I consigli della nonna

Di più
7 Anni 9 Mesi fa - 7 Anni 9 Mesi fa #7120 da Calvero
I consigli della nonna è stato creato da Calvero
Come anticipato in Homepage, trovo interessante l'idea di condividere qualcosa che rientri nelle "scoperte dell'acqua calda" e proprio in ragione di ridare lustro a certi stereotipi che stereotipi non sono.

IMPOSTAZIONE DEL TOPIC - cosa è in Tema, cosa No:

Gradirei per questo Topic di non farlo diventare un "ricettacolo di Link su Link," perché se uno volesse sapere cosa dice Internet sui "consigli per la salute genuini" basterebbe digitasse su Google "consigli per la salute genuini". Quindi, no.

Desidererei fosse legato alle vostre esperienze personali, cioè - - - > con cognizione di causa < - - - , per far sì che il discorso si evolva e magari - questo - diventasse un altro database della questione. Nel suo piccolo, ci mancherebbe. Ovviamente, se nascesse una discussione nel merito, sarebbe più che lecito riferirsi a dei Link che corroborano o smontano certe posizioni. Ma questo sarebbe un altro discorso. Parsimonia, thanks.

Nel momento che un contributo sarà tratto dalle nostre esperienze, o dei nostri cari, darebbe un tipo di informazioni, appunto più genuino e diventerebbe, a mio avviso, anche molto più interessante.

Qui non si ha la pretesa di dimostrare nulla, né di doverla comprovare, non si parla di dottrine né di percorsi spirituali, né di nuova medicina, né di fare pubblicità, sia chiaro, fa testo la buonafede e il buonsenso. E ognuno prenda per buono ciò che ritiene valido. Si parla in modo semplice e di piccole cose, di piccoli scambi tra di noi, di curiosità, di piccole esperienze; nessuna pretesa di cambiare la storia della medicina, né di salvare l'umanità.

Dico la mia intanto, se può interessare. Così dò l'imprinting al discorso:

___________
___________


Prima vorrei levarmi delle curiosità e sapere se a qualcuno di voi succede quel che capita a me:

Ad esempio io so che se mi viene gola di dolci, esattamente due giorni dopo mi "arriverà" l'influenza.

Per combattere la febbre, quando ce l'ho, personalmente mi aiutano le Mele.

Mangiando l'insalata prima della pasta, a mo' di antipasto, contribuisco notevolmente a migliorarmi la digestione.

Nel momento che una punta di mal di gola si presenta, che per me è difficile fermare, che poi si associa di solito a una forma di bronchite, il Té caldo con il miele mi permette di risolvere in un giorno - quello che prima avrei risolto in una settimana.

Per il mal di testa da cervicale, qualcuno ha trovato un qualche lenente che aiuti a dare pace?

PS

Grazie per la collaborazione

[Misti mi morr Z - 283] Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno.
Ultima Modifica 7 Anni 9 Mesi fa da Calvero.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 9 Mesi fa #7121 da kempis
Risposta da kempis al topic I consigli della nonna
Ecco qua, grazie Calvero:

La tisana di zenzero con scorza di limone e foglie di stevia (per chi le ha) é ottima per raffreddore e problemi di stomaco.

Per il mal di gola però da provare assolutamente: gargarismi con acqua e 5-10 gocce di tea tree oil (albero del the-malaleuca) più volte al giorno. Ci ho guarito anche un paio di tonsilliti mie e dei miei figli con placche e febbre alta - nell'arco di uno-due giorni!

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 9 Mesi fa #7122 da Calvero
Risposta da Calvero al topic I consigli della nonna
Grazie a Te :sun:

[Misti mi morr Z - 283] Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 9 Mesi fa #7126 da kempis
Risposta da kempis al topic I consigli della nonna
Per quanto riguarda il mal di testa da cervicale, ho vissuto un'esperienza da incubo per quello che é capitato a mio figlio, all'epoca 9 anni, ed ho una vasta esperienza in materia.

A seguito di un trauma, nel nostro caso una fisioterapia fatta male, mio figlio ha sofferto di dolori di testa atroci per oltre un anno. Passava le giornate chiuso in camera a urlare per il dolore. Non andava a scuola e, più importante, non viveva, ma subiva questa tortura indicibile giorno dopo giorno, senza un secondo di pausa.

Visto che nessun antidolorifico funzionava e che dagli esami fatti non risultava niente, ovviamente secondo i medici si trattava di una grave problema psicologico.

Forse un giorno troverò il tempo e racconterò la nostra storia, in cui abbiamo vissuto un po' di tutto, compreso il pericolo del ricovero all'ospedale psichiatrico per il bambino, con somministrazione di psicofarmaci e contestuale privazione della potestà genitoriale.

Grazie a internet e alla mia testardaggine ho evitato tutto ciò. Ne siamo usciti alla grande. Mi limito qui a dire che ho raccolto moltissime informazioni ed esperienze, anche parlando con chiunque incontrassi e che ne soffrisse.

L'argomento è vastissimo, cercherò di individuare i punti principali:

Intanto il tuo mal di testa potrebbe dipendere, come nel 90% dei casi, da un disallineamento dell'atlante, l'ultima vertebra prima del cranio. È facile capirlo:

hai dolori ai muscoli delle spalle, quando li tocchi? quando chiudi i denti, sono ben allineati? Prova a metterti di fronte ad una parete o un qualcosa con righe parallele orizzontali (tipo le persiane di una finestra): le spalle sono allineate, o una é più alta? Ricordi un trauma, tipo un incidente d'auto o una brutta caduta, che abbia coinvolto la zona testa-collo-spalle? Oppure ne soffri da sempre, anche da piccolino? Sei nato con taglio cesareo o con forcipe? Da piccolo non dormivi bene la notte ed eri sempre nervoso? Questi sono dati indicativi, ma non devono ricorrere tutti insieme.

In questo caso: dovresti provare la terapia dei punti trigger. Tra l'altro elaborata dalla dottoressa Travell, medico personale di Kennedy, che soffriva di dolori cronici invalidanti e che grazie a tale terapia ha potuto vivere normalmente. Per le forme più tollerabili di mal di testa, la terapia dei punti trigger si può ripeterea seconda delle esigenze e si può imparare: esiste il manuale della stessa dottoressa Travell che è fatto bene.

Ma potresti trovare un terapeuta dei punti trigger, e se il metodo che utilizza é valido, nel senso che se vedi che in effetti tu stai meglio, potresti imparare osservando quello che fa lui e poi ripeterlo da solo o facendoti aiutare da qualcuno. Io abito a Lussemburgo, e qui, come in Francia e Germania, si trovano trovano molti validi terapeuti. So invece di esperienze negative in Italia, dove questo settore é completamente ignorato o quasi.

Importantissimo poi mantenere la parte del collo al caldo, evitando qualunque esposizione a colpi di freddo, tipo aria condizionata.

Per forme gravi di cefalea, forme croniche e invalidanti, esiste, e può essere risolutiva (in modo definitivo!!!) la terapia dell'atlante.

Si tratta di una manipolazione chiropratica della vertebra. Tu chiedi di non rimandare a link, ma il campo é veramente infinito, e c'é un sito che fornisce indicazioni utilissime su questa problematica. Si tratta del sito del centro di Zurigo di Atlantotec, in italiano, consiglio di farci un giro perché é veramente fatto bene.

Ma: SCONSIGLIO assolutamente di farsi mettere le mani sulle vertebre!! Soprattutto dal centro di Atlantotec, o da un qualunque chiroterapeuta in Italia!!

La manipolazione dell'atlante, praticata anche in passato in Europa e in Asia, é uno di quegli argomenti "scottanti" della medicina. Tenuto completamente nascosto, in quanto risolutivo di una grandissima parte dei dolori cronici di testa e schiena.

Ci tengo a ripeterlo: é estremamente pericoloso intervenire a livello di questa vertebra, si deve trattare di un chiropratico di grande esperienza e preparazione. Qui da noi, dove per essere chiropratico basta un corso, anche di alcuni fine settimana, da evitare assolutamente.

Per le persone tagliate fuori dalla vita, nella totale indifferenza di tutti, che soffrono le pene dell'inferno e per le quali le giornate sono un susseguirsi di torture fisiche e psicologiche perché spesso e volentieri, oltre al dolore devastante che provano, si sentono ripetere che la colpa è solo loro, della loro paura di vivere, del rifiuto delle responsabilità, non solo dai medici ma anche dalle loro famiglie, amici e conoscenti inclusi, per queste persone, e SOLO per queste:

suggerirei di INFORMARSI in internet sulla terapia dell'atlante e cercare un ottimo chiropratico. Con la consapevolezza che una manipolazione all'atlante, che dura un secondo, può salvare da una vita orribile ma non é del tutto priva di rischi.

L'argomento mi sta molto a cuore, penso si sia capito! Ho cercato qui di limitarmi al minimo, e comunque ne é uscito un post lenzuolo. In caso di interesse sarei felice di condividere quanto ho appreso in questi anni.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 9 Mesi fa #7132 da Anteater
Risposta da Anteater al topic I consigli della nonna
Mah...spesso la nonna dava consigli pericolosi o inutili...tipo sciacquare con l'acqua borica gli occhi...

Quindi nonna o non nonna il thread può esser divertente...decisamente più immediato che zenzero+limone...il mal di gola si guarisce con cipolla cruda...

Sopra leggevo di un mal di testa provocato dalle vertebre...secondo me non è sufficiente...ci deve essere un dettaglio sfuggito...

Comunque consiglierei questo...


Slobbysta

La speranza e la preghiera sono un chiedere...MEGLIO INVECE DARE! ...Slobbysta

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 9 Mesi fa #7134 da RedStark
Risposta da RedStark al topic I consigli della nonna

Calvero

Prima vorrei levarmi delle curiosità e sapere se a qualcuno di voi succede quel che capita a me:

Ad esempio io so che se mi viene gola di dolci, esattamente due giorni dopo mi "arriverà" l'influenza.

Ne sono goloso, fn troppo.........
Mi capita una cosa analoga, nel senso dell'avere disturbi legati all'assunzione di dolci: se ne mangio in maniera eccessiva e porto avanti la cosa per un po' di giorni (o poche settimane), inevitabilmente sento le articolazioni gonfie e "legate"; non c'è limitazione di mobilità o gonfiore fisico, però questa è la sensazione. Eliminando i dolci si torna alla normalità.

- Hicks, come mai non stai lavorando? --- Perchè non c'è nulla da fare.
- Allora perchè non fai finta di lavorare, figliolo? --- Perchè non fa finta lei che io stia lavorando?

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.273 secondi
Powered by Forum Kunena