Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

Commenti Recenti

rss

"La centesima scimmia" è il nuovo film documentario del filmmaker Marco Carlucci. E’ il contro-racconto dell’attuale crisi finanziaria e sociale, vista in un’ottica opposta a quella istituzionale, un punto di vista che mette in guardia la gente comune nei confronti della propaganda che da anni ripete il mantra di un prossimo miglioramento delle economie. Partecipano: Monia Benini, Solange Manfredi, Claudio Borghi, Nigel Farage, Lidia Undiemi, Fernando Rossi, Paolo Barnard, Riccardo Bellofiore, Vandana Shiva, Karen Hudes, Serge Latouche.

Principali temi trattati: La vera storia del trattato di Lisbona - Amato, Draghi e la Goldman Sachs - La disperazione della Grecia - Il MES come fondo salvabanche - La politica interna diventa oggetto di contrattazione monetaria - I problemi della Spagna (simili a quelli dell'Italia): anche in Spagna le banche rubano i soldi dei cittadini - Il ruolo della Germania - I debiti delle banche tedesche - Ipotesi: uscire dall'euro - Il potere occulto: chi possiede il denaro - La politica italiana - Le multinazionali e il sistema di controllo incrociato - La crisi come opportunità.

.

 

 

Aggiungi Commento   

peonia
#1 peonia 2017-01-29 20:07
bisognerà vederlo anche questo...
Vapensiero
#2 Vapensiero 2017-01-29 20:38
Non fa una piega. Purtroppo.
peonia
#3 peonia 2017-01-29 22:10
Massimo.........ma la cura per il fegato spappolato...poi ce l'abbiamo? sono nemmeno a metà del film e già mi fa male.....già messo a dura prova dai precedenti.... urge trovare un antidoto.....facciamo un brainstorming.....dobbiamo trovare una soluzione...
scusate...mi sono svegliata! :-(
manneron
#4 manneron 2017-01-30 00:47
allora, ho ascoltato i primi 3 minuti, poi proseguo.
Prima considerazione: la storia dei valori, della povertà e della concentrazione della ricchezza, ha rotto il cazzo. non ne posso più di sentire sta idiozia. Ma se stiamo tutti a comprare su amazon poi ci lamentiamo che ci sono le multinazionali che si arricchiscono?
Perchè compriamo su amazon? Forse perchè amazon ha l'iva a al 4% e in italia al 22%? E' libero mercato?
La causa non è la mitica concentrazione della ricchezza, ma l'iva al 22%. un semplice numero di politica fiscale.
Dire che la causa della crisi è la concentrazione della ricchezza è come dire che la causa del mare è la concentrazione dell'acqua. Azzo, basta con sti filosofi post comunisti.

2: sono sparite le ideologie
L'idiozia non sta tanto nella affermazione, ma nella mancanza di spiegazione della affermazione.
Son sparite le ideologie così... puff... si sono ritirate.
Perchè sono sparite le ideologie?
Forse perchè le ideologie oggi sarebbero classificate come enormi bufale? Cioè le ideologie sono delle cazzate immani?
Forse perchè uno va su youtube, si guarda cosa fanno nel resto del mondo e si accorge che le "ideologie" che ha lui, le ha solo lui e il resto del mondo se ne sbatte? Ammetterete che i più persistenti continueranno a credere di essere più intelligenti e fortunati perchè permeati da una ideologia, mente qualcun altro si sentirà un poco idiota e comincerà a cambiare idea.

direi che 3 min di ascolto per stasera sono sufficienti. riprendo domani, altrimenti non dormo perchè mi agito troppo.
Anteater
#5 Anteater 2017-01-30 02:47
Mah, nulla di nuovo, direi bruttino il montaggio con il popolo in piazza straripetuto e boh roba trita e addirittura discutibile...Diciamo che se si ha un debito pubblico e bisogna pagare gli interessi in oro piuttosto che una valuta forte, sei piuttosto nella merda se conti soltanto sullo svalutare la propria...

Un documentario triste che parla di banche e non di persone, che è complice di far sentire le persone impotenti e senza speranza...che dice che la politica è corresponsabile ma poi la trova come unica soluzione...

Vorrei un documentario che mi spieghi come si arriva a tenere in scacco tutti col loro adeguato tozzo di pane (il prezzo di ciascuno)...

