Il voto ha ancora ragione di essere segreto ?

Di più
7 Anni 1 Mese fa - 7 Anni 1 Mese fa #9734 da marocg
Piccolo spazio pubblicita'.
Bollicine live delle Amministrative 2017.
Le alleanze elettorali sono, a mio avviso, pubblicita' ingannevole.
Sara' per questo "inganno" che la percentuale di astenuti e' come sempre sconfortante ?
E' un problema di rappresentanza: come si puo' andare a votare trovando liste di bande precostituite, sapendo che a malapena ti potresti riconoscere negli ideali/valori del "tuo" partito di riferimento.
Le sante alleanze sono garanzia di inciuci, documentati dai fatti della cronaca quotidiana.
Ripeto un concetto gia' espresso: il voto e' l'unico momento nella vita sociale nel quale possiamo veramente contare qualcosa.
Purtroppo quelli che sono convinti di cio' sono costretti a votare per "i meno peggio" delle proposte ...irricevibili.
E non parlo di illegalita' come la compra dei voti o le schede non valide.
Mi piacerebbe proporre un referendum per domandare agli astenuti i motivi della propria manifesta insoddisfazione.
Questo secondo me sarebbe un segno di civilta' perche' chi non va a votare e' una larga porzione dell'elettorato e che con questo sistema viene "sapientemente" defraudato.
Facciamo un partito degli EX-ASTENUTI e vediamo chi non si offre come alleato.
Ultima Modifica 7 Anni 1 Mese fa da marocg.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 1 Mese fa - 7 Anni 1 Mese fa #9741 da marocg
All'armi! All'armi! All'armi siam fascisti terror dei comunisti.
All'armi siam fascisti
La Notizia di Manlio Dinucci : È Nato il neonazismo in Europa
Il parlamento di Kiev ha votato un emendamento legislativo per l’adesione ufficiale dell’Ucraina alla Nato. Mossa pericolosissima: se l’Ucraina entrasse nella Nato gli altri 29 membri, in base all’Art. 5, dovrebbero andare in guerra contro la Russia. Il “merito” dell’iniziativa va al presidente del parlamento Andriy Parubiy, famigerato neonazista (ricevuto con tutti gli onori a Montecitorio dalla presidente Boldrini), uno dei capi del colpo di stato sotto regia Usa/Nato che ha trasformato l’Ucraina in «vivaio» del rinascente nazismo nel cuore dell’Europa.
PandoraTV news 13.06.17 - a cura di Manlio Dinucci, editing Stefano Citrigno

---
Ma dai, non c'e' da preoccuparsi:
Marzabotto, Renzi: “Mi inginocchio davanti a storia”. E canta “Bella ciao”

---
O si, c'e' da preoccuparsi ?:
Referendum, Renzi vs Anpi: si canta 'Bella Ciao'. Ex partigiani: "Ci batteremo per la Costituzione"

---
P.S.: Della serie: Armiamoci e... partite!
Vacciniamo Boschi e Lorenzin prima di mandarle al fronte.
(il Poroshenko ha una patologia molto infettiva e contagiosa).
Ultima Modifica 7 Anni 1 Mese fa da marocg.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 1 Mese fa - 7 Anni 1 Mese fa #9754 da marocg
Mal di pancia.
Alcune scelte infelici, piu' o meno recenti, hanno evidenziato malumori in una corrente di pensiero di questo comprensorio.
Il riferimento e' al M5S con le note difficolta' a partire dalla carica di sindaco di Roma di Virginia Raggi.
A cui sommiamo la vicenda di Genova, Pirondini candidato sindaco dopo la sconfessione delle Comunarie vinte da Cassimatis.
Un argomento da sempre defilato nel discorso grillino e' il tema dell'immigrazione, ed anche per questo la linea del movimento appare mutevole e poco chiara.
Il decreto "illiberale" Lorenzin sui vaccini, ha messo in luce i rapporti mai chiariti con il Prof. Stefano Montanari, decretando di fatto una pessima opposizione allo schieramento di potere.
