Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

Commenti Recenti

rss

di Maurizio Blondet

Cominciamo a ricordare – perché è la  dimenticanza che ci rende più servi – cosa fu quello che la Banca Centrale Europea (e i politici  UE) chiamarono “il salvataggio concesso” ad Atene. La BCE lanciò il SMP (Securities Market Programme) che consiste  nel  comprare il debito greco sul mercato secondario.

Cosa è il mercato secondario? E’ quello dove la banche vendono e  comprano  i titoli degli stati. Trattandosi di titoli greci, soprattutto le banche – tedesche e francesi –  avevano fretta di vendere. Se non ci fosse stata la BCE a  comprarli,  avrebbero dovuto non vendere, ma svendere quei titoli che allora nessuno voleva.

Quindi, l’azione di salvataggio ha salvato le banche tedesche e francesi, che avevano prestato in modo spropositato e come minimo incauto, ad una economia così piccola e debole. Draghi le ha  sottratte  alla sanzione che  i “mercati”  liberi riservano a chi investe male, prestando a debitori insolventi:  il  meritato fallimento. E le ha pagate più di quel che i titoli valevano.

Non basta: le banche centrali nazionali, certo su stringente consiglio della BCE, ne seguono le orme, lanciando un loro “programma di salvataggio”, ANFA (Agreement on Net Financial Assets), insomma anch’esse acquistato titoli greci, salvando le banche loro (noi italiani abbiamo salvato le banche altrui; non avevamo grandi esposizioni con Atene).

Comunque, direte, le banche hanno venduto alla BCE a meno di quel che potevano pretendere dal debitore, hanno fatto un sacrificio. L’Europa ha teso una  mano al governo greco, la BCE si è accollata titoli che sono carta straccia.

Prego, guardiamo meglio: la BCE ha raccattato i titoli a prezzi da  liquidazione, ma dalla Grecia pretende il rimborso del montante iniziale.

Ha dunque ricavato una plusvalenza dalla differenza tra il prezzo a cui ha acquistato, e quello a cui esige il rimborso. Draghi ha   speso 40 miliardi per comprare titoli greci dal valore facciale di 55,  stimava il Financial Times.

Non solo: la BCE nel frattempo ha lucrato gli interessi su quei titoli. Intereessi alti, perché sui  titoli acquistati di seconda mano, lo  sono. La Grecia paga interessi a tasso del 5,9 per cento. L’aprile scorso così  la Grecia ha   pagato 1,34 miliardi di euro a quel tasso.

La stessa BCE valuta  che i profitti realizzati in questa operazione in 10,4 miliardi di euro.  Un’altra organizzazione, Campagna per il Giubileo, che ha dei docenti universitari nel suo seno, stima i profitti di Francoforte “fra 10 e 22 miliardi”.

Fatto è che nel 2012 la cosa si è risaputa, ed i profitti della BCE  estratti al popolo greco avendo cominciato a fare scandalo, allora – e solo allora – gli Stati membri della UE hanno preso l’impegno di “retrocedere”, ossia di restituire alla Grecia, su base annuale, i profitti intascati.  Ohibò? Ma era un diritto della Grecia, oppure no? Non saprei.  Certo  è l’indizio di una coda di paglia chilometrica.

Però attenzione, c’è il trucco: la retrocessione dei profitti lucrati con  SMP e ANFA, è una cosa che spetta fare agli stati membri. Non poteva restituirli la BCE direttamente, cosa più semplice? Ma no,  perché la BCE vi spiegherà che lei, i profitti che realizza, li versa per quota alle banche centrali nazionali, le quali essendo banche private costituite da consorzi di banche private, e  dove lo Stato è  solo uno degli azionisti, distribuiscono i profitti agli azionisti. E’ il mercato, ragazzi. Ha le sue regole.

