.

Ho, quindi, pensato: come testimonianza della loro esistenza, siccome le lapidi sono state distrutte negli anni '50 (del 1900, non del 1800, attenzione!), qualche fotografia, almeno una fotografia, delle lapidi inglesi qualcuno avrà pure dovuto scattarla, oppure mi sbaglio?
Tutto ciò che sono riuscito a trovare riguardo la loro esistenza è stata, guardacaso, la loro distruzione (è una stampa, attenzione, non una fotografia!):


Quindi, siccome sono più che convinto che i rapporti tra inglesi e russi fossero ottimi (diverse navi mercantili inglesi erano presenti all'epoca nella baia), anziché bellici (come la narrativa ufficiale, vuol farci credere), sono arrivato alla conclusione che solo queste lapidi in rosso:
sono le uniche autentiche (il contesto in cui sorgono mostra come la saturazione del colore sia simile, ad esempio, a quella del secchio in primo piano).
Sono opache! Quindi illegibili.
Il resto delle altre lapidi sono, invece, platealmente ritoccate: le scritte presenti sopra di esse, sono evidentissime (troppo ben definite).
Ma siccome, la manipolazione, a volte necessita di correzione, notate come il font di "18" sia diverso da "55".

Questo significa che tale scatto è stato ritoccato... ben due volte (eh beh, dovevano far combaciare i soldati morti sugli elenchi con le date sulle lapidi!).

Conclusione personale: ritengo che questi nomi di soldati britannici, siano autentici... ma che non siano affatto morti in Crimea (magari queste lapidi, appartengono ai soldati russi morti in Crimea, perché i cimiteri russi nella zona, sono pieni zeppi di queste pietre tombali). Siccome l'impero britannico, all'epoca, era estesissimo, magari ad esempio il capitano Cox ed il tenente Blakiston, sono morti altrove, eppoi i loro nominativi (da caduti) sono stati "distribuiti" in Crimea.

Quindi, l'ipotesi da me ventilata di "guerra verticale" tra cittadini e chissà cos'altro, non è poi tanto fantasiosa, come qualcuno vorrebbe farci credere.

Io capisco che può essere un vero e proprio "shock" rendersi conto che il passato che ci hanno raccontato... potrebbe essere solo una vera e propria menzogna, però...

(ad ognuno le sue considerazioni)
Ultima Modifica 10 Mesi 2 Settimane fa da chgall.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Mesi 2 Settimane fa #51785 da Sertes

Kimera ha scritto: Ps. solo per evidenziare e non so se ne sei a conoscenza che le ultime 6 cifre del codice a barra del nostro codice fiscale appartengono all'MSN (militar serial number) Americano, tutti i militari dal 1800 , marinai o fanti avevano una matricola , anche i volontari e i preti militari.

Mi interessa questo tema, estremamente marginale, ma su cui ho un riscontro opposto.
Se scansiono il codice a barre dalla tessera sanitaria esce il mio codice fiscale, che nelle ultime posizioni ha A944 che è il mio luogo di nascita (Bologna)
Puoi approfondire meglio cosa intendevi qua sopra?
Grazie

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Mesi 2 Settimane fa - 10 Mesi 2 Settimane fa #51786 da chgall
Magari sbaglio, forse Kimera intendeva indicare una similitudine tra il codice fiscale nostrano ed il military service americano? Ovvero che, in entrambi i casi, le ultime cifre corrispondono al codice catastale della matricola?
Questo, ad esempio, è un serial number dell'esercito (americano):


www.militaryverification.com/what-is-military-service-number/

Comunque è davvero strabiliante notare come sullo stesso sito, prima troviamo la dicitura:
"Military service number was first introduced with the establishment of military personnel records in 1918 following World War I".
Cioè, l'MSN tra le forze armate americane, è stato introdotto a seguito della prima guerra mondiale, nel 1918".

Poi, però, scrollando un pò più giù si scopre che:

How to Find Your Military Service Number

"The National Archives has the military records of individuals who served in the U.S. Armed Forces before World War I. To find your service number, you will need to submit a request to them directly with proof of your identity and relationship to the servicemember/veteran".

In pratica, se voglio conoscere l'MSN di un mio antenato che ha prestato servizio PRIMA della WWI, devo fare un'apposita richiesta scritta.

Ma come? Prima non c'era l'MSN, poi se voglio conoscere L'MSN (che non esisteva) di un mio antenato, per esempio, mi tocca fare un'apposita richiesta scritta.

Contraddizione assoluta.

Ma ancora più comico, è quest'altro passaggio:

"Although some branches of the United States Army make an effort to distinguish between the officer and enlisted personnel in their service number format, they don’t always achieve that goal and it is not unusual for service members from different branches to be assigned the same MSN. It is also not rare for a military member within the same branch to receive identical service numbers".

Vi traduco solo il passaggio in grassetto: non è raro per i militari di una stessa compagnia, ricevere un numero di servizio identico.

Casino assoluto.

Ci si può fidare, quindi, di matricole e documenti (seppur "ufficiali"?).

La risposta la conoscete già!

P.S.
Magari Kimera ha una spiegazione più tecnica della mia.
 
Ultima Modifica 10 Mesi 2 Settimane fa da chgall.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Mesi 2 Settimane fa - 10 Mesi 2 Settimane fa #51787 da Kimera
@Chgall
MSN è contenuto nei numeri che compongono il codice a barre del tesserino sanitario e codice fiscale e lo hanno tutti coloro che hanno svolto il servizio militare di leva o i militari di carriera , per questo da quando la leva è stata abolita molte persone non hanno più questo codice , ho appreso questo particolare dell'MSN diversi anni fa , questo codice inoltre permetteva, non so se accade ancora , a coloro che si trasferivano in america per lavoro e per vicerci, di ottenere più facilmente la tessera verde americana, riconoscendo lo svolgimento del servizio di leva come se fosse stato fatto in america , una concessione alle colonie? Per quanto riguarda il foglio matricolare mi sono riguardato alcni appunti e da alcuni vecchi testi sulla storia cinese risulta che i soldati nel 429 A.c. nella Cina dove c'erano spesso battaglie per il potere, vista la crudezza efferata delle battaglie e delle grandi stragi di soldati ,  decisero che ogni soldato avesse sempre con se una tavoletta riportante il nome , il cognome, la data di nascita, i nomi di  madre e  padre , il luogo di provenienza e il corpo di apparteneza con il numero progressivo di arruolamento, questo per comunicare ai parenti la morte di queste persone ed erigere una tomba nel loro paese, infatti durante le guerre dopo le battaglie dai soldati morti venivano prese queste tavolette , una sorta di moderne piastrine militari ,  per evitare malattie e spese aggiuntive i corpi dei soldati venivano ammassati e bruciati nel campo di battaglia, questo serviva anche a sapere le perdite dell'esercito  depennandoli da un registro di tenuta di questi dati, un foglio matricolare  a tutti gli effetti..
@ Sertes
Se hai ancora un tesserino di codice fiscale di colore celeste senza chip di qualche anno fa il primo dopo quello verde e bianco non sanitario e hai fatto il servizio di leva puoi vedere l'MSN , gli utimi 8 numeri e non 6 (mio errore) sempre  se hai MSN, il CED militare della tua zona può leggerlo, se non hai fatto il servizio di leva o carriera militare non hai MSN, nel mio codice fiscale letto allo scanner gli ultimi 8 numeri restano tali non vengono decodificati ancora oggi . .

" Chi controlla il passato, controlla il futuro" G. Orwell 1984
Ultima Modifica 10 Mesi 2 Settimane fa da Kimera.
I seguenti utenti hanno detto grazie : chgall

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Mesi 2 Settimane fa - 10 Mesi 2 Settimane fa #51788 da Kimera
Tornando a nostro argomento vorrei proporre un video in merito che pone all'attenzione alcuni aspetti sulla Siberia e il personaggio che effettivamente consegnò all'oblio la diversa storia  della sibera e dei popoli che la occuparono, è in spagnolo attivare i sottotitoli se non si conosce lo spagnolo.

Cosa hanno nascosto in Siberia? Sopra a cosa preferiscono far tacere gli storici!


" Chi controlla il passato, controlla il futuro" G. Orwell 1984
Ultima Modifica 10 Mesi 2 Settimane fa da Kimera.
I seguenti utenti hanno detto grazie : chgall

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.528 secondi
Powered by Forum Kunena