Certo ci sono errori dovuti alla inesperienza per contrastare i "volponi" ossia i mestieranti della politica.
I mancati investimenti nella formazione dei quadri dirigenziali, premessa indispensabile per la transizione da movimento a partito politico.
Si perche' se si aspira al ruolo di prima forza del Paese e quindi di assumerne la guida, il minimo che si deve fare e' avere una squadra di governo che si presenti con credenziali adeguate.
Non certo per fare esperimenti, per fare esperienza, ma che si caratterizzi concretamente sulle cose da fare ma anche e soprattutto sulle cose da non fare.
Questo e' un aspetto che mi preme far notare.
Abbiamo l'esempio illuminante delle visioni di Renzi: il governo del fare.
Spesso (a parole) il bombardamento spot delle cose da fare, come se fosse un percorso obbligato (Renzi, 100 giorni da premier: ecco le tappe).
L'importante e' dimostrare di fare, non importa se il Paese reale non e' coinvolto in nessuna di queste false priorita'.
Con questa "supposta" frenesia di cambiare, si perde di vista il Paese.
Potresti anche aver centrato gli obiettivi, ammesso e non concesso, ma il Paese e' sempre piu' compromesso e i destini "pregiudicati" da scelte scellerate.
Scelte che non avevano a che fare con gli obiettivi programmatici, ma che per interessi particolari seguono la corrente dominante.
In Venezuela alcuni obiettivi politici sono considerati "VENDE PATRIA" da chi considera la sovranita' nazionale un bene per cui vale la pena di lottare.
La sovranita' nazionale, ormai e' un previlegio di pochi Stati (riferita a India), come ha affermato in una intervista, il Presidente russo Vladimir Putin, rispondendo ad alcune domande della giornalista e opinionista americana Megyn Kelly del canale NBC News durante il Forum Economico Internazionale 2017 di San Pietroburgo.
www.facebook.com/fortrus%20/videos/vb.72...7437/?type=2&theater
Quindi ripeto, e' bene pronunciarsi anche sulle cose da non fare.
E' troppo comodo dire dx e sx non esistono piu' per non schierarsi, rischiando di non prendere voti da una parte.
Ci sono valori in cui le persone si riconoscono, persone che non vogliono che si ripetano errori del passato, tragedie incluse.
Ci sono diritti che non possono essere calpestati, come la dignita' umana, liberta' individuali che non possono essere messi in discussione, menchemeno da persone elette e pagate profumatamente per rappresentarci e tutelarci.
Ora questi nostri dipendenti e' opportuno farli rientrare nei ranghi, intendo in schemi e raggio d'azione oltre il quale non possano legiferare.
Per esempio l'abuso del voto di fiducia, a mio avviso, non e' compatibile con l'attivita' parlamentare.
Il governo pone la questione di fiducia su una legge (o più comunemente su un emendamento ad una legge), qualificando tale atto come fondamentale della propria azione politica e facendo dipendere dalla sua approvazione la propria permanenza in carica. Nella pratica politica tale strumento viene usato dal Governo per compattare la maggioranza parlamentare che lo sostiene o per evitare l'ostruzionismo dell'opposizione.
Inteso per interventi di natura straordinaria, e' diventato il modus operandi per bypassare qualsiasi provvedimento senza l'iter parlamentare necessario.
Gia' ci sarebbe da litigare per tollerare l'utilita' di molti parlamentari, figuriamoci l'utilita' di decreti imposti a furor di regime.
E' evidente che questi loschi figuri giammai si scaverebbero la fossa, per questo occorre che le regole siano chiare prima di ogni votazione.
C'e' la questione delle responsabilita' parlamentari: chi rompe paga, chi fa danni paga, chi tradisce il mandato paga, personalmente, esattamente come nella vita civile, senza immunita'/impunita', senza la possibilita' di camuffarsi in altri schieramenti.
Negli Stati Uniti e' previsto l'impeachment per il presidente, noi stiamo ancora aspettando "segnali" da mani pulite.