Di fatto, gli stati europei, nel 2013, hanno versato “alla Grecia” una prima tranche di 2,7 miliardi. Ho scritto “alla Grecia” tra virgolette, perché in realtà l’hanno versato su un conto speciale dedicato. Dedicato al  rimborso del debito.  Insomma i creditori hanno versato  i 2,7 miliardi in realtà a  loro stessi, in un conto di deposito per la propria garanzia.  In Grecia, di quegli interessi che i greci hanno pagato, non è entrato un euro.   Nel 2014, gli stati europei hanno versato un’altra tranche – ma cambiando ancora: su un conto intermedio del MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) che è situato, guarda le coincidenze, in Lussemburgo. Cioè quel paradiso fiscale di cui il capo della commissione europea Juncker è stato primo ministro per quasi vent’anni (1995-2013), facendo  quegli accordi fiscali con 550 multinazionali per attrarne le sedi nel piccolo centro; le multinazionali che si sono messe d’accordo  con Juncker hanno pagato l’1%  sui profitti trasferiti nel Granducato  (a proposito: la scoperta  fu fatta da un consorzio di giornalisti nel 2014. “Non bloccherò l’indagine”, promise Juncker a testa alta. Qualcosa però dev’esser successo, perché son passati 3 anni e tutto tace. Forse perché le indagini  su Juncker sono affidate a Margrethe Vestager, commissaria alla concorrenza, sua collega e sottoposta in oligarchia?).

Lasciamo perdere, non dobbiamo distrarci  da questi interessi che gli stati UE si sono impegnati di restituire ai greci. Abbiamo visto che i creditori hanno versato qualcosa  nel 2013; qualcosa in un conto dormiente alle Cayman d’Europa (Granducato) l’anno dopo.  E poi? Poi più niente. Perché   a giugno 2015, gli stati europei si sono rimangiati l’accordo … pardon, mi correggo: l’ hanno bloccato  con la motivazione che finché Atene non si piegava alle austerità e ai tagli ferocissimi richiesti dai creditori, nemmeno più un euro.

La sospensione, l’ha chiamata l’Eurogruppo,  è dovuta “al ritiro della Grecia dal tavolo negoziale sul prolungamento della durata del secondo programma”;  naturalmente “nell’ipotesi di un nuovo accordo, questi [profitti] saranno utilizzati”  – per darli ai greco, direte voi. No: “saranno utilizzati per alleggerire il debito greco in caso di non- sostenibilità di esso e della messa in opera di  misure di  riforma”.    In pratica, sembra che con ciò  si voglia dire: se le “riforme”   che noi euro-usurai imponiamo ai greci rendono insostenibile il debito greco, noi ci serviremo  lautamente di quel monte di interessi ch non vi restituiamo.

Ma c’è anche un’altra spiegazione:  che i farabutti  banchieri e governi creditori abbiano usato  la negazione di questi interessi –  che sono dovuti alla Grecia, per loro stessa ammissione – come arma di ricatto. Avevano vinto Tsipras e a trattare c’era Varoufakis, bisognava punirli i greci, far vedere che delle banali votazioni non possono essere opposte a trattati europei, come disse Juncker allora.

Del resto già nel 2012, quando la faccenda degli  interessi indebiti divenne nota, subito i creditori europei condizionarono la retrocessione alla continuazione dei programmi di austerità:  condizione illegittima – diremmo illegale, se nella UE vigessero i principi della  legalità. Ma l’esempio l’ha  dato la stessa  BCE, condizionando la retrocessione del dovuto a delle specifiche riforme: qui sì illegalmente, in violazione patente dei propri statuti di istituzione  tecnica.  politicamente indipendente.  Per coincidenza, le riforme imposte dalla BCE  sono quelle che vuole la Merkel con Schauble.  Persino il Fondo Monetario, ed è tutto dire,  ha espresso disagio per questa  brutalizzazione del popolo ellenico,   e ammette che queste “riforme” aggravano la situazione debitoria della Grecia; bisogna essere nell’Europa Unita  per vedere simile spietatezza disumana e inflessibile.

I successi  tecnici di questa cura sono lì da vedere: nel 2010 il debito della Grecia era il 146,25 per cento del Pil; nel  2016 è salito a 183,44,  e nel 2017 salirà ancora a 184, 74.  Il debito diventa  sempre più impagabile. Però  i creditori hanno imposto al governo di Atene  altri tagli delle pensioni e annullamento di tutti gli alleviamenti tributari,  e  ciò per “darle” 3,8 miliardi, che deve rimborsare alla BCE: insomma prestiti ad interesse, altri prestiti. Eppure ci sono 4,5 miliardi degli interessi dovuti, e bloccati dai criminali creditori. Nel frattempo la Grecia ha un avanzo primario – che deve dedicare ai creditori, e si è impegnata a mantenere l’avanzo primario per 10 anni: ogni anno, un avanzo di bilancio di 3,5. Il Fondo Monetario ha minacciato di ritirarsi dal “salvataggio”,  ritenendolo  impossibile e inumano.  Sembra che Schauble abbia accettato una riduzione dell’avanzo primario; ha paura, per una volta, l’usuraio ministro delle finanze: paura che il FMI  si ritiri, e allora si veda che il problema della Grecia è l’insolvenza, non  la mancanza di liquidità che i creditori graziosamente le coprono prestando  ad interesse.

Questa è l’Europa a cui ci dicono che bisogna restare aggrappati, perché sarebbe la nostra salvezza. Fosse un nemico, avrebbe trattato i greci  un po’ meglio.  L’Europa calpesta l’umanità. Non riconosce pietà. “Se prendi in pegno il mantello del tuo prossimo, glielo renderai al tramonto del sole, perché è la sua sola coperta”  prescriveva Esodo 22, 24-26).

Draghi non restituisce il  mantello al debitore; glielo presta ad interesse.

Fonte

 

Aggiungi Commento   

Puskin
#1 Puskin 2017-05-19 09:54
Mah! tutta sta favoletta dei greci buoni e dei Goti cattivi è da rivedere. La Grecia ha vissuto per anni come una cicala, canticchiando e suonando spensieratamente il bouzouki, credendo di essere europea di nome e di fatto, con un welfare scandinavo, stipendi francesi, producendo ... solo olive, ouzo e pesciolini da frittura, infine truccando i bilanci per entrare nell'euro, convinta di scaricare tutti i debiti sulla figlia di Agenore. Sostituendo alla parola Grecia la parola Italia le cose non cambiano tanto. Il lamento del debitore contro il creditore cattivo ha troppo il sapore del chiagni e fotti. A riprova di queste intenzioni ellenike c'è il conio dell'euro greco dove viene rappresentato il mito di Zeus che con l'inganno si inchiappetta Europa!
Sarevok
#2 Sarevok 2017-05-19 11:24
Eh già, poverine le banche. Sicuramente non sapevano qual era la situazione reale della Grecia, son tutti scemi alla BCE e al FMI, e infatti poverini si sono dovuti accontentare di requisire i porti, gli aeroporti, i monumenti storici del paese, sicuramente sono andati in perdita. E sono convinto che anche i politici che hanno portato la Grecia in Europa non si immaginavano nulla, e anche loro si saranno sicuramente tagliati stipendi e prebende varie diventando poveri come i loro concittadini. Sicuramente il sistema mediatico greco è stato solertissimo nell'informare i Greci circa il rischio di legarsi ad una moneta troppo forte, senza la possibilità di svalutare, con un economia non in grado di sostenerla. Non avranno mica gridato a reti unificate come da noi quanto fosse bella, brava, virtuosa e ricca la nuove Unione Europea, e vantaggiosissimo entrarvi. Mannaggia 'sti elleni!
Redazione
#3 Redazione 2017-05-19 11:27
PUSKIN: Citazione:
Mah! tutta sta favoletta dei greci buoni e dei Goti cattivi è da rivedere.
Secondo me è invece da rivedere la favoletta che "i greci hanno vissuto sopra le loro aspettative, per cui ora ne pagano le conseguenze".

E' un ottimo alibi per chi vuole sostenere le banche criminali. Una foglia di fico per i più grossi figli di puttana che esistano su questa terra.

Guardati un paio di documentari sulla Grecia di oggi, e poi vienimi a raccontare che tutto quello che gli sta succedendo "è perchè hanno vissuto sopra le loro aspettative".
Puskin
#4 Puskin 2017-05-19 11:52
@ Massimo ... sulla spietata criminalità delle banche non ci piove.

Ma l'affaire è fra il popolo e i suoi governanti e non fra i Politici Greci e l'Europa (prescindendo dalle difficoltà oggettive di tali regolamenti di conti).
Così come per l'Italia. I tedeschi e i francesi fanno gli interessi di Germania e di Francia, siamo nel campo dell'ovvietà, chi fa debiti poi non si lagni che li deve pagare.
N.B. Ho letto anche io: Confessioni di un killer dell'economia, eh! E ti dirò, quelle cose già le sapevo ;-)
Anteater
#5 Anteater 2017-05-19 12:13
PuskinCitazione:
..credendo di essere europea di nome e di fatto, con un welfare scandinavo, stipendi francesi, producendo ... solo olive, ouzo e pesciolini da frittura, infine truccando i bilanci per entrare nell'euro, convinta di scaricare tutti i debiti sulla figlia di Agenore.
Se non è Europa la Grecia...vorrei capire chi lo sia...
Chi ha truccato i conti è stata Goldman Sachs...la quale per quanto mi risulta può ancora fare business in Europa...Qui in questo continente allo sbando succede questo...ma d'altronde esser obbligati a comprar titoli tossici...Vedere la Deutsche Bank e le altre, pagare penali agli USA mentre le "loro" corruzioni/truffe in suolo europeo manco vengono sfiorate giuridicamente..beh...

Slobbysta

L'Italia è artefice con i compari di merende, di questa situazione...personaggi "italici" come Draghi...come quel finocchio di La Russa che ha prestato le basi aeree per perdere meglio la Libya...e tanti altri hanno contribuito a diluire la forte personalità italica per farla diventar...la famiglia Cipolla che col tavolino pieghevole va fuori porta lasciando sul posto cartacce e stagnole...L'Italia che manda a letto i bambini dopo il carosello...L'Italia politica che si indigna per i mercanti di uomini e invia "schiavi" nelle miniere belghe...
Agnelli di italiano aveva pochissimo...eppure...

Slobbysta
Puskin
#6 Puskin 2017-05-19 12:21
@ Slobby

Pensavo si capisse, ovvio che è Europa, culturalmente (ne è davvero la madre) e geograficamente (l'hanno definita loro così), intendevo come economia, dalla morte di Agamennone (battuta) sono stati sempre indietro, dopo l'ingresso nella UE hanno cominciato a montarsi la testa (anche e non solo con i fondi europei), ad andare in pensione a 50 anni a comprarsi la motocarrozzella Piaggio ribassata, facendo debiti. I colonnelli non c'erano più, qualcuno si è democraticamente distratto. Proprio come quegli italiani che continuano a votare DC, Berlù, Renzì ;-)
Spero di essere stato chiaro.
wendellgee
#7 wendellgee 2017-05-19 12:54
Vedo che Blondet non ha perso la sua pessima abitudine di non indicare le fonti delle sue affermazioni. Provo a metterci una toppa (parziale) con questa infografica del Sole24Ore che mostra, come effettivamente dice Blondet, che i soldi che abbiamo dato alla Grecia, in realtà, sono serviti per fare rientrare le banche francesi e tedesche dalle loro esposizioni verso l'economia ellenica.



Inoltre Blondet si concentra, come altri, sul debito pubblico e questo è fuorviante perché il problema che ha originato la crisi greca (e di tutti i PIIGS) è stato il debito privato (segue grafico). Lo so che la maggior parte di voi lo sa già, ma è bene ricordarlo ai nuovi arrivati.

edo
#8 edo 2017-05-19 12:54
Ottimo articolo. La realtà è una brutta rappresentazione delle peggiori intenzioni della mente umana.
Anteater
#9 Anteater 2017-05-19 13:18
Puskin era chiaro il tuo discorso, ma ho sfruttato l'occasione di rammentare che le banche americane hanno fatto di tutto e più, e l'Europa gli ha pure srotolato il tappeto rosso...colore del suo Stato economico!
Una chiave di lettura è capire che gli oggetti di pregio privatizzati potranno tramite le tasse "riaggiustare" comunque i conti, oppure se i medesimi per evitar una delocalizzazione vengono addirittura sgravati di porzioni importanti di contributi!

È importante oltretutto capire quale potrebbe essere la "punizione" se non si riconoscesse più il debito pubblico, avendo appurato che suddetto è stato pianificato per mettere con le spalle al muro interi popoli...
Se si limitasse ad escludere nel commercio internazionale oppure se si parla di bombe o peggio terrorismo che periodicamente sabota le intenzioni di indipendenza...in stile bombe~Mar Rosso e crollo del turismo...

Slobbysta

PS PuskinCitazione:
..dopo l'ingresso nella UE hanno cominciato a montarsi la testa..
Diciamo che quando andai in Grecia in realtà ho respirato enormi contraddizioni...ma il "tuo" montarsi la testa non l'ho trovato! Debuttando che a me i greci non mi "piaciono" troppo...ho trovato comunque una marcata "tradizione" anni60...soprattutto nei paesini...molto romanticismo condito con cetrioli...che a me fanno fare i ruttini per tre ore...una archeologia da discarica (quella vera) e quella più famosa in stile Disney...No non si son montati la testa(fossero africani, magari..) dopo i colonnelli...mica è cambiato troppo...meglio non cercar una canna a Creta...si pescano solo guai...aria da anni50...
Mi ricordo una cosa esaustiva davvero RIDICOLA! Erano circa le 3eCifola del mattino...spiaggia disco~bar strada bislunga...arriva un cesso di auto con la luce blu...sono i poliziotti...ecco che una dopo l'altra le discoteche tolgono la luce Puf puf una dopo l'altra...mentre la musica con una moina si smunge nel silenzio per poi riprendere come stanca 200metri dopo che sia passata l'oldtimer a 4ruote...mi spiegarono dopo che questa FARSA era comunque un certo rispetto per le autorità!

Penso che questo sia uno spaccato della Grecia in Re minore...I prìncipi non son i princìpi...!

Slobbysta
Puskin
#10 Puskin 2017-05-19 13:30
@ Anteater

eh c'ho so' ... amaro destino, però ci sono stati popoli più accorti che non son cascati nel giochino, tipo Islandesi: banchieri al gabbio debiti completamente rinegoziati, senza subire attentati dell'Isis nè bombardamenti, vabbè so piccoli, then: Cuba, Ungheria, Corea del Nord, Persia, Russia, non cascano nel giochino, vabbè s'appoggiano alla Russia (e la Russia a chi si appoggia ?), altri paesi con popolazioni accuort' ... quelli da sempre ricchi che contano i centesimi e non li fotti mai: Norvegia, Svezia, Danimarca.
Anteater
#11 Anteater 2017-05-19 14:04
Puskin "vigliacco" hai dimenticato apposta Venezuela e Argentina...e allora con la bile da vomito ricordo che Chavez era arrabbiato con "Israele" non a caso...l'Argentina ben peggio...ci son conflitti ben chiari...anzi trovo sbagliato che qui su LC non si discuta di che cazzo sta accadendo in Venezuela...andiamo su l'Antidiplomatico che si sta sbracciando a spiegare lo schifo che sta MAdURANDO...
etrnlchild
#12 etrnlchild 2017-05-19 14:47
@Puskin
Citazione:
producendo ... solo olive, ouzo e pesciolini da frittura,
Mi sfugge il nesso tra cosa si produce e il tenore di vita. Non è "il cosa" ma quanti lo vogliono, come ci ricordano le basilari regole di mercato.
La Grecia avrebbe di che vendere...
Torrido
#13 Torrido 2017-05-19 15:38
Condividendo l'articolo,bisogna somatizzare che la situazione Greca e simile in anticipo a quella I/Tagliana,ma per noi, ancora più negativa sul fatto che noi codardi, non avremmo mai il coraggio di rivoltarsi come stanno facendo i Greci e i Venezuelani.Ricordatevi che se votando potessimo cambiare la cose non ci permetterebbero di votare!
fabiomln
#14 fabiomln 2017-05-19 16:20
I Greci non sono mai vissuti sopra le proprie possibilità e nemmeno gli Italiani (al massimo lo hanno fatto i farabutti che si sono spartiti il frutto del lavoro del popolo).
Ma qui è tutto chiaro e non capisco chi ancora non vede.
L'Europa è uno strumento dei forti per soggiogare i più deboli.
La grande Germania, attraverso la moneta unica, ha disinnescato uno degli strumenti fondamentali in mano ai governi ovvero la possibilità di svalutare per ritrovare competitività (qualcuno si ricorda dell'Argentina cambio fisso con USA????). Inoltre ha tolto a stati sovrani la possibilità di decidere la politica economica del paese essendo obbligati a chiedere in prestito denaro che prima uno stato poteva stamparsi in casa (al massimo generando un po' di svalutazione, la qual cosa non era nemmeno negativa) secondo necessità.
La Germania sta per la terza volta nella storia recente tentando di soggiogare gli altri a se stessa. I britannici l'hanno capita (oltre al fatto che erano già fuori dall' eurozona).
Noi, ignoranti, lo capiremo solo con la pancia, quando sarà completamente vuota e non avremo più nemmeno la forza di alzare i forconi (e verso chi poi? ... i nostri politici che ci hanno consegnato alla distruzione? per fare ché? vendetta?). I Greci sono schiavizzati. Non si risolleveranno MAI. A noi toccherà fra qualche anno ... ma non tanti.
peonia
#15 peonia 2017-05-19 16:54
Se ne era gà parlato ai tempi del crollo economico della Grecia .... ma lo ripropongo per chi non l'avesse ancora visto, come forse Puskin...

“Il grande successo dell’euro”: così Mario Monti nel 2011 definiva la Grecia, all'epoca già colpita da una grave crisi economica e sottoposta a programmi di austerità che non davano segni di efficacia.
E in effetti i greci nel film raccontano di una nazione relativamente prospera che retrocede a paese in via di sviluppo. Una distruzione di ricchezza mai vista in tempo di pace: la disoccupazione è al 26% e il sistema sanitario nazionale è precluso ad un terzo dei cittadini. In questo scenario, la sicurezza di un pasto diventa il primo obiettivo per una grande parte della popolazione.
L'avvento dell'euro rese improvvisamente la Grecia il paradiso dei prestiti, mentre oggi la realtà parla di pignoramenti impietosi. Proliferano le mense di strada e il numero dei senzatetto aumenta. "Non può accadere per caso" - commentano medici e pazienti – che uno stato europeo lasci i suoi malati senza farmaci salvavita. Una conseguenza emblematica e assurda dell'austerità, imposta per salvare la Grecia e che invece scatta come una trappola, letteralmente, mortale.
Come si è arrivati a questo? Nel film lo ricostruiscono alcuni studiosi. Vladimiro Giacché e Alberto Bagnai descrivono l'euro come uno strumento che ha fatto saltare i delicati equilibri europei a tutto vantaggio degli investitori internazionali e dei sistemi industriali nazionali che già erano più forti. Alcuni dati sono paradossali: la Grecia, forte nell'agroalimentare, negli anni dell'euro diventa importatore netto dalla Germania nel settore. Il collasso appare innescato dal debito privato e non da quello pubblico, come solitamente si crede. "La gestione della crisi riflette un approccio ideologico", premette Bagnai, citando il vice-presidente della Bce, il quale, proprio ad Atene, ammise il fallimento delle teorie economiche applicate all'eurozona. I buoni livelli di giustizia sociale raggiunti nel '900 ora sono spazzati da un nuovo paradigma, secondo l'antropologo Panagiotis Grigoriou. Alla fine l'espressione di Monti, così stridente, appare in una luce diversa: l'euro è un successo per pochi. Oggi il fallimento dell'euro è un dato ormai ampiamente riconosciuto: al centro dell'analisi politica ed economica resta la ricerca di una via d'uscita dalla crisi."

vimeo.com/122331366
Uhr
#16 Uhr 2017-05-19 17:52
@ Maurizio Blondet

Citazione:
Avevano vinto Tsipras e a trattare c’era Varoufakis, bisognava punirli i greci, far vedere che delle banali votazioni non possono essere opposte a trattati europei, come disse Juncker allora.
?????

Vorrei ricordare a tutti quelli che attaccano la BCE ( che io odio) in chiave meramente ideologica,
che il novello Che Guevara allo Tzatziki , Tsipras , appena dopo aver vinto il referendum ha calato immediatamente le braghe davanti alle richieste europee .
Alla faccia della "lotta al Sistema" tanto sbandierata da un certo sinistrume anche nostrano.
horselover
#17 horselover 2017-05-19 18:36
in grecia i più ricchi (gli armatori) sono esenti da tasse
P.K.89
#18 P.K.89 2017-05-19 21:20
I greci sono la causa del loro male, come lo sono gli italiani e tutti gli altri. L'ignoranza non è una giustificazione, è la naturale legge di natura. La tecnica che cresce in maniera esponenziale, ha portato il tempo agli sgoccioli. Ma anche la classe dominante sta per arrivare al capolinea. Manca poco al raggiungimento del punto di non ritorno.
peonia
#19 peonia 2017-05-19 21:38
:-o :-o
Puskin
#20 Puskin 2017-05-20 08:44
Citazione:
Anteater 2017-05-19 14:04 Puskin "vigliacco" hai dimenticato apposta Venezuela e Argentina...
E che c'entrano ? Io parlavo di paesi che sfuggono agli uccelli paduli della finanza "internazionale" ... quei poveri paesi li prendono sempre in pieno :-D

@ Peonia ...
Ai voglia che le so quelle cose. Non hai afferrato il succo della questione.

@ Anteater ... eh già l'avevo capito che ironizzavi, specificavo ad Usum Delphini.
Anteater
#21 Anteater 2017-05-20 10:16
Puskin era chiaramente ironico....una scusa per dare un'occhiata da quelle parti visto il conto alla rovescia!

Slob
DaemonZC
#22 DaemonZC 2017-05-24 17:01
Citazione:
#1 Puskin 2017-05-19 09:54

Mah! tutta sta favoletta dei greci buoni e dei Goti cattivi è da rivedere. La Grecia ha vissuto per anni come una cicala, canticchiando e suonando spensieratamente il bouzouki, credendo di essere europea di nome e di fatto, con un welfare scandinavo, stipendi francesi, producendo ... solo olive, ouzo e pesciolini da frittura, infine truccando i bilanci per entrare nell'euro, convinta di scaricare tutti i debiti sulla figlia di Agenore. Sostituendo alla parola Grecia la parola Italia le cose non cambiano tanto. Il lamento del debitore contro il creditore cattivo ha troppo il sapore del chiagni e fotti. A riprova di queste intenzioni ellenike c'è il conio dell'euro greco dove viene rappresentato il mito di Zeus che con l'inganno si inchiappetta Europa!
Si...anche l'Italia del resto..che fa..produce solo pizza e mandolini, nò come i goti..loro SIII che sò forti, producono li carri armati grossi grossi eppure le astronavi! minchia! quasi quasi gli farei nà statua tipo pietà di Maichealangel (noto scultore post moderno Danese)
Sempre la stessa storia, i buoni e i cattivi vè?
Tizio.8020
#23 Tizio.8020 2017-05-24 19:46
Ma la vogliamo finire di parlare di "Italia", Grecia" "Germania"...come se fossero un solo essere vivente e non Paesi composti ciascuno da ricchi e poveri ?
E' chiaro che se "la Germania" sta bene, anche i Tedeschi staranno bene, ma con mille sfumature, non crediate mica che i poveri non ci siano.
Alcuni Paesi hanno differenze enormi di tenore di vita fra il ricoc ed il povero, eppure noi continuiamo a riferirci ad essi col nome del Paese!
Gli "armatori" Greci stanno benone, la gente comune NO.
Idem qui: chemmenefotte se Elcan "cià i miliardi", dal momento che io lotto per fare tre pasti al giorno?
Eppure sempre nel cumulo ci si considera...

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO