Gli occhi

Di più
6 Anni 3 Mesi fa - 6 Anni 3 Mesi fa #16960 da Calvero
Gli occhi è stato creato da Calvero
Una curiosità, ma c'è ancora qualcuno che guarda le persone negli occhi e sa che non ci si può sbagliare. Ma voi avete visto gli occhi di questo Zuckerberg? Ma l'avete osservato?

Non si tratta di cose elementari e caciottare, come i nostri italioti medi; c'è bisogno che parli un "Renzi" per capire che gli stessi occhi sono quelli del collega di lavoro che non vorresti mai avere al tuo fianco? ... c'è bisogno che parli un "Di Maio" per capire che il suo sguardo vacuo è in perenne conflitto col suo sorriso, che certi occhi sono semplicemente lo specchio dell'anima? O quelli di Attivissimissimo, sempre preda di un'agitazione che si sforza di apparire serena.

... invece li avete visti gli occhi di Mazzucco * quando parla su youtube, o di Giulietto Chiesa? o di Agosti, o di Arrigoni, ti viene naturale pensare che puoi lasciargli tuo figlio a che lo accompagni a scuola al posto tuo.

Ma quelli di Zuckerberg, ma avete visto bene cosa dicono? Sono una cosa terribile, probabilmente riescono a battere quelli della Clinton, che li mettevo al primo posto.

Gli occhi non mentono. Il sorriso sottolinea come.

* Ho detto Mazzucco, perché lo conosciamo tutti e si presta magnificamente come contrasto.

E il sorriso di Mentana, l'avete mai osservato?

La mia tesi è questa:

- a un certo momento della nostra esistenza, occhi e sorriso divengono incontrollabili alla razionalità e non è più possibile sganciarli dalla propria coscienza.

[Misti mi morr Z - 283] Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno.
Ultima Modifica 6 Anni 3 Mesi fa da Calvero.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 3 Mesi fa #16961 da NRG
Risposta da NRG al topic Gli occhi
Mamma mia Calvero quanto hai ragione!

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 3 Mesi fa - 6 Anni 3 Mesi fa #16962 da mg
Risposta da mg al topic Gli occhi
Non credo di non poter sbagliare.

Ma questo Zuckerberg, che onestamente ho potuto osservare per la prima volta nel video proposto da Massimo, mi ha trasmesso un profondo senso di rigetto e di disagio interiore. Ma non solo gli occhi, proprio la sua faccia, la mimica facciale, le espressioni. Questo, e la vivida impressione che la testimonianza al congresso, in particolare la clip proposta, sia una sorta di video promozionale, mi hanno impedito di finire di vederlo, nonostante la sua brevità. Non lo so spiegare in maniera razionale con le parole, è una cosa che senti dentro, e in questo caso è stata davvero molto forte.

Forse la tua tesi è esagerata, ma sicuramente la mimica (che non è detto sia solo quella facciale) può rivelare le intenzioni, gli stati interiori e anche, perchè no, la coscienza. C'è però chi, in diversa misura, è in grado di controllare la propria mimica, ma è necessario un certo addestramento ed allenamento continuo, e si può comunque sempre sbagliare.

Le pulsioni interne sono sicuramente difficili da nascondere a qualcuno che sa osservare il linguaggio del corpo. Pochi ci riescono veramente bene.

"Il solo obbligo che io ho il diritto di arrogarmi è di fare sempre ciò che credo giusto."
Ultima Modifica 6 Anni 3 Mesi fa da mg.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 3 Mesi fa #16963 da Calvero
Risposta da Calvero al topic Gli occhi

mg ha scritto: Forse la tua tesi è esagerata,


Leva il forse. Per questo la ritengo interessante.

ma sicuramente la mimica (che non è detto sia solo quella facciale) può rivelare le intenzioni, gli stati interiori


Beh, questa è una certezza iper-assodata. Gli studi sono arrivati ormai a un livello tale, che non credo si possa andare oltre. Ma non è questo quello che associo alla mia tesi. Sto parlando di altro. Tu parli di cose scientifiche, che hanno un notevole valore; ma come tutte le cose scientifiche, non spiegano mai un cazzo. Lo incasellano e basta. Il punto arriva quando dici così:

e anche, perchè no, la coscienza.


Esatto, almeno, questa è la mia tesi; però non l'associo ai concetti che TU hai messo vicini. La mia tesi, li separa invece. La tesi dice che la questione è - a prescindere - dallo studio del comportamento e della gestualità e di dove [ ad esempio ] guardano gli occhi, come tieni le mani, se sudi, eccetera eccetera (la bibliografia su questi argomenti ormai è sterminata, compreso anche il cosiddetto mentalismo) ...

... sostengo (e non lo valuto da oggi) che a un certo punto della nostra esistenza, la coscienza trasfigura la nostra fisionomia. Ed è inappellabile; sostiene la tesi: che occhi e sorriso, sono ineludibili a questa ri-formulazione di coscienza/corpo.

C'è però chi, in diversa misura, è in grado di controllare la propria mimica, ma è necessario un certo addestramento ed allenamento continuo, e si può comunque sempre sbagliare.


Sono d'accordo. E lo sono; e per questo l'avevo ben specificato e pesato con le parole precise, quindi solo fino al momento in cui trascende e nessuno può controllarlo. Preciso ancora meglio:

- ritengo che questa "trasfigurazione" di cui parlo (butto un termine a caso per fare prima, poi troverò un neologismo, tanto siamo sul forum di "cose frivole") avviene nel tempo, in che modo? ... in modo inversamente proporzionale alla forza con cui i valori/disvalori hanno corrotto o liberato la coscienza.

Più il grado è alto, e prima avviene.

Le pulsioni interne sono sicuramente difficili da nascondere a qualcuno che sa osservare il linguaggio del corpo. Pochi ci riescono veramente bene.


Certo. Ma ci tengo a precisare: non sto parlando di pulsioni.

[Misti mi morr Z - 283] Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 3 Mesi fa #16964 da Calvero
Risposta da Calvero al topic Gli occhi
Questa la prendo a parte, che faccio meno confusione:

mg ha scritto: Non lo so spiegare in maniera razionale con le parole, è una cosa che senti dentro, e in questo caso è stata davvero molto forte.


Esattamente.

E qui il discorso si fa divertente.

Ritengo che la razionalità sia una bufala, ed è una distorsione di un errore psicologico.

Ma il punto interessante che hai espresso, rimane.

Aggiungo la seconda parte della Tesi (se qualcuno ha un nome, meglio):

- il riscontro avviene in maniera inversamente proporzionale a quanto noi avvaloriamo l'importanza della razionalità nella nostra consapevolezza. Tradotto: la razionalità (che è un errore psicologico) filtra la purezza e le informazioni del segnale. Annebbiandone cioè la percezione.

Tradotto ulteriormente: il fatto che tu non lo possa spiegare, è la comprova che lo percepisci correttamente.

[Misti mi morr Z - 283] Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno.

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 3 Mesi fa #16965 da mg
Risposta da mg al topic Gli occhi

Tu parli di cose scientifiche


Però io dico anche che:

Non lo so spiegare in maniera razionale con le parole, è una cosa che senti dentro



Questa tua formula è interessante, diretta e concisa:

la coscienza trasfigura la nostra fisionomia


E ti dico che posso anche essere d'accordo.

"Il solo obbligo che io ho il diritto di arrogarmi è di fare sempre ciò che credo giusto."

Si prega Accesso a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.477 secondi
Powered by Forum Kunena