Sono tutte questioni che vanno definite prima, dibattute, perche' l'elettore ha il diritto di sapere, di essere informato, di conoscere veramente i rappresentanti da eleggere e cosa possiamo aspettarci.
Con l'utilizzo dell'informatica per consultazioni tipo referendum on-line, su tematiche importanti, con informazioni dettagliate e imparziali, per scelte equilibrate e sostenibili.
Sappiamo che siamo un popolo di "furbi", si paghera' dazio per un po' di tempo, ma poi gli interessi del popolo emergeranno, siamo la maggioranza non scordiamocelo, non se lo scordino i masochisti.
Il popolo, la gente, conosce le risposte.
L'alternativa a tutto cio' e' il "non voto", l'astensione legalizzata.
Concludo dicendo che nonostante i malumori, l'offerta del "meno peggio", nel nostro desolante panorama politico, rimane, a mio modesto avviso, M5S.
Ultima Modifica 7 Anni 1 Mese fa da marocg.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 1 Mese fa - 7 Anni 1 Mese fa #9777 da marocg
Prospettive.
Sicuramente avete gia' visto questo video.
Pero' Vi invito a rivederlo e a diffonderlo.
E a riflettere, naturalmente.
Vi faccio l'esempio del fumo e dell'alcool.
Non e' necessario arrivare al punto che il medico vi consigli di smettere.
E' opportuno convincersi per tempo e attuare.
Il cambiamento deve essere dentro di noi.

John Fitzgerald Kennedy, Campidoglio, Stati Uniti Washington D.C. 20 gennaio 1961
Dunque, miei concittadini americani, non chiedete cosa il vostro paese può fare per voi, chiedete cosa potete fare voi per il vostro paese.
Concittadini del mondo, non chiedete cosa l'America può fare per voi, ma cosa possiamo fare, insieme, per la libertà dell'uomo.

Il mio invito e' a delegare di meno in politica, ad essere piu' presenti fisicamente, nella vita di comunita'.
I potenti devono sentire sul collo il nostro fiato, le nostre ragioni.
Buona visione:

Su Pandora tv prosegue il ciclo Ritorno alla terra. Il film racconta l’esperienza di un popolo che per primo si è trovato a sperimentare la mancanza della risorsa petrolio in tutte le sue forme: l’ enorme crisi energetica a Cuba nel 1990 avrebbe potuto comportare una grave carestia alimentare e pesanti difficoltà sociali, e invece affrontata con creatività ha portato alla scoperta di un nuovo stile di vita.

P.S.: Aparece video de entrevista inédita al Che Guevara
Ultima Modifica 7 Anni 1 Mese fa da marocg.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 1 Mese fa #9794 da marocg
Alziamo la testa.
Pandora TV compie 3 anni – “Quando cominciamo?”
Alla festa per i tre anni di Pandora TV c’è stata una vasta partecipazione di persone desiderose di conoscere più da vicino il nostro lavoro, e di sostenere il bene più prezioso per una democrazia compiuta: un’informazione libera e onesta. Pubblichiamo una sintesi degli interventi di alcuni dei compagni di viaggio che ci hanno accompagnato in questi tre anni.
PandoraTV 17.06.17

---
P.S.: > 3 mesi fa
Quello che sta accadendo avrebbe dovuto generare un’ondata di sdegno e di protesta, invece niente. Non solo ci mettono un’altra volta le mani in tasca ma violano la Costituzione. Ci vogliono togliere probabilmente l’ultimo strumento di cui l’Italia dispone per difendersi da ulteriori espropri.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 1 Mese fa - 7 Anni 1 Mese fa #9806 da marocg
Informazioni che non fanno notizia.

VIDEO (AD): Quando il manganello è "democratico"...
Quando il manganello è "democratico" non fa notizia....
Una precisazione prima della visione del video de l'AntiDiplomatico: le immagini sono severamente vietate a chi ama ancora farsi prendere in giro (su tutto quello che accade nel mondo) da Repubblica, Corriere, Fatto Quotidiano e gli altri fake media italiani.
Notizia del: 19/06/2017
www.lantidiplomatico.it/dettnews-video_a...emocratico/82_20552/
---
Giulietto Chiesa: Commentary – American crisis endangers the world
Pubblicato il: 19/06/2017

---
P.S.: "Giulietto Chiesa: Se si va va uno scontro la guerra sara' in Europa".
... A proposito di informazioni che non fanno notizia.... :
Per precauzione, evitare si trovarsi nelle vicinanze di questi paraggi:
Elenco per Regioni
Trentino Alto Adige
1. Cima Gallina [Bz]. Stazione telecomunicazioni e radar dell'Usaf.
2. Monte Paganella [Tn]. Stazione telecomunicazioni Usaf.
Friuli Venezia Giulia
3. Aviano [Pn]. La più grande base avanzata, deposito nucleare e centro di telecomunicazioni dell'Usaf in Italia [almeno tremila militari e civili americani ]. Nella base sono dislocate le forze operative pronte al combattimento dell'Usaf [un gruppo di cacciabombardieri ] utilizzate in passato nei bombardamenti in Bosnia. Inoltre la Sedicesima Forza Aerea ed il Trentunesimo Gruppo da caccia dell'aviazione Usa, nonché uno squadrone di F-18 dei Marines. Si presume che la base ospiti, in bunker sotterranei la cui costruzione è stata autorizzata dal Congresso, bombe nucleari. Nella base aerea di Aviano (Pordenone) sono permanentemente schierate, dal 1994, la 31st Fighter Wing, dotata di due squadriglie di F-16 [nella guerra contro la Jugoslavia nel 1999, effettuo' in 78 giorni 9.000 missioni di combattimento: un vero e proprio record] e la 16th Air Force. Quest'ultima è dotata di caccia F-16 e F-15, e ha il compito, sotto lo U. S. European Command, di pianificare e condurre operazioni di combattimento aereo non solo nell'Europa meridionale, ma anche in Medio Oriente e Nordafrica. Essa opera, con un personale di 11.500 militari e civili, da due basi principali: Aviano, dove si trova il suo quartier generale, e la base turca di Incirlik. Sara' appunto quest'ultima la principale base per l'offensiva aerea contro l'Iraq del nord, ma l'impiego degli aerei della 16th Air Force sara' pianificato e diretto dal quartier generale di Aviano.
4. Roveredo [Pn]. Deposito armi Usa.
5. Rivolto [Ud]. Base USAF.
6. Maniago [Ud]. Poligono di tiro dell'Usaf.
7. San Bernardo [Ud]. Deposito munizioni dell'Us Army.
8. Trieste. Base navale Usa.
Veneto
9. Camp Ederle [Vi]. Quartier generale della Nato e comando della Setaf della Us Army, che controlla le forze americane in Italia, Turchia e Grecia. In questa base vi sono le forze da combattimento terrestri normalmente in Italia: un battaglione aviotrasportato, un battaglione di artiglieri con capacità nucleare, tre compagnie del genio. Importante stazione di telecomunicazioni. I militari e i civili americani che operano a Camp Ederle dovrebbero essere circa duemila.
10. Vicenza: Comando Setaf. Quinta Forza aerea tattica [Usaf]. Probabile deposito di testate nucleari.
11. Tormeno [San Giovanni a Monte, Vi]. Depositi di armi e munizioni.
12. Longare [Vi]. Importante deposito d'armamenti.
13. Oderzo [Tv]. Deposito di armi e munizioni
14. Codognè [Tv]. Deposito di armi e munizioni
15. Istrana [Tv]. Base Usaf.
16. Ciano [Tv]. Centro telecomunicazioni e radar Usa.
17. Verona. Air Operations Center [Usaf ]. e base Nato delle Forze di Terra del Sud Europa; Centro di telecomunicazioni [Usaf].
18. Affi [Vr]. Centro telecomunicazioni Usa.
19. Lunghezzano [Vr]. Centro radar Usa.
20. Erbezzo [Vr]. Antenna radar Nsa.
21. Conselve [Pd ]. Base radar Usa.
22. Monte Venda [Pd]. Antenna telecomunicazioni e radar Usa.
23. Venezia. Base navale Usa.
24. Sant'Anna di Alfaedo [Pd]. Base radar Usa.
25. Lame di Concordia [Ve]. Base di telecomunicazioni e radar Usa.
26. San Gottardo, Boscomantivo [Ve]. Centro telecomunicazioni Usa.
27. Ceggia [Ve]. Centro radar Usa.
Lombardia
28. Ghedi [Bs]. Base dell'Usaf, stazione di comunicazione e deposito di bombe nucleari.
29. Montichiari [Bs]. Base aerea [Usaf ].
30. Remondò [Pv]. Base Us Army.
108. Sorico [Co]. Antenna Nsa.
Piemonte
31. Cameri [No]. Base aerea Usa con copertura Nato.
32. Candelo-Masazza [Vc]. Addestramento Usaf e Us Army, copertura Nato.
Liguria
33. La Spezia. Centro antisommergibili di Saclant [vedi 35 ].
34. Finale Ligure [Sv]. Stazione di telecomunicazioni della Us Army.
35. San Bartolomeo [Sp]: Centro ricerche per la guerra sottomarina. Composta da tre strutture. Innanzitutto il Saclant, una filiale della Nato che non è indicata in nessuna mappa dell'Alleanza atlantica. Il Saclant svolgerebbe non meglio precisate ricerche marine: in un dossier preparato dalla federazione di Rifondazione Comunista si parla di "occupazione di aree dello specchio d'acqua per esigenze militari dello stato italiano e non [ricovero della VI flotta Usa]". Poi c'è Maricocesco, un ente che fornisce pezzi di ricambio alle navi. E infine Mariperman, la Commissione permanente per gli esperimenti sui materiali da guerra, composta da cinquecento persone e undici istituti [dall'artiglieria, munizioni e missili, alle armi subacquee].
Emilia Romagna
36. Monte San Damiano [Pc]. Base dell'Usaf con copertura Nato.
37. Monte Cimone [Mo]. Stazione telecomunicazioni Usa con copertura Nato.
38. Parma. Deposito dell'Usaf con copertura Nato.
39. Bologna. Stazione di telecomunicazioni del Dipartimento di Stato.
40. Rimini. Gruppo logistico Usa per l'attivazione di bombe nucleari.
41. Rimini-Miramare. Centro telecomunicazioni Usa.
Marche
42. Potenza Picena [Mc]. Centro radar Usa con copertura Nato.
Toscana
43. Camp Darby [Pi]. Il Setaf ha il più grande deposito logistico del Mediterraneo [tra Pisa e Livorno], con circa 1.400 uomini, dove si trova il 31st Munitions Squadron. Qui, in 125 bunker sotterranei, e' stoccata una riserva strategica per l'esercito e l'aeronautica statunitensi, stimata in oltre un milione e mezzo di munizioni. Strettamente collegato tramite una rete di canali al vicino porto di Livorno, attraverso il Canale dei Navicelli, è base di rifornimento delle unità navali di stanza nel Mediterraneo. Ottavo Gruppo di supporto Usa e Base dell'US Army per l'appoggio alle forze statunitensi al Sud del Po, nel Mediterraneo, nel Golfo, nell'Africa del Nord e la Turchia.
44. Coltano [Pi]. Importante base Usa-Nsa per le telecomunicazioni: da qui sono gestite tutte le informazioni raccolte dai centri di telecomunicazione siti nel Mediterraneo. Deposito munizioni Us Army; Base Nsa.
45. Pisa [aeroporto militare]. Base saltuaria dell'Usaf.
46. Talamone [Gr]. Base saltuaria dell'Us Navy.
47. Poggio Ballone [Gr]. Tra Follonica, Castiglione della Pescaia e Tirli: Centro radar Usa con copertura Nato.
48. Livorno. Base navale Usa.
49. Monte Giogo [Ms]. Centro di telecomunicazioni Usa con copertura Nato.
Sardegna
50. La Maddalena - Santo Stefano [Ss]. Base atomica Usa, base di sommergibili, squadra navale di supporto alla portaerei americana "Simon Lake".
51. Monte Limbara [tra Oschiri e Tempio, Ss]. Base missilistica Usa.
52. Sinis di Cabras [Or]. Centro elaborazioni dati [Nsa].
53. Isola di Tavolara [Ss]. Stazione radiotelegrafica di supporto ai sommergibili della Us Navy.
54. Torre Grande di Oristano. Base radar Nsa.
55. Monte Arci [Or]. Stazione di telecomunicazioni Usa con copertura Nato.
56. Capo Frasca [Or]. Eliporto ed impianto radar Usa.
57. Santulussurgiu [Or]. Stazione telecomunicazioni Usaf con copertura Nato.
58. Perdasdefogu [Nu]. Base missilistica sperimentale.
59. Capo Teulada [Ca]. Da Capo Teulada a Capo Frasca [Or ], all'incirca 100 chilometri di costa, 7.200 ettari di terreno e più di 70 mila ettari di zone "off limits": poligono di tiro per esercitazioni aeree ed aeronavali della Sesta flotta americana e della Nato.
60. Cagliari. Base navale Usa.
61. Decimomannu [Ca]. Aeroporto Usa con copertura Nato.
62. Aeroporto di Elmas [Ca]. Base aerea Usaf.
63. Salto di Quirra [Ca]. poligoni missilistici.
64. Capo San Lorenzo [Ca]. Zona di addestramento per la Sesta flotta Usa.
65. Monte Urpino [Ca]. Depositi munizioni Usa e Nato.
Lazio
66. Roma. Comando per il Mediterraneo centrale della Nato e il coordinamento logistico interforze Usa. Stazione Nato
67. Roma Ciampino [aeroporto militare]. Base saltuaria Usaf.
68. Rocca di Papa [Rm]. Stazione telecomunicazioni Usa con copertura Nato, in probabile collegamento con le installazioni sotterranee di Monte Cavo
69. Monte Romano [Vt]. Poligono saltuario di tiro dell'Us Army.
70. Gaeta [Lt]. Base permanente della Sesta flotta e della Squadra navale di scorta alla portaerei "La Salle".
71. Casale delle Palme [Lt]. Scuola telecomunicazioni Nato sotto controllo Usa.
Campania
72. Napoli. Comando del Security Force dei Marines. Base di sommergibili Usa. Comando delle Forze Aeree Usa per il Mediterraneo. Porto normalmente impiegato dalle unità civili e militari Usa. Si calcola che da Napoli e Livorno transitino annualmente circa cinquemila contenitori di materiale militare.
73. Aeroporto Napoli Capodichino. Base aerea Usaf.
74. Monte Camaldoli [Na]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
75. Ischia [Na]. Antenna di telecomunicazioni Usa con copertura Nato.
76. Nisida [Na]. Base Us Army.
77. Bagnoli [Na]. Sede del più grande centro di coordinamento dell'Us Navy di tutte le attività di telecomunicazioni, comando e controllo del Mediterraneo.
78. Agnano [nelle vicinanze del famoso ippodromo]. Base dell'Us Army.
80. Licola [Na]. Antenna di telecomunicazioni Usa.
81. Lago Patria [Ce]. Stazione telecomunicazioni Usa.
82. Giugliano [vicinanze del lago Patria, Na]. Comando Statcom.
83. Grazzanise [Ce]. Base saltuaria Usaf.
84. Mondragone [Ce]: Centro di Comando Usa e Nato sotterraneo antiatomico, dove verrebbero spostati i comandi Usa e Nato in caso di guerra
85. Montevergine [Av]: Stazione di comunicazioni Usa.
Basilicata
79. Cirigliano [Mt]. Comando delle Forze Navali Usa in Europa.
86. Pietraficcata [Mt]. Centro telecomunicazioni Usa e Nato.
Puglia
87. Gioia del Colle [Ba]. Base aerea Usa di supporto tecnico.
88. Brindisi. Base navale Usa.
89. Punta della Contessa
. Poligono di tiro Usa e Nato.
90. San Vito dei Normanni
. Vi sarebbero di stanza un migliaio di militari americani del 499° Expeditionary Squadron;.Base dei Servizi Segreti. Electronics Security Group [Nsa ].
91. Monte Iacotenente [Fg]. Base del complesso radar Nadge.
92. Otranto. Stazione radar Usa.
93. Taranto. Base navale Usa. Deposito Usa e Nato.
94. Martinafranca [Ta]. Base radar Usa.
Calabria
95. Crotone. Stazione di telecomunicazioni e radar Usa e Nato.
96. Monte Mancuso [Cz]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
97. Sellia Marina [Cz]. Centro telecomunicazioni Usa con copertura Nato.
Sicilia
98. Sigonella [Ct]. Principale base terrestre dell'Us Navy nel Mediterraneo centrale, supporto logistico della Sesta flotta [circa 3.400 tra militari e civili americani ]. Oltre ad unità della Us Navy, ospita diversi squadroni tattici dell'Usaf: elicotteri del tipo HC-4, caccia Tomcat F14 e A6 Intruder, gruppi di F-16 e F-111 equipaggiati con bombe nucleari del tipo B-43, da più di 100 kilotoni l'una.
99. Motta S. Anastasia [Ct]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
100. Caltagirone [Ct]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
101. Vizzini [Ct]. Diversi depositi Usa. Nota: un sottufficiale dell'aereonautica militare ci ha scritto, precisando che non vi sono installazioni USA in questa base militare italiana.
102. Palermo Punta Raisi [aeroporto]. Base saltuaria dell'Usaf.
103. Isola delle Femmine [Pa]. Deposito munizioni Usa e Nato.
104. Comiso [Rg]. La base risulterebbe smantellata.
105. Marina di Marza [Rg]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
106. Augusta [Sr]. Base della Sesta flotta e deposito munizioni.
107. Monte Lauro [Sr]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
109. Centuripe [En]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
110. Niscemi [Cl]. Base del NavComTelSta [comunicazione Us Navy ].
111. Trapani. Base Usaf con copertura Nato.
112. Isola di Pantelleria [Tp]: Centro telecomunicazioni Us Navy, base aerea e radar Nato.
113. Isola di Lampedusa [Ag]: Base della Guardia costiera Usa. Centro d'ascolto e di comunicazioni Nsa.
---
Le sigle
Usaf: aviazione
Navy: marina
Army: esercito
Nsa: National security agency [Agenzia di sicurezza nazionale]
Setaf: Southern european task force [Task force sudeuropea]
---
questo articolo, ospitato sul sito Kelebek, è tratto da iraqlibero.at.
Può essere riprodotto liberamente,
sia in formato elettronico che su carta, a condizione che
non si cambi nulla, che si specifichi la fonte - il sito web Iraqlibero www.iraqlibero.at -
e che si pubblichi anche questa precisazione
Per gli articoli ripresi da altre fonti, si consultino i rispettivi siti o autori
www.kelebekler.com/occ/busa.htm
P.P.S.: Tutto questo scempio di territorio e sottrazione di sovranita', deriva dal voto espresso e/o dal voto non esercitato nelle precedenti votazioni politiche.
Se a questo aggiungiamo che questi nostri dipendenti abbiamo dovuto strapagarli e continuare a mantenerli, la beffa e' senza fine.
Costoro hanno dimostrato che non sapevano fare di meglio.
Possiamo considerare noi di fare meglio nelle prossime occasioni, ossia di votare per i "meno peggio" ?
Ultima Modifica 7 Anni 1 Mese fa da marocg.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.440 secondi
Powered by Forum Kunena