Slobbysta
peonia
#6 peonia 2017-01-30 11:55
mah..... quando entro nel forum tasto con mano la Diversità ..... :-D
Ghilgamesh
#7 Ghilgamesh 2017-01-30 12:19
Citazione:
Manneron
Prima considerazione: la storia dei valori, della povertà e della concentrazione della ricchezza, ha rotto il cazzo. non ne posso più di sentire sta idiozia. Ma se stiamo tutti a comprare su amazon poi ci lamentiamo che ci sono le multinazionali che si arricchiscono?
Perchè compriamo su amazon? Forse perchè amazon ha l'iva a al 4% e in italia al 22%? E' libero mercato?
Secondo me hai saltato un punto, amazon ha l'iva al 4% e il resto degli italiani al 22%, PROPRIO perchè le multinazionali possono corrompere chi di dovere e farsi fare le leggi come vogliono!
Non è stupida la gente che arricchisce la multinazionale, è che se la stessa cosa puoi pagarla il 20%, in meno lo fai!

Solo che il problema non è "amazon", sono tutte insieme!

La lobby delle armi, che si inventa armi di distruzione di massa per fare guerre e vendere appunto armi (anche di distruzione di massa!)
La lobby del petrolio, che si accoda a quella delle armi per far bombardare luoghi dove rubare il petrolio.
La lobby farmaceutica, che corrompe ministri e informazione per obbligarti a pagare e usare i vaccini.
E potrei continuare, ma spero di aver chiarito il concetto.

In tutte queste cose, noi non c'entriamo nulla ... come chi compra da amazon (e non sono uno che lo fa!) ... la colpa è di chi è al potere e vuole che sia così!
Voglio dire, rojiadiretta non rispettava le leggi italiane pur essendo un sito straniero, lo hanno bloccato ... Amazon non paga le tasse in italia per i prodotti acquistati da utenti italiani? Lo blocchi! Invece non lo fanno!

E' questo "potere contrattuale" in più che hanno le multinazionali a truccare il gioco ...
elettronova
#8 elettronova 2017-01-30 12:43
buongiorno a tutti, senz'altro è un bene che questo dossier circoli in rete, così come gira tanto altro materiale interessante.. ci sono spunti nuovi insieme a informazioni sicuramente già tritate e ritritate.. io personalmente ho trovato particolarmente interessanti le parole di elio lannutti al minuto 55.40 .. la verità di cui parla è ancora tabù sul mainstream .. oh si! come mi piacerebbe sentire sul mainstream certi temi affrontati da questa prospettiva! magari!!
si parla di elitè finanziaria globale come se fossero delle menti astute intelligenti corrotte certo.. ma perché è ancora tabù il loro stretto strettissimo legame col satanismo? la morte sacrificale e la magia??
come si fa ancora a non capire che tutto è fottutamente e maledattamente collegato!! come si fa a correre dietro alla panzana del muro che trump vorrebbe issare per impedire alla gente di entrare??? quando invece il muro ha un obbiettivo preciso e cioè IMPEDIRE ALLA GENTE DI USCIRE!! VEDI F.E.M.A. ...
invisibile
#9 invisibile 2017-01-30 13:21
Citazione:
elettronova

.. la verità di cui parla è ancora tabù sul mainstream .. oh si! come mi piacerebbe sentire sul mainstream certi temi affrontati da questa prospettiva! magari!! si parla di elitè finanziaria globale come se fossero delle menti astute intelligenti corrotte certo.. ma perché è ancora tabù il loro stretto strettissimo legame col satanismo? la morte sacrificale e la magia??
Perché è molto difficile, per chi è stato condizionato fin dalla culla con un bombardamento a 360°, anche solo prendere in considerazione questa realtà, accettare che TUTTO è causato da una visione religiosa di un tipo molto preciso e che la realtà dell'esistenza è spirituale e magica.

L'arma più efficace del potere è sempre stata quella di allontanare le persone dalla magia della Vita, prima facendola diventare una cosa solo per una elite e poi, nell'epoca cosiddetta "moderna", negando la sua stessa esistenza.

Eco perché, ancora, la maggior parte delle persone rimane ingannata su cosa sia il "vertice della piramide" e come agisce.

Solo per fare un esempio molto rivelatore, all'inizio un signore afferma che la mancanza di valori è causata dalla scomparsa delle ideologie, rivelando come abbia nella sua visione del mondo e dell'uomo, un "tetto" oltre il quale non è in grado di andare.
Infatti quello che afferma è assurdo, perché i valori possono esistere anche avendo un ETICA e/o una visone spirituale, non c'è nessun bisogno di avere una ideologia per avere dei valori.

Quel signore è stato convinto che la Vita è un "certo tipo di cose" e che nulla esiste oltre ad esse.

Si tratta di essere schiavi di un dogma senza nemmeno saperlo, anzi spesso chi sta in quella condizione mentale-spirituale crede di avere la visione più completa in assoluto, un altro classico inganno di chi comanda il mondo, un inganno creato appositamente affinché non si arrivi nemmeno a sospettare che c'è molto di più, infinitamente di più.

Le sbarre sono dentro di noi, ecco perché non si parla di queste cose.
veritassaphinho
#10 veritassaphinho 2017-01-30 13:24
Sono d' accordo con i giudizi sia Manneron e sia Anteather, dal mio punto di vista e' il solito lavoro fatto male e fatto a metà .
Apprezzo moltissimo il lavoro di Barnard fino al defenestramento da report, Borghi dice a volte e non dice spesso, mi piaceva più prima da indipendente ed insider Deutsche Bank Italia ( ex Banca d' America e d' Italia) , rispetto a quando è entrato nella lega

-L' euro ha portato sia vantaggi e sia svantaggi e ' trito e ritrito il fatto che si parla solo dei svantaggi ( ed ogni paese ha sia vantaggi e sia svantaggi, per questo è' un equilibrio tipo scava la buca, riempi la buca ( algebra elementare) e la compensazione tra le stesse

-L' Italia e' sempre stata in crisi ( d' accordissimo) ed è' stata sempre una opportunità per i furbi, oltre che comoda per i furbi a proprio danno che vanno in TV a dire che hanno lavorato 40 anni ed hanno una pensione sociale ( ma secondo voi uno che va in pensione con la pensione sociale ha lavorato 40 anni ? Legalmente? ) . Se avevi il militare da fare avevi questo davanti, se lo avevi assolto eri troppo vecchio per imparare un mestiere, ed altri trucchetti dei farabutti delle piccole e medie imprese difese da Grillo , Salvini e company opportunisti ( i lupi hanno cambiato [imprenditori PMI ndr], non Grillo e Salvini e company in questo caso, il pelo ma mai il vizio) e si sono adeguati ai tempi per continuare imperterriti con le loro strategie di dumping salariale, nero, parzialmente in nero, voucher, contratti senza senso etc, se avevi il culo di entrare in medie-grandi imprese, settore bancario, pubblico impiego eri sicuro che ti pagassero i contributi altrimenti te lo pigliavi, non dico dove ma lo sapete già

- grandi errori commessi dai sindacati, che invece di essere controllori e custodi dei contratti collettivi e di categoria, si sono trasformati in difensori di solo gli iscritti o di chi gli faceva comodo. Con dei sindacati così, sarebbe stato meglio aver fatto misure come in altri paesi di assicurazione legale , che con 10 euro al mese persona singola e15 famiglia, , tutte le cause di diritto civile si sarebbero risolte in tempi più brevi, invece di ricorsi su ricorsi, ed ovviamente una regolamentazione più seria e meno obsoleta. L' Italia è un paese strano, le aziende possono avere una assicurazione legale, mentre i privati no, negli altri paesi e' il contrario , le aziende non possono avere assicurazioni legali , ma solo quella della responsabilità civile, mentre i privati ( come privati ) possono averle tutte e due

-Tutti negli anni 80-90 ad far diventare uno status symbol l' automobile, il mezzo utile che è' servito all' imprenditoria per avere personale disposto ad andare a lavorare più lontano ed anche per meno nel medio termine ( chiamiamola disponibilità dello schiavo) , fino agli anni 1988 la qualità dei trasporti pubblici ( treni e bus etc) non aveva l' Italia niente da invidiare da altri paesi, erano le persone non ci salivano più e giravano vuoti, e di conseguenza furono smantellate sia corse e nelle ferrovie linee minori e le linee militari che servivano per portare uomini, rifornimenti, materiali, mezzi e tutto quello che serviva in zone adiacenti ai disastri bypassando le strade, sparirono le stazioni, le gru, il personale fisso ( ritenuto surplefluo) , le case cantoniere con il custode perciò a grandi linee vigilate ed in ogni caso avere una reattività a avvisare le forze dell'ordine ordine, etc.
A noi piacciono i ruderi industriali, le case diroccate, etc, mentre le aree industriali negli altri paesi sono a concessione, devi accantonare le spese di bonifica un po' per volta , e quando chiudi riporti l' area alle condizioni di consegna, no lasci e crei pattume edilizio

-mentre gli altri paesi smantellavano parcheggi , noi li costruivamo ed ancora siamo lì a costruire, autostrade a 3-4 corsie di marcia, cosa che negli altri paesi non ci sono se non adiacenti ai grandi svincoli o uscite importanti ( che ha senso visto che la maggior parte dei paesi hanno le ferie estive in mesi differenti nel paese ed evitare gli imbuti autostradali che potrebbero verificarsi) e per non intasare tutte le corsie hanno ampliato dove serve e per quei km necessari e i loro trasporti pubblici sono rimasti pubblici e con l' uso massiccio negli anni hanno fatto investimenti sulla flotta dei trasporti importanti. A metà anni 90 nelle città medie in germAnia ed in altri paesi il parco mezzi pubblici sembrava una flotta nostra degli anni 60 con bus tenuti bene per carità , ma obsoleti.

- noi abbiamo smantellato le officine grandi riparazioni negli anni 80 , invece di trovare un ricollocamento industriale, invece di trovare joint -venture ( mano pubblica, e consulenza terza) con Bombardier, Siemens, Iveco ,Man, Mercedes, etc o altre figure sulla produzione di mezzi , riparazione, produzione di pezzi di ricambio abbiamo preferito incrementare il mercato su gomma privato, invece del pubblico. La Svizzera costruisce i treni di ultima generazione per gli USA con Germania (zona euro) e Canada , e noi a guardare come sempre. Non dobbiamo dare la colpa all' euro, ma alla nostra non visione industriale e di qualità certa, invece di solo imbrogli e frodi

-sistema degli appalti inefficiente , negli altri paesi l' appaltatore con il pubblico, per esempio mezzi pubblici non deve solo fornire la vendita ( non so 300 bus nel triennio xxx) ma pure un periodo di prova ai mezzi test prima di entrare in servizio, se ci sono migliorie da fare per usura, sistemi frenanti che hanno bisogno di manuntenzione troppo spesso, vibrazioni, inquinamento etc l' appaltatore deve adeguarle altrimenti salta l' appalto, oltre al fatto che deve garantire i pezzi di ricambio per almeno 40 anni, negli altri paesi non hanno nelle rimesse mezzi nuovi a cui sono stati tolti pezzi per usarli su altri che sono oltretutto facili prede degli sprayers o incivili che vanno a distruggere. A noi è' sempre piaciuto acquistare a scatola chiusa in nome del ribasso.

- da decenni l' Italia avrebbe dovuto seguire l' esempio degli altri paesi, avere una polizia dei trasporti unica ed affidare le stazioni alla polizia della città con un corpo fisso ( incorpando polizia ferroviaria, polizia stradale, controllori, capitreno come pubblici ufficiali di polizia dei trasporti) ed implementarla con tour anti furbizia, viaggio sul treno, controllo sui mezzi pubblici nella città di arrivo ( 8 ore di lavoro ben spese) , se necessario con vigilantes come supporto in aree più a rischio, e la polizia della città in questi blitz fornire i mezzi per la traduzione al commissariato.

L' euro e' relativo, non è' il problema che ha creato il caos.

Fu Prodi a voler imporre all' Irlanda il secondo referendum, a quel tempo non esisteva la maggioranza qualificata nell' ordinamento europeo, ci provo anche con la Svizzera minacciandoli con il sistema irlandese, ma non funziono, Bignasca ( che era un personaggio) con il suo piccolo partito che aveva già 2 volte portato al voto gli Svizzeri per non entrare nell' Europa concepita da Prodi , gli fece sapere che se non la smetteva con le farneticazione, avrebbe raccolto le firme per uscire anche dal consiglio d' Europa e dal trattato di Schengen, e che si sarebbero anche bloccate le trattative per il trattato di libero scambio che sarebbe arrivato qualche anno dopo, visto che la Svizzera era l' unico paese singolo ad avere patti bilaterali commerciali con 29 paesi , un aeroporto internazionale in joint venture con Germania e Francia a St. louis in Alsazia , stazioni ferroviarie francesi e tedesche nel suo territorio passeggeri e merci da oltre un secolo e nell' ultimo secolo aveva avuto anche tram su rotaia che raggiungevano sia la Francia e sia la Germania, con la Germania abbandonato durante la guerra ma ripristinato nel 2013 . Oltre ad avere una marina mercantile al di sopra delle Alpi ( Birsfelden e Basilea) ed il porto condiviso con la Germania ad Hamburg. Prodi finalmente fu defenestrato dall' Europa e torno a fare danni nel suo paese d' origine.

Uscire dall' euro e' possibile per ogni paese membro il giorno successivo , basta uscire da tutti i trattati annunciando l' art.50, che ci siano paesi che non hanno l' euro e' un palliativo come scusa ( gran Bretagna e Danimarca hanno concordato allo AEC2 con lo opt-out una deroga al trattato nel quale sono le uniche 2 monete partecipanti) la gran Bretagna parzialmente, usa l' euro solo in una conclave o territorio che non ricordo il nome. Tutti Gli altri paesi aderenti all' Europa dovranno dotarsi di euro raggiunti i parametri di Maastricht , perciò sono paesi fuori euro solo a metà .

Se Salvini dice che se va al governo, ed il giorno successivo deposita il ricorso all' art.50 gli do il voto, e lo stesso i grilli. Ma quando mai, questi vogliono stare con un piede su due scarpe ed NON È. POSSIBILE con le balle che raccontano ( referendum consultivo non vincolante) su quello che vogliono loro per termini di popolarità , mai su tutto il comparto che ovviamente è' l' unica strada, o almeno frazionato per conoscere le intenzioni del popolo sovrano.

Io acquisto da Amazon.it, ho tax-free e spedizione gratuita, mentre gli altri furbastri , ibs per esempio pago il prezzo pieno ( iva inclusa) , l' iva a zero in fattura, e la differenza del mio diritto se la tengono e poi ci devo pagare spesso pure l' iva Nel mio paese visto che supera sempre gli 80 euro di valore complessivo con 15 euro di spedizione. Viva Amazon, spero che migliorino le condizioni salariali, ma non deve essere la mia iva che si inculano a pagare stipendi miseri. Ora che mi sono fatto la carta tax-free per la comunità europea, vedo direttamente se sono state registrate e versate nella mia carta di credito, se non sono fatte , non accetto il pacco e annullo il pagamento



-
redribbon
#11 redribbon 2017-01-30 15:32
Un buon documentario con l'unico difetto che spazia su molti argomenti in poco tempo.
Cercare di ridurlo ai minimi termini significa interrogarsi sull'origine della crisi.
Che naturalmente non può essere imputata alla Germania, per quanto se si ha ancora un briciolo di dignità bisognerebbe dichiararle guerra,
o quantomeno coalizzarsi con altri paesi europei e boicottare l'import tedesco per dare un deciso stop all'export tedesco che contribuisce a lasciare la nostra gente senza lavoro,
in realtà il problema è che il popolo non è difeso nei parlamenti nazionali:
la Germania potrebbe avere tutti i progetti che vuole ma resterebbero solo pii desideri se i politici nazionali si opponessero e pensassero a creare condizioni di benessere per il popolo come dovrebbero fare.
Quindi abbiamo da un lato i politici venduti al potere privato che se ne infischiano del popolo,
e dall'altra l'incapacità del popolo di reagire in massa per cambiare,
oltre alla classe politica in blocco o quasi,
la situazione.
Perchè siamo incapaci di reagire coralmente?
Che cosa ci impedisce di defenestrare i vari "Monti"?
Siamo divisi? Disorganizzati?
Come diavolo avranno mai fatto i nostri padri-nonni a fare approvare negli anni '70 lo Statuto dei Lavoratori? Vista con gli occhi di oggi quella legge contiene obiettivi che sembrano venire da un altro pianeta :idea:
Oh mamma come ci siamo rammolliti e rincitrulliti... ed il potere ringrazia.
elettronova
#12 elettronova 2017-01-30 16:04
citazione
#11 redribbon
Perchè siamo incapaci di reagire coralmente?
Che cosa ci impedisce di defenestrare i vari "Monti"?
Siamo divisi? Disorganizzati?

eh eh bella domanda...
questo è il mio pensiero:
una nuova e più giusta consapevolezza esiste, arriverà il tempo che tutto sto schifo cambierà.. è scritto! è già in atto!
veritassaphinho
#13 veritassaphinho 2017-01-30 17:40
Citazione Redibbron #11
Che naturalmente non può essere imputata alla Germania, per quanto se si ha ancora un briciolo di dignità bisognerebbe dichiararle guerra,
o quantomeno coalizzarsi con altri paesi europei e boicottare l'import tedesco per dare un deciso stop all'export tedesco che contribuisce a lasciare la nostra gente senza lavoro,
in realtà il problema è che il popolo non è difeso nei parlamenti nazionali:
la Germania potrebbe avere tutti i progetti che vuole ma resterebbero solo pii desideri se i politici nazionali si opponessero e pensassero a creare condizioni di benessere per il popolo come dovrebbero fare.
----------------------------------------

La seconda parte è vera, sulla prima parte invece non è' così , la Germania non ha il monopolio sull' Europa , senza la maggioranza qualificata la Germania è' un paese come gli altri senza poteri 1/28 esimo ( potere di uguaglianza ) , la maggioranza qualificata prevede che almeno 16 paesi ( ora con il Brexit un paese in più' visto che il voto UK non può influenzare partecipando o meno) siano d' accordo con la proposta è deve rappresentare almeno il 65 % della popolazione europea residente, perciò se non c'è intesa Italia-Francia -Germania ( le nazioni più popolose) è' difficile si raggiunga il quorum del 65 % visto che gli altri paesi sono caccoline come popolazione residente nel contesto a 28(27). Solo il parlamento europeo è proporzionale infatti non ha poteri , ma può proporre alla commissione europea assieme al consiglio d' Europa (CE47) , mentre il voto dei paesi e' pari ad 1 e mai è' successo che la percentuale residenti fosse risicata al65% , in linea di massima raggiunge l' 80-85% spesso perciò una Percentuale accettata dalla maggior parte dei paesi, e qualche volta pure all' unanimità cioè il 100%, che ovviamente in democrazia devono prenderne atto ed accettarla o prendere la porta annunciando l' art.50 e togliendosi dai C......
---------------------------------------------------

So che come al solito, prenderò il fanculo canino, oppure essere ignorati i miei posts e mai risposte sul merito. Il problema italiano e sud europeo in genere non dipende dalla cattiva troika, o qualche potere occulto ( che ci sarà , ma si tratta di criminalità accettata e condivisa) ma dal fatto che per 70 anni questo paese ha fatto solo diritti ( percepiti così ) dalla massa di furbi e furbi a proprio danno, invece di usare la parola concessione e quando serviva il pugno di ferro rivestito con il guanto di velluto. L' aver vissuto al di sopra delle proprie possibilità ( che tanti paesi ci rinfacciano ) si riferisce sempre che per motivi puramente elettorali non solo abbiamo chiusi due occhi , ma chiuso anche l' atlantideo terzo occhio. Il problema italiano è' che piace il caos e fare le vittime. Gli altri paesi danno delle concessioni ( ogni caso viene ritenuto singolo, è' una cosa diversa e si affronta) , ma devi dimostrare l' impegno e gli sforzi, mentre da noi tutto è' un diritto acquisito nel momento che ne hai accesso, e la costituzione è' la più obsoleta anche se è' tra le più moderne, la costituzione del Liechtensteinall' articolo 15 menziona i fannulloni e le misure coercitive , altre più antiche lasciano libertà al funzionario di applicare misure sia di tutela e sia di coercizione ( ovviamente con il diritto di impugnabilità ) da parte del cliente ( non cittadino e perciò con diritto natural durante)
Parsifal79
#14 Parsifal79 2017-01-30 22:24
veritassaphinhoCitazione:
( ma secondo voi uno che va in pensione con la pensione sociale ha lavorato 40 anni ? Legalmente? )
secondo me è uno che si è fatto sfruttare, e umiliare, in nero per 40 anni perchè doveva campare lui e la sua famiglia.
veritassaphinho
#15 veritassaphinho 2017-01-30 22:50
Bella professione quello dello sfruttato, umiliato che per 40 anni ha dovuto subire per far campare lui e la famiglia, dovremmo pure dargli la pensione uguale a quella del coglione che invece non si è' fatto sfruttare e si è versato centinaia di migliaia di euro per riceverne meno? . Come direbbero i tedeschi " selber Schuld" " colpa tua nel senso te la sei cercata" invece di fare piagnistei televisivi.

In 40 anni non ha avuto probabilmente tempo per cercare altro, oppure gli andava bene così. Non stiamo parlando di una casalinga o di un disabile
Parsifal79
#16 Parsifal79 2017-01-31 00:52
veritassaphinhoCitazione:
" selber Schuld" " colpa tua nel senso te la sei cercata"
evitamina
#17 evitamina 2017-01-31 08:07
Il mondo è stato cambiato dalle idee. Quando ci accorgiamo che le cose non stanno andando meglio per la maggioranza della popolazione, se consideriamo che il caporale di turno a potere vessatorio su chi ha bisogno di lavorare con pochi spiccioli, come facciamo a non comprendere che per chi dispone di decine o centinaia di miliardi cambiano anche le parole con i loro rispettivi significati?
Vedete a mio parere il grande problema non è quello che 10 o 100 persone possono giocare con il mondo e i suoi abitanti come il monopoli, questo viene reso possibile perché alcuni milioni di personaggi per paghe anche ridicole, permettono che questo accade.
czar
#18 czar 2017-01-31 09:23
@ veritassaphinho

Oppure ha semplicemente cambiato lavoro e versato in casse diverse.

Non capisco il problema della difesa dei garantiti rispetto ai vari che hanno cambiato lavoro e contratto facendo un paio di anni a nero, tre anni costretti a prendere la partita iva ecc ( sono tra quelli e con famiglia).

Lo sai che i contributi di casse che non si vedono devono raggiungere un numero minimo di anni per essere validi, non si sommano agli altri ?

Vogliamo pure togliere la pensione a questa gente a vantaggio dei timbratori di badge che però pagano tutto?

Vediamo quanti posti iper garantiti trovi in un paese dell'Appennino centrale dopo che la ditta a chiuso e sei sul mercato a 45_50 anni.

Oppure sei tra quelli che pensi che uno che prende in mano per la prima volta una motosega a 40 anni lo faccia per divertimento, per non spaccarsi la schiena come il suo collega in ufficio anagrafe che però pagano tutto?

Quelli che hanno versato sempre tutto prendono meno ?

Se la sono cercata!

Come il fanculo canino.
kamiokande
#19 kamiokande 2017-01-31 09:24
@ veritassaphinho
In europa decide a maggioranza semplice la commissione Europea, ai quali membri viene chiesto di essere il più indipendenti possibili dalle politiche nazionali in favore dell'UE. Quello che dici tu, che la Germania non è la sola a comandare, potrà anche essere vero da un punto di vista teorico, ma non lo è certamente non pratico.

Guarda quel che è successo con la Grecia, durante le discussioni concitate sulla crisi greca, Varufakis è stato "cordialmente" invitato ad abbandonare il tavolo della trattativa in modo che i "grandi" potessero decidere a maggioranza assoluta sul da farsi. Quando Varufakis ne ha chiesto conto gli hanno risposto che la commissione non è regolata dai trattati e quindi fanno un po' come cazzo gli pare. Alla fine guarda caso è passata l'istanza Franco-Tedesca (appoggiata da Obama) di disintegrare socialmente un paese per riavere indietro 4 spicci. L'Italia, insieme agli altri stati Europei, ha così sanato la condizione delle banche francesi e tedesche esposte sul debito privato greco, mettendo in ginocchio un popolo che poi tante colpe non aveva.

In Europa ora c'è solo una autorità che non è sotto il controllo diretto Tedesco ed è la BCE, visto che Draghi è stato messo li dagli USA per frenare proprio le politiche di austerity Tedesche che sono LA pilitica economica Europea.

Citazione veritassaphinho:
L' aver vissuto al di sopra delle proprie possibilità ( che tanti paesi ci rinfacciano ) si riferisce sempre che per motivi puramente elettorali non solo abbiamo chiusi due occhi , ma chiuso anche l' atlantideo terzo occhio.
Visto che tu dici che non si argomenta mai contro le tue risposte potresti per favore argomentare tu per primo con i numeri questa affermazione?
wendellgee
#20 wendellgee 2017-01-31 13:31
Nonostante alcuni buoni spunti credo che questo documentario sia troppo dispersivo. E' un documentario sul funzionamento dell'economia? Sui motivi della crisi? Sul potere delle banche? Sulla descrescita felice?

Alla fine la sensazione di frustrazione che cresce guardandolo sfocia sempre contro i soliti "poteri forti" ma la superficialità (relativa) con la quale il gran numero degli argomenti viene proposto non ne permette ne un'adeguata comprensione (e questo è comprensibile in un documentario di 120 minuti) ma neanche consente di individuare una strada verso una maggiore consapevolezza (sempre se non vogliamo pensare veramente che la risposta sta dentro di noi...).

Capisco che questo genere di documentari piaccia a un certo numero di persone, soprattutto, forse, a quelli che sono nella fase iniziale di un percorso informativo e che devono ancora scegliere chi e cosa seguire. In questo senso, credo che abbiano una loro utilità. Quella del tipo: "ho iniziato vedendo questo...". Però poi la strada che porta a una maggiore consapevolezza è più complicata, e i contenuti meno "accattivanti": saggi, manuali, documenti scientifici, statistiche, etc. etc..

Alla fine anche le risposte, per forza di cose, diventano frammentarie, specifiche, tecniche, e il sogno di individuare buoni e cattivi, giusto e sbagliato, dopo qualche anno di studio lascia il posto a una diversa maturità fatta di meno giudizi "radicali" e di meno "soluzioni per il bene di tutti". Almeno, questa è stata la mia esperienza.
redribbon
#21 redribbon 2017-01-31 20:11
Citazione:
#12 elettronova
eh eh bella domanda...
questo è il mio pensiero:
una nuova e più giusta consapevolezza esiste, arriverà il tempo che tutto sto schifo cambierà.. è scritto! è già in atto!
Non lo so, non sono sicuro che in futuro possa avvenire uno zeitgeist.
Riflettendo su come era la società italiana primi anni '70, certamente meglio di ora,
vi era un maggiore senso di partecipazione e coralità piuttosto che dopo l'avvento degli anni '80 nei quali la gente si è ridotta nel privato,
vi erano delle ideologie che indiscutibilmente hanno contribuito a produrre cose buone,
ideologie che oggi latitano in questa società così spiccatamente materialista,
poi non vi era la TV (a parte quei canali rai di allora, e comunque non tutti l'avevano) che ha contribuito a isolare le persone e spezzettare il loro tempo libero,
perchè chiaramente se la gente invece di incontrarsi e parlare coi vicini o con quelli del proprio quartiere resta in casa a guardarsi la tv (PC-internet) come può scambiarsi opinioni, formarsi una coscienza critica sugli avvenimenti, desiderare insieme determinati obiettivi politici da realizzare per mezzo dei propri rappresentanti.
Pasolini parlava di "acculturazione ed omologazione derivate dalla tv che è riuscita laddove il fascismo ha fallito".
Non sarà però tutta colpa della TV o delle tecnologie se non siamo capaci di reagire a qualsiasi nefandezza ci rifilino i politici,
salvo poi accorgersi o far finta di accorgersi che la maggiore parte degli italiani, il pensiero e la volontà popolare, è sovente diversa da quella dei governanti (vedi referndum acqua - mod. Costituzione).
Si tratta di interpretare correttamente e tradurre in azione politica la volontà popolare.
Sarebbe meglio che la gente si ritrovasse in qualche posto all'aperto per discutere,
poi finisce che spesso si arriva quasi alle mani, soprattutto su certi argomenti, ma va bene lo stesso,
l'importante sarebbe comunque discutere con altre persone dal vivo,
magari davanti ad una bibita o caffè,
piuttosto che restringersi e rimpicciolirsi nella propria abitazione davanti alla tv (internet ha aspetti positivi ma non basta a compensare gli effetti negativi del non discutere coi vicini),
perchè se no finisce che, da un lato chi gestisce i media infuenza le persone,
e, soprattutto, dall'altro si ottiene l'effetto (positivo per chi comanda, ma negativo per il popolo) che la gente non scambia opinioni a sufficienza con le altre persone,
in modo da formarsi una coscienza collettiva.
Isolati ed instupiditi nel nostro privato non saremo mai in grado di provocare uno zeitgeist.
O anche solo di abolire il jobs-act.
Golem
#22 Golem 2017-02-01 10:25
Mah, quando vedo gente lottare per continuare ad essere schiavizzata, e per giunta alimentando, così facendo, ossia offrendosi come schiava, esattamente il sistema che poi, dopo averlo sfruttato, giustamente lo caccia a pedate (giustamente dal suo punto di vista), non posso non rimanere sempre basito...


Sulla questione dell'ideologia: ho visto spesso criticare questo termine e mi viene da sorridere: nessun sistema sociale, e quindi politico, può esistere senza un ideologia che ne sorregga le fondamenta: persino uno stato anarchico dovrà necessariamente fondarsi su di una serie di idee politico-sociali come base per le regole del vivere civile.

Ovviamente, nel documentario, suppongo che il tizio che parlava di ideologie si riferiva a quelle socialista e comunista.... due ideologie meravigliose, in sé e per sé, che però Carl Marx - di proposito o meno non saprei - ha reso completamente inutilizzabili attraverso la loro sovrapposizione con il materialismo che, in effetti, di queste ideologie costituisce precisamente l'antitesi (materialismo che costituisce, non a caso, parte fondamentale della base ideologica del sistema capitalista).
mimmo1964
#23 mimmo1964 2017-02-03 14:57
La soluzione c'è si chiama progetto Coemm&Clemm
peonia
#24 peonia 2017-02-03 15:43
mimmo1964, io ci sto dentro da un anno e ne sono contenta,ma ho provato con molti a farli partecipi, la sfiducia è grande... :-( mi spiace per loro...

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO