“Normale”, “Paranormale”, “Metanormale”

Di più
19/02/2019 19:18 #26822 da Cum grano salis
Mi rivolgo sempre a chi non fosse pratico dell'argomento, e volesse diciamo visualizzare questa visione (parziale) di un al di là come descritto da Newton e molti altri, consiglio di vedere Nosso Lar-Nostra Casa Spirituale (o Nostra Dimora), film che è basato sulle descrizioni del famoso medium brasiliano Francisco Cândido 'Chico' Xavier. Giusto per farsi un'idea per immagini di ciò che sta descrivendo Dipende.
Chiudo :wave:
Ringraziano per il messaggio: Grappa, DjGiostra, Ste_79

Di più
20/02/2019 11:12 #26840 da DjGiostra
SE ho capito bene ogni reincarnazione la consapevolezza aumenta ? Ma aumenta anche la qualita' della vita ?

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza ! (Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun su A320..

Di più
20/02/2019 11:16 #26841 da DjGiostra
Cum Grano Salis
hai un link in italiano o sottotitolato in italiano ? io non l'ho trovato..

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza ! (Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun su A320..

Di più
20/02/2019 16:13 - 20/02/2019 16:14 #26847 da Grappa
Salute :-)

@Cum grano salis :-) mi permetto di precederti e ti chiedo di confermare se il video che ho appena finito di vedere e vado a linkare, è quello a cui fai riferimento. Grazie!

:handup: piccola nota e divagazione che non ha l'intento di ridicolizzare il filmato. Come capitato a me, strappare un sorriso.
L'attore che impersona Andre Luiz, assomiglia o, almeno a me è più volte parso assomigliare, a Giovanni Storti del trio Aldo, Giovanni e Giacomo.
Questo dettaglio mi ha portato poi a trovare alcune somiglianze/attinenze con il loro film "Così è la vita" che è però uscito nel 1998, mentre Nosso Lar (La Nostra Dimora) è del 2010... ripeto, niente di che :cool:


@DjGiostra ho trovato questo su YouTube. Sono due video uniti e il primo è una breve descrizione (circa 35') della vita del medium brasiliano Francisco Cândido Xavier, detto Chico. Ritengo utile visionarli entrambi per capire il legame che unisce le due figure.




Non sono certo che l'inserimento del video funzioni e incollo anche il link: Nosso Lar

Hic ;-)

... l''unica abitudine che voglio avere è respirare. Hic :wink:
Ultima Modifica 20/02/2019 16:14 da Grappa.
Ringraziano per il messaggio: DjGiostra

Di più
21/02/2019 08:49 #26877 da Dipende

SE ho capito bene ogni reincarnazione la consapevolezza aumenta ? Ma aumenta anche la qualita' della vita ?


Non necessariamente. In genere si, dovrebbe migliorare perché è meno probabile che l’entità si faccia travolgere dal rumore esterno, cioè dalle forti emozioni che ti fanno salire su e poi scendere giù vorticosamente. Però capita anche che una consapevolezza maggiore ti faccia sentire più responsabile, meno strafottente, per cui non puoi mai sapere come andrà a finire.

Adesso l'ultimo dei quattro personaggi che vi propongo.

Aurelio Meja Mesa, quello che mi sta più simpatico, c'ha na faccia che pare un cartone animato. Aurelio è l'ultimo dei quattro amici che volevo presentarvi per introdurre i metadati.
Aurelio spara video in rete di continuo, sono anni che ipnotizza le persone che vanno da lui piene di paure, rancori e fobie e lui riesce a farle star meglio. I video sono in lingua spagnola perchè Aurelio è colombiano (alcuni sono stati sottotitolati in italiano) e non è un medico ipnologo, ma, se non ricordo male, Aurelio era un tecnico di computers prima di avventurarsi in questa avventura.

I pazienti di Aurelio, tutto sommato reagiscono come quelli di Michael, e quelli di Brian, sempre rispetto i loro livelli e le varie anomalie, solo che Aurelio ha fatto una scuola più spirituale che tecnica per cui reagisce e guida diversamente i suoi pazienti rispetto gli altri due. Anche lui è specializzato in tecnica di regressione in altre vite e spesso fa da tramite fra le entità.

Vi spiego come fa. Sul lettino c'è Manuel. Manuel ha avuto problemi in questa vita con il padre che si chiama Luis. Allora Aurelio dice a Manuel: "Fammi parlare con Luis" e gli da un colpetto sulla fronte. e dice: "Luis mi senti?" e Luis risponde: "Si".

Dovete ricordare il fattore che dicevo all'inizio e che adesso ogni psicologo sa, cioè che siamo tutti collegati. Adesso, quando uno sente un'affermazione del genere, tende ad immaginare un collegamento con gli ET, o con i disincarnati, o addirittura con tutto l'Universo, ma dimentica che noi siamo collegati anche con i vivi, Anche i vivi hanno uno spirito non solo i morti e a volte tu puoi intercettare uno di questi, cioè lo spirito di una persona ancora in vita.

Allora Aurelio gli dice: "Luis sai che Manuel ha questo tipo di problema con te? Cosa ne pensi?" E Luis risponde come fosse Luis. Ora, chi di noi sa davvero chi cazzo è sto Luis e come risponderebbe per essere certi che Manuel non stia mentendo? Nessuno però non parliamo di un solo video, ma di parecchi e questa intercomunicazione fra entità funziona.

Uno potrebbe pensare alla suggestione, cioè che il paziente si faccia suggestionare e risponde come risponderebbe il padre e tutti crediamo chi sia stato lo spirito del padre a rispondere, anche il paziente lo crede e il paziente risolve il problema, forse, ma non credo per vari motivi. Primo, perche anche Aurelio, anzi credo specie Aurelio si è trovato davanti parecchie anomalie e ad un tratto anche lui ha intuito l'interferenza aliena in alcuni suoi pazienti e più di una volta è stato bloccato da una guida che gli diceva che alcune cose fosse stato meglio se il paziente le avesse scoperte da solo un po' alla volta.

Da quella volta, Aurelio prima di qualsiasi manovra che potrebbe avere risvolti spirituali chiede prima il permesso, nel senso che prima di ognuna di queste azioni che sta per compiere dice: "Se la Luce lo permette", o " Se il Maestro permette".

Comunque Aurelio è lo specialista del perdono.

Esistono dei metadati specifici per tutte le densità, o meglio per essere davvero precisi esiste un archetipo originale che è l'Uno Creativo. Da questo archetipo creativo sono nati degli archetipi che potremmo anche chiamare maggiori, o galattici che in pratica sarebbero le istruzioni Galattiche create dal Logo Galattico. Questi archetipi che solo specifici per ogni Galassia, ma hanno la stessa funzione, generano dei metadati. Questi metadati sono il lato metafisico dei mondi reali. Le istruzioni strutturali, la matrice del Creando insomma.

Dicevo che alcuni metadati sono specifici per ogni densità. In terza densità ad esempio esistono dei metadati che in quarta non ti servono più. Tipo il velo della dimenticanza e il fattore karma.

Del velo ne ho già parlato, del karma lo faccio adesso.

Ma prima devo dirvi una cosa. Le densità hanno un tempo evolutivo, Cioè dopo un tempo più o meno prestabilito, ogni densità passa di livello e con lei tutto quello che c'è dentro.
I tempi evolutivi cambiano da livello a livello. Il tempo evolutivo previsto per la terza densità è di circa 76.000 anni, che è un cazzo rispetto gli altri livelli che contano svariati milioni e miliardi di anni. Questo perchè per apprendere che scelta si vuole fare per continuare la sperimentazione non c'è bisogno di tanto tempo. La terza densità è cruciale per decidere se si vuol proseguire il resto delle sperimentazioni dal lato positivo, o negativo della Luce, o della struttura creativa.
Questa scelta viene determinata in base al comportamento che l'entità adotterà nelle sue sperimentazioni di terza densità e sembrerebbe che sulla Terra sta scelta non sia poi così facile da fare.

Non basta dire io aborro la guerra, o se vi fate i cazzi vostri, io mi faccio i miei, o vivi e lascia vivere, ma per fare una vera scelta le entità devono impegnarsi in azioni che comprendono la collaborazione, la compassione, l'empatia e lo spirito d'amicizia se vogliono investire nella polarizzazione positiva. Come non basta fare il bastardo e poi pentirsene, o nascondere le proprie malefatte ingannando se stessi pensando di non avere scelta. Anche chi sceglie un percorso negativo deve dimostrare di essere un gran pezzo di merda, ma soprattutto deve dimostrare costanza nelle sue “malefatte”.

La questione è che bisogna dimostrare all'Universo intelligente che la scelta che intendiamo fare sia davvero sentita.
Come si fa a sapere quando si è fatta davvero sentitamente questa scelta? Eh...questo lo deve sapere ognuno di voi/noi, non esistono manuali terrestri d'istruzioni...però nel materiale di RA e anche in quello di Seth e anche in altri citati dallo stesso Don Elkins, ci sono delle percentuali matematiche applicabili a questo quesito.
Per polarizzarti positivamente e raggiungere la vibrazione consona all'ambiente di quarta densità devi dedicare il tuo amore e la tua cura verso gli altri per un 51% delle volte.
In pratica, per passare di densità bisogna voler bene a se stessi e gli altri quasi in egual misura.
Vi ricorda qualcosa? “Ama il prossimo come te stesso”

Per il negativo invece devi interessarti a te il 95% delle volte che hai a che fare con altri esseri.

Esistono due motivi per cui ogni entità alla fine della terza densità deve polarizzarsi se vuole andare avanti, uno fisico, o meglio concettuale/creativo, l'altro metafisico/tecnico.

Quello fisico sta nella struttura del Creando materiale.
L'Intero Universo, è come se non si fidasse delle nostre chiacchiere e allora, avendo bisogno a tutti i costi che ogni entità mantenga la “promessa” fatta (cioè la scelta), abbia escogitato un metodo vibrazionale non ingannabile per capire se tu questa scelta (positivo/negativo) la hai fatta per davvero, o stai solo scherzando.
L'Universo creativo non può permettersi che tu scelga una polarità per poi ammiccare all'altra, o meglio se così fosse si perderebbe costantemente equilibrio perché si verrebbero a perdere le due parti ben definite (positivo/negativo). Per cui l'Universo creativo vuole essere sicuro che tu non possa aver poi ripensamenti.

La quarta densità è la densità dell'Amore, ed è lì che le entità impareranno ad amare, se stesse e gli altri, o solo se stesse, cioè in quarta si perfeziona la scelta fatta in terza densità e ci devi andare preparato.
Questa scelta definitiva è misurabile vibrazionalmente.

Nessuno sulla Terra ha però uno strumento/macchinario adatto a misurare il grado di vibrazione/elevazione animico/spirituale degli individui, come del resto nessuno, o quasi, saprebbe usarlo, cioè saprebbe determinare esattamente il grado di vibrazione/movimento animico/spirituale che bisogna ottenere per vibrare in modo consono alla prossima densità.
La vibrazione spirituale/animica varia in base all'emozioni derivanti dalle singole azioni/pensieri/intenzioni.
Si quantifica questo obiettivo misurando in percentuale le azioni/pensieri/intenzioni che tu dedichi a te stesso e agli altri durante le tue incarnazioni.
Basta un 51% delle nostre azioni/pensieri (intenzioni rivolte agli altri) per aver raggiunto la vibrazione giusta.

Perchè non 50%, ma 51%? E' ovvio no? Se rimani sul 50 e 50, potrebbe bastare una pagliuzza per farti oscillare. Quell'un per cento in più è quel che serve! Basta un 1% e l'Universo può cominciare a fidarsi di te, a fidarsi del fatto che manterrai l'impegno preso, cioè la polarizzazione scelta ed investirai su di essa.

Il motivo metafisico, che in questo caso assume le sembianze di un motivo fisico a tutti gli effetti, sta nella quantità di luce (vibrazione fotonica) che una singola entità può sopportare/reggere/comprendere e decodificare.
Ogni tappa ha una variazione della Luce originale espressa in vibrazioni che noi chiamiamo colori.
Nel nostro caso, la quarta densità ha una luminosità vibrazionale specifica, se tu entità umana, una volta raccolta non vibri in assonanza con questa luce, in pratica non vedi un cazzo e devi posizionarti un po' più indietro. Quando ci vedrai bene (di nuovo la terza densità), lì ti fermerai perché lì è il tuo posto vibrazionale.
Non esiste un giudice, esistono dei “Guardiani” che facilitano il compito, ma nessun giudice.

E' tutta una questione di LUCE. Per fare uno stupido esempio, potrei farvi immaginare una discoteca del futuro fatta di sette piani, ad ogni piano c'è un impianto di luci spettacolare, talmente spettacolare ed inimmaginabile che nessuno lo vede, infatti all'entrata ti danno degli occhiali speciali che servono proprio a goderti questo spettacolo di luci mentre balli (incarnazione).
Al primo piano appena indossi gli occhiali vedrai lo spettacolo di luci del primo piano e qui ballerai, ti divertirai, collasserai, ti riprenderai, fino a quando stufo/consapevole di quello spettacolo ti dirigerai verso il piano superiore.
Prima di farlo però devi avere gli occhiali adatti, o non vedrai una mazza.
Lo scopo è cercare in ogni livello gli occhiali del prossimo (evoluzione).

Per cui, l'evoluzione non è roba da asceti, quella è un'altra cosa.
La materialità non è “sporca” e gli incarnati non sono degli sporchi peccatori per default.
L'evoluzione non consiste nel non peccare, anzi bisognerebbe peccare tutti e farlo in maniera convinta una volta per tutte, solo però poi bisognerebbe stufarsi del peccato, o meglio dopo averlo provato, uno dovrebbe comprenderlo, capire che se vuol andare avanti dovrebbe poi abbandonare questa posizione e cominciare a cercare gli occhiali del prossimo piano.

Per cui nel nostro caso, l'evoluzione è soprattutto una SCELTA.

Ma per fare questa scelta ogni volta che t’incarni verrai preso dalla voglia di dare un calcio nel culo a qualcuno. Invidia, gelosia, timore, diffidenza e centro altre emozioni negative, si alterneranno ad amore, simpatia, cordialità, compassione, fiducia e cento altre emozioni positive.

Tutto questo intersecarsi di emozioni e relazioni con altre entità incarnate come te, crea delle anomalie energetiche che in definitiva sono quel che noi intendiamo come karma.

Il karma è nient'altro che l'interruzione di un momento di stasi fra le energie di due, o più entità. Ricordate che siamo tutti collegati?
Vista l'unita di ogni cosa esistente, nel caso tu entità, in seguito alle interazioni con una o più altre entità, dovessi coinvolgere in maniera “drastica” l'energia dell'entità con cui interagisci, questa azione interromperebbe questo stato di stasi ed innescherebbe uno stato di disequilibrio, che deve poi essere necessariamente equilibrato.

Ogni entità che partecipa al gioco delle incarnazioni deve, per forza di cose interagire con gli altri sé (le altre entità) e, visto la connessione di tutte le cose, queste interazioni personali, potrebbero attivare una forza inerziale che non solo modifica la vibrazione di apprendimento, ma crea un disequilibrio fra le due controparti che hanno interagito.
La cosa non funziona come l'umano medio crede, cioè non esiste una regola del taglione, ma esiste invece un 'energia individuale che si modifica rispetto le intenzioni/azioni che le entità mettono in opera da incarnati e, se questa energia viene in qualche modo squilibrata, va riequilibrata. Come se si trattasse di un prestito bancario, ma senza interessi, lo spirito è debitore karmico.
Gli si presentano varie possibilità per rifarsi, per pagare il proprio debito, scegliendo un cammino o un altro. Può decidere di saldarlo in un tempo più breve, ma con quote più alte (vita con più sofferenza e dolore), o in un tempo più lungo con quote più basse (più vite con meno dolore)

Non solo l'omicidio, il pestaggio, o il latrocinio attivano questa forza inerziale disturbatrice, ma difficilmente l'umano immagina quante sono le intenzioni/azioni che agiscono in tal senso. Possessione, gelosia, invidia e soprattutto ignoranza e stupidità e violenza comportamentale sono alimento primario per il karma disequilibrante.
Certo, l'omicidio, o la violenza in genere, attivano una forza inerziale straordinaria non solo per il fatto che nessuna entità può decidere arbitrariamente la morte fisica, o la distruzione psicologica di altre entità, ma anche per altri due motivi.
Primo, una volta che tu uccidi un'altra entità, questa una volta morta, sarà traumatizzata e ricorderà la sua uccisione e “odierà” chi la ha uccisa, o ne sarà comunque turbata. Questo sentimento innescherà dei fastidi e dei ritardi anche per l'entità che è stata eliminata, per cui, fino a quando l'entità vittima non perdonerà l'entità carnefice, ci saranno anche per lei rallentamenti e loop reincarnativi.

Secondo motivo, quando si uccide un'entità, nella maggioranza dei casi, non solo si termina l'esperienza terrena della vittima, ma si rovina l'esistenza incarnativa anche di tutti i suoi cari.
Uccidere un padre di famiglia con figli piccoli di certo innescherà un karma negativo non solo nei confronti della vittima, ma anche nei confronti dei parenti, in pratica tu uccidendo un padre, sei l'autore di un trauma e l'artefice di un netto cambio di vita/esperienza dei figli della vittima che dovranno continuare senza un padre e del loro libero arbitrio... e questo si paga
Si paga in termini di karma/equilibrio, non di punizione.

Esiste anche un karma planetario, nel senso che il Pianeta dove si sperimenta “assorbe” le emozioni degli abitanti che ci vivono su e questo forma una specie di karma che diciamo "sporca" che comunque va equilibrato.

Per quanto riguarda la polarizzazione negativa che è più ardua da raggiungere (logicamente) della positiva, non bisogna immaginare il cattivo come un crudele animale che gode del sangue altrui come fosse una bestia. Forse in principio la carriera di un "cattivo" può prevedere crudeltà bestiale e questo stato viene poi ripercorso folkloristicamente nelle varie cerimonie che i negativi usano fare, ma il vero obiettivo di un negativo è dominare, è avere tutto sotto un controllo dettato da un loro modo ordinato di vedere le cose. Cioè loro hanno una idea di gestione, se qualcuno o qualcosa non rientra in questa idea, o fa in qualche modo da ostacolo, non si fanno scrupoli ad eliminarlo.

Questo era l'ultimo dei quattro personaggi che hanno avuto accesso a dei metadati tramite l'ipnosi. Logicamente li ho divisi io in base alle loro specializzazioni, ma ognuno di loro ha riscontrato tutti metadati nelle loro ipnosi, non è che Brian Weiss non sia accorto del mondo spirituale, o Newton che non esista la reincarnazione, sono tutte cose legate a quello che noi intendiamo per evoluzione. Solo che ognuno di loro aveva bisogno di specifici metadati per lavorare su quelli.
Proseguirò con la canalizzazione usando vari lavori come esempio, cioè per mostrarvi alcune delle provenienze dei metadati. Nella canalizzazione troviamo metadati che nell'ipnosi non si trovano spesso e che possono fare chiarezza su alcuni interrogativi venuti fuori proprio dalle ipnosi.
Ringraziano per il messaggio: Grappa, Marzo, Cum grano salis

Di più
23/02/2019 06:21 #26947 da Dipende
Se i metadati usciti fuori dall’ipnosi vi hanno meravigliato, aspettate di vedere quelli che escono fuori dalle canalizzazioni.

Prima di tutto, la canalizzazione è la possibilità di intercettare entità che non vivono sulla Terra. Ora, a non vivere sulla Terra sono un mucchio esageratissimo di entità, per cui nella canalizzazione non sai mai chi potresti intercettare. Ho accennato in precedenza che fuori dalle percezioni umane che usiamo quotidianamente, esiste un alto e vario numero di entità, queste possono essere incarnate in altre dimensioni (ET), disincarnate provenienti da quel luogo che la gente chiama aldilà, disincarnate ma residenti in vari piani energetici (erroneamente chiamati piani astrali). Puoi intercettare dei pensieri-forma, o degli spiriti che hanno lasciato una loro impronta energetica (guscio) al momento in cui hanno abbandonato il corpo (fantasmi), ma questo fattore lo analizzerò in seguito. Come abbiamo visto in precedenza puoi intercettare lo spirito dei vivi, ma potresti pure intercettare onde psichiche che partono da un’antenna terrestre posizionata in una delle basi segrete che alcuni umani militari hanno istallato anni fa.

Ogni essere, o entità che viene generata dalla Fonte non sarà mai sola! Certo ci sono millemila sotterfugi che le entità usano per credersi/sentirsi isolate, ma in definitiva nessun sistema viaggia isolato.

Ritornando in tema, la differenza sostanziale fra canalizzazione e l’ipnosi è che nella canalizzazione l’obiettivo non è più intercettare il vero io del soggetto, ma intercettare qualcun altro, per cui qui abbiamo a che fare con qualcuno di esterno al sé e qui cominciano i “guai”.

Questa intercomunicazione fra entità la dovete vedere come una comune comunicazione fra i terrestri. Quando parli con una persona che ti dice delle cose, quanto sei sicuro che ti stia dicendo la verità? Cioè quale è il fattore che fa in modo che tu ti possa fidare? A meno che tu non sia un coglione che s’ammocca qualsiasi cazzata gli dicono, il fattore che determina questa fiducia è metafisico, cioè è più una sensazione, un istinto che una certezza. Stessa cosa capita nella canalizzazione.

Ad un certo punto dell’intervista l’operatore esperto è capace di capire se fidarsi, o meno dell’entità intercettata. Nelle comunicazioni con l’alieno in cui Malanga si è imbattuto, è capitato più di una volta che Corrado non si fosse accorto di parlare con l’alieno, ma pensava di parlare con l’io dell’entità sotto ipnosi, ma dopo un po’ te ne accorgi, sempre però se sei un ricercatore, o uno studioso. Ad esempio un’entità che ha subito dei rapimenti e delle manipolazioni dagli ET e che ha una “memoria aliena” se lo mandi da un prete, l’alieno sa che il religioso non solo non sa praticamente un cazzo di niente di quel che sta succedendo, ma ha intimamente paura del diavolo e lo prenderà per il culo facendosi passare per il demonio. Molte delle possessioni demoniache non sono altro che grosse prese per il culo da parte dell’entità ET che canalizzano il soggetto.

Qui dovrei aggiungere una cosa importante che non è strettamente legata alla canalizzazione come tecnica, ma è una cosa importante. Ho sempre scritto e lo faccio anche adesso, che la Legge più importante e impossibile da ignorare è il libero arbitrio di ogni creatura. Chi vuole curare solo i propri interessi, se vuol continuare l’evoluzione, non può farlo costringendo le altre entità a fare come dice lui, le deve ingannare. Faccio un esempio alla Tom Sawyer. Se io devo pittare uno steccato, ma mi rompo i coglioni di farlo e voglio che lo faccia tu, non posso obbligare te a farlo, o meglio posso pure farlo, ma dopo ne pagherò le conseguenze a livello animico, se voglio stare sul sicuro, devo farti credere che pitturare lo steccato sia una cosa ganza, cioè devo fare in modo che tu dica: “Voglio pitturarlo io!”, per cui più l’entità che ti vuole ingannare è esperta, più tu ti ritrovi col pennello in mano.

Ogni negativo di un certo livello è a conoscenza di questo fattore. Lo sanno anche gli uomini di culto. La loro violenza è servita in principio per punire alcuni in modo da educarne tanti altri, cioè in principio se non credevi in Dio loro ti convincevano a forza di mazzate, poi una volta educata la gente, è bastato l’inganno e ora è stesso la gente che grida “W Dio” senza che tu la costringa, anzi, provate ad andare ad un “credente” e ditegli che Dio non esiste e vedete che succede.

Per cui, non dimenticate mai! Voi siete in definitiva il Creatore, non i suoi figli, ma il Creatore in persona, cioè parte di esso, ciò sta a significare che siete padroni di voi stessi sempre!! In qualsiasi porzione di tempo/spazio, o spazio/tempo vi troviate Non dimenticatelo mai…però bisogna imparare a non farsi ingannare.

Ritorniamo di nuovo in tema, per i motivi sopra esposti le canalizzazioni sono molto differenti fra di loro, anche perché c’è un altro fattore che incide, che andrò a raccontarvi.
L’entità che canalizza spesso non ha mai vissuto sulla Terra, cioè non usa il linguaggio umano, anzi molti ET fanno dei suoni che a noi possono sembrare versi di animale, però ti parlano come parlerebbe il soggetto canalizzato. Loro hanno la possibilità di effettuare una vera e propria scansione del bagaglio culturale del soggetto, lo fanno sia i positivi, che i negativi. Il modo in cui parla il soggetto, che dialetto usa, di cosa ha paura, cosa sa di vero, cosa sa di manipolato, le informazioni che ha letto, quelle che lo hanno più colpito etc. Insomma l’alieno usa tutto te per parlare, non solo le corde vocali. Conoscendo il tuo livello animico di conoscenza, loro si adeguano a ciò, nel senso che se chi canalizza è ignorante, i messaggi saranno diciamo stupidi, nel senso basilari e spesso le entità positive si fingono angeli, santi, o qualsiasi altra figura possa tranquillizzarti e ti ripetono “stupidamente “ di amare tutte le creature del Signore, ma non ti dicono tecnicamente il perché dovresti farlo, al contrario dei negativi che si mostrano come il demonio per spaventarti o farti previsioni spaventose. Se invece chi canalizza è esperto, cioè conosce già la materia, loro si presentano per quello che sono e il materiale canalizzato sarà di maggior valore.

Dopo aver avuto queste informazioni, il film “L’esorcista” non farà più così paura.

Come ho scritto nella risposta a Massimo che mi chiedeva quali potrebbero essere le canalizzazioni più antiche su cui indagare, io credo che le canalizzazioni siano nate contestualmente all’umano. La canalizzazione non è solo una tecnica preparata ai fini di studio, dove c’è un soggetto con gli occhi chiusi e qualcuno che da interrogatore gli pone delle domande, ma nella canalizzazione rientrano la scrittura automatica, la telepatia, la trance e molti di quei fenomeni che noi riteniamo ancora “paranormali”.
So che non era questa la risposta che Massimo voleva, lui si riferiva a qualcosa di documentato che noi potessimo etichettare come canalizzazione classica, cioè operatore-soggetto-informazioni. Nei secoli scorsi la canalizzazione veniva confusa con lo spiritismo, che in definitiva sono la stessa cosa, però c’era molta più ignoranza dei metadati per cui, per il discorso che facevo prima, spesso capitava che un’entità aliena si presentasse come l’anima (de li mortacci sua) di qualche defunto, o di un angelo, o di un demone.

Sia i positivi, che i negativi canalizzano. I positivi lo fanno per essere di servizio agli altri, i negativi lo fanno per se stessi. Nel senso che chi contatta un’entità positiva, seguirà con lei un percorso positivo, fatto di tappe, ad ogni tappa maggiori informazioni, sempre nei limiti, ma comunque ci sarà un interscambio fra le due entità, In questo caso l’insegnare si lega strettamente all’imparare per entrambe le entità. Coi negativi è diverso, parliamo sempre di canalizzazioni, ma qui potremmo chiamare la cosa anche “evocazione”, cioè i negativi, tramite riti di conoscenza (magici) sono in grado di evocare le alte sfere del gruppo di ET negativi e un essere alieno negativo di fine quinta densità, non ha niente da invidiare al diavolo che tanto ci spaventa. Fra di loro ci sarà comunque uno scambio di informazioni, ma le entità negative non lo fanno perché amano le altre entità negative che le hanno evocate, ma chiedono qualcosa in cambio.

Ma lasciamo perdere i negativi e rimaniamo sulla canalizzazione classica, quella documentata.

Esistono vari metodi per contattare un essere di densità superiore, o disincarnato. Il metodo più utilizzato da tutti è il sogno. Molti umani vengono canalizzati durante la notte e manco se ne accorgono, comunque a noi serve indagare sulla intercomunicazione tecnica, quella documentata.

Il materiale che io conosco meglio è il “Materiale di RA” che è raccolto in 5 volumi intitolati “La Legge dell’UNO” comprendenti 106 sessioni dal 1981 al 1984.
Ho aperto una discussione di 12 pagine che vi da un’idea di questi metadati nella forma in cui io li ho percepiti, perciò non parlerò del “RA material” anzi non parlerò di una canalizzazione in particolare, farò come ho fatto con l’ipnosi, cioè cercherò di presentarvi altri metadati un po’più tecnici usando varie testimonianze.

Alcuni di questi metadati ve li ho già proposti perché sono in comune con l’ipnosi, altri cercherò di illustrarveli nel modo più neutro che mi viene. Credo che sia inutile ripetere che “più neutro che mi viene” non assicura assolutamente l’imparzialità, dovete sempre mettere in conto la mia percezione personale dei metadati che vi offro. Io posso solo assicuravi che non sono mosso dall’intenzione di ingannarvi, questo si ve lo posso promettere, ma ciò non toglie che io possa averci messo del mio accentuando certi discorsi, minimizzando altri, mettendoci enfasi su alcune cose, o qualsiasi altra percezione personale che inquina il concetto originale.

Logicamente, vi sarete accorti che io sono un incarnato come voi, solo un po’ più curioso di alcuni di voi, per cui esistono anche dei metadati specifici che ancora non ho compreso bene nemmeno io, ce ne sono altri che nonostante io possa metterci tutta l’imparzialità e la neutralità che posso, generano sicuramente dei malintesi e delle discussioni tese, o addirittura potrebbero generare dei pensieri elitari. Ricordate che il concetto d’elitè è l’unico concetto a cui i negativi fanno riferimento. Loro giocano soprattutto sulla disparità fra le entità e fra lo scalino evolutivo che si viene inevitabilmente a creare fra gli incarnati.

Esiste un problema tecnico nelle canalizzazioni da parte di entità positive legato al libero arbitrio di tutte le entità. Quando tu fai una domanda ad un’entità di livello superiore, che può essere ET, Spirito, o anche la tua guida spirituale, o addirittura il tuo Sé superiore, o “Superanima” come qualcuno la chiama, che sarebbe…(non preoccupatevi in futuro ci ritornerò) te stesso, ma nel futuro, dicevo, se la domanda va a minacciare una situazione che tu devi scoprire da solo, secondo dei tuoi tempi e non avendo una risposta preconfezionata, l’entità positiva non risponde. Se tu insisti lei ti dice di non insistere perché questa informazione andrebbe ad interferire con qualcosa che chiamano “La Legge del Caos” che sarebbe in pratica il motivo per cui è stata istituita la legge di non interferenza che abbiamo visto in centinaia di film di fantascienza.

Se tu insisti ancora, l’entità positiva si trova davanti ad un paradosso, cioè desidera rispondere, ma non desidera minacciare il tuo libero arbitrio e non può far altro che cedere il passo, nel senso che inabilitata a far tale lavoro, si rivolge a chi questo lavoro può farlo. Questo lavoro viene fatto dalle entità negative che godono nell’anticiparti sventure, o a rivelarti chi ti odia, o di darti qualsiasi informazione che ti possa sconvolgere, o far incazzare. La cosa migliore da fare è rinunciare quando l’entità canalizzata ti dice che non può rispondere per non anticipare cose che devi scoprire da solo, o che ancora devono accadere. Però quando questa entità cede il passo non è che ti dice: ”Scusa, ma a questo non posso rispondere, mo’ ti passo un pezzo di merda che può farlo” no, cede il passo e basta e allora può capitare che tu faccia subentrare un’altra entità (negativa) a tua insaputa. Da qui il consiglio di prendere le canalizzazioni con le pinze. Però se hai abbastanza metadati confrontati, puoi in parte, farti fregare di meno.

Dovete saper che, grazie al largo uso del libero arbitrio, l’energia creativa in perenne ricerca di nuovi schemi sperimentabili, è in grado di generare due tipi di forza/lavoro di natura principalmente elettrica. La forza/lavoro positiva e la forza/lavoro negativa. Queste due forze si muovono in cerca dell’equilibrio in ogni livello di evoluzione e così facendo creano. Queste due forze vengono distorte fino ad arrivare agli abitanti che vivono ora sulla Terra, sotto sembianze di “Bene” e “Male”. In effetti queste sono nient’altro che la manifestazione fisica delle due forze archetipe che hanno e continuano a generare azione/reazione/creazione.

La forza lavoro negativa viene propagandata/insegnata dal concetto Luciferino della tentazione. Tutte le opportunità, le occasioni di mettere zizzania, di creare posizioni elitarie, di incoraggiare gli umani a commettere azioni per la soddisfazione unicamente di se stessi senza curarsi degli altri, vengono offerte e divulgate da coloro che forniscono i catalizzatori. Cioè, “Lucifero” si limita a creare la competizione e ad aizzare gli animi, poi la scelta di commettere “irregolarità” è personale per ogni entità.

La forza/lavoro positiva logicamente non viene divulgata ed insegnata dalla religione, ma da coloro che si prodigano per gli altri, da coloro che mettono pace fra la gente, che assistono gli altri senza aspettarsi un ritorno, che rifiutano categoricamente l’attacco ad un’altra persona, se non per difendersi.

Quel che la gente immagina come “Creato” non è un “luogo” perfetto, è più un’officina dove ci lavorano un mucchio esagerato di operai. A volte succede che solo un errore può generare una soluzione che prima dell’errore era inimmaginabile. Su questa soluzione verranno poi generati nuovi metadati per tutta la Galassia, cioè un errore commesso in un piccolo punto di spazio/tempo imprecisato della Galassia ha dato poi in seguito nuove istruzioni utilizzabili da tutta la Galassia.

Nelle canalizzazioni riusciamo per la prima volta ad intravedere anche la diversa percezione del tempo fra il mondo che viviamo noi incarnati e loro che vivono fuori da questo mondo. In molte canalizzazioni capita che tu stai facendo un discorso con la controparte disincarnata, poi per qualche motivo la canalizzazione s’interrompe, o finisce il tempo e la sessione per non stancare troppo il soggetto canalizzato, quando il contatto riprenderà, l’entità contattata riprenderà a parlare esattamente da dove si è interrotta anche se il contatto riprende un mese dopo, o un anno dopo.

Spero di essere stato il più chiaro possibile in questa mia introduzione sui metadati che arrivano dalle canalizzazioni. Io comprendo che al solo nominare “canalizzazione” a molti di voi si storce il naso, succedeva anche a me e succede ancora ora, io non mi fido della canalizzazione a prescindere per tutte le cose che vi ho scritto fino ad ora, però non le considero nemmeno cazzate a prescindere. Ogni canalizzazione ha un suo perché, un suo scopo e dei determinati metadati più o meno camuffati. Alcuni sono più velati, altri meno, dipende molto dal grado evolutivo di chi canalizza e dalle direttive che ha avuto chi viene canalizzato. Cercherò di svelare anche il filo comune che hanno tutte le canalizzazioni con polarità positiva e le maggiori cose che hanno in comune rimanendo sui metadati che vi ho elencato al principio dei miei interventi.
Ringraziano per il messaggio: Grappa

Di più
23/02/2019 06:24 - 23/02/2019 06:29 #26948 da Dipende
Ultima Modifica 23/02/2019 06:29 da Dipende.

Di più
23/02/2019 06:25 - 23/02/2019 06:29 #26949 da Dipende
Ultima Modifica 23/02/2019 06:29 da Dipende.

Di più
23/02/2019 09:30 - 23/02/2019 09:59 #26950 da qilicado

L'Intero Universo, è come se non si fidasse delle nostre chiacchiere e allora, avendo bisogno a tutti i costi che ogni entità mantenga la “promessa” fatta (cioè la scelta), abbia escogitato un metodo vibrazionale non ingannabile per capire se tu questa scelta (positivo/negativo) la hai fatta per davvero, o stai solo scherzando.
L'Universo creativo non può permettersi che tu scelga una polarità per poi ammiccare all'altra, o meglio se così fosse si perderebbe costantemente equilibrio perché si verrebbero a perdere le due parti ben definite (positivo/negativo). Per cui l'Universo creativo vuole essere sicuro che tu non possa aver poi ripensamenti.

So che questa spiegazione è di Aurelio Meja Mesa e non tua. Quindi la critica non è rivolta a te.
A parte il fatto che la versione di come stanno le cose è nella forma tipica a quella che l'adulto usa forniare al bambino, o il religioso ai poveri di spirito. Quando cioè viene attribuita una personalità all'impersonale, e si attribuisce premeditazione dove non c'è.
Ma la verità pragmatica sta nel fatto che per muoversi nei sogni bisogna sbarazzarsi di certe strutture mentali, e non limitarsi solo ad evitare la loro manifestazione.
'Sta cosa la possono capire soltanto coloro che fanno della loro vita la pratica, e della pratica la vita, oppure, detto in altri termini, coloro che fanno della vita il cammino e del cammino la vita. Solo loro possono intendere il vero senso delle misure delle azioni.
La dico in maniera approssimativa. Una struttura mentale in veglia (la premeditazione, il giudizio, la ragione, la conversazione, l'ira, la cura del corpo e della persona, ecc, ossia tutti i tools o dispositivi appresi) ha un determinato peso specifico: facciamo di 10K. Nei sogni avrà invece un peso di 10000K: ti condizionerà la vita in maniera molto superiore rispetto a quando sei in veglia.
Non so se mi spiego.
Non è la morale o la legge a stabilire il "peso karmico" delle nostre azioni (te hai rubato, quindi avrai 1 anno di galera; te hai frodato il fisco, ti becchi 6 mesi di arristi domiciliari; te hai tradito tu moglie ti becchi il divorzio). Chi si affida a queste due istituzioni per ragionare sulle proprie azioni è un individuo che evidentemente non sta sulla Via.
Invece se stabilisci una connessione con l'Infinito, ti rendi conto senza sforzi di questo. Al suo cospetto ti sorge spontanea l'idea: "ma dove credo di andare con tutte queste valigie pesanti?"

L'errore di fondo sta nel considerare il sogno - inteso come dormire - come fosse una cosa accidentale, o accessoria, rispetto alla veglia. Stesso errore lo si fa spesso con l'ipnosi e questo pregiudica la ricezione dei dati che essa fornisce. Chi fa l'ipnosi evidentemente non sta sulla Via.

Il karma è nient'altro che l'interruzione di un momento di stasi fra le energie di due, o più entità.

La materialità non è “sporca” e gli incarnati non sono degli sporchi peccatori per default.
L'evoluzione non consiste nel non peccare, anzi bisognerebbe peccare tutti e farlo in maniera convinta una volta per tutte, solo però poi bisognerebbe stufarsi del peccato, o meglio dopo averlo provato, uno dovrebbe comprenderlo, capire che se vuol andare avanti dovrebbe poi abbandonare questa posizione e cominciare a cercare gli occhiali del prossimo piano.

Io ho sempre tradotto il karma come l'azione, il cui peso specifico è relativo alla sostanza in cui è immersa.
Il peccato in genereale è altrimenti un atto contro quella fisiologia che permetterebbe la piena manifestazione dell'illuminato primordiale che riposa in ognuno di noi.
Spesso si dice: "devo staccare la spina", "ora stacco dal lavoro". Sappiamo tutti cosa vogliono dire in genere queste espressioni: la persona comune sa cosa significano.
Immaginate il suo opposto equivalente, ossia il controaltare del lavoratore incorporato nel capitale. Cioè di qualcuno immerso completamente nella pratica, che mantiene una certa fisiologia adatta a certi scopi e con uno stile di vita corrispondente ad essi. Immaginate cosa succederebbe se decidesse d'un tratto di "staccare la spina" rispetto alla suo modo di essere. Questo è il così detto peccato mortale della tradizione.

Oh, quel che ho scritto è criticabile, non sono verità assolute. :ok:

χιλικάδο
Ultima Modifica 23/02/2019 09:59 da qilicado.

Di più
Di più
23/02/2019 10:44 #26954 da Dipende

So che questa spiegazione è di Aurelio Meja Mesa e non tua. Quindi la critica non è rivolta a te.


Io preferirei non ci fossero mai critiche, ma osservazioni e altri punti di vista. Come spesso ripeto qui parliamo di argomenti che hanno una vasta complessità, ma soprattutto si strutturano secondo una percezione personale.

Non so se mi spiego. Non è la morale o la legge a stabilire il "peso karmico" delle nostre azioni (té hai rubato, quindi avrai 1 anno di galera; te hai frodato il fisco, ti becchi 6 mesi di arristi domiciliari; te hai tradito tu moglie ti becchi il divorzio). Chi si affida a queste due istituzioni per ragionare sulle proprie azioni è un individuo che evidentemente non sta sulla Via.


Ma infatti, l’ho appena scritto. Mai parlato di etica, morale, o addirittura leggi terrene, si parlava di intenzioni che creano emozioni. Queste emozioni creano modifiche nella struttura energetica spirituale. Stiamo cercando di quantificare un qualcosa che è difficilissimo quantificare, facevo degli esempi per far comprendere meglio, credevo di essere stato chiaro, ma vedo di no.
Non bisogna considerare questi metadati come i dati terrestri a cui siamo abituati, non per niente sono metadati, non dati e vanno intesi in maniera diversa.

Comunque ripeto ogni nuovo punto di vista, ogni nuova tesi è sempre ben accettata a meno che non sia preceduta dalla frase “No non è così hai detto una cazzata” Io ho trovato parecchie tesi innovative che non condivido, ma difficilmente mi viene da dire che so’ cazzate, sono comunque modi per cercare di decodificare alcuni metadati che sulla Terra sono stati molto manomessi. Ed è questo il problema principale, non tanto l’ambiguità dei metadati, ma la pesante manipolazione che hanno avuto nei millenni. Questa manipolazione la dobbiamo soprattutto all’interferenza di tutta sta “gente” esterna al Pianeta (sia buoni che cattivi) che non si sono fatti i cazzi loro, ma come scrivo spesso, non è tanto possibile farsi i cazzi propri visto che siamo tutti collegati.

Gli archetipi e di conseguenza i metadati, sono per lo più emozionali, nel senso che potrebbe sentirli/ capirli anche un bambino senza tutte ste spiegazioni che sto facendo che in definitiva complicano il normale fluire delle informazioni naturali, però visto che viviamo in un sistema assai corrotto, è difficile oramai percepire gli archetipi per quello che sono, ci hanno ricamato su troppe storie. Io spero che comunque di fondo ci sia per tutti un filo comune da poter poi arricchire con dettagli personali che ognuno può e deve creare.

Di più
23/02/2019 12:09 #26957 da Dipende
Io c’ho pensato parecchio su prima di decidermi ad aprire una discussione del genere, proprio perché credo di conoscere il peso delle parole. E’ sempre una responsabilità presentare metadati del genere perché, ripeto puoi essere il più neutro possibile, ma ognuno di noi percepirà quel che lo ha più colpito e lo percepirà sagomandolo alle proprie idee e se uno ha delle idee diciamo un po’ distorte, nel senso che ha bisogno di questo tipo di distorsione per andare avanti, da questi metadati non riceverà gioia, fiducia, o soddisfazione.

Continuo a nascondermi dietro il fatto che non ho inventato io questi metadati e che non li ho nemmeno scritti io e che ve li sto solo riportando, ma è vero fino ad un certo punto. Dal momento in cui io ho preso la decisione di interessarmi a sta roba e di proporvela, ho automaticamente attivato dei vortici di probabilità
Lo stesso problema hanno avuto e hanno ancora quelle entità che vogliono contattarci senza spaventarci/intristirci/demoralizzarci, anzi, per loro è molto più difficile, perché io che vi sto scrivendo, sono nato sulla Terra e sono infognato come voi in questa illusione, loro no. Hanno sempre timore di farti scoraggiare e per questo motivo ogni tanto ti abbelliscono alcuni concetti infarcendoli casomai di sfumature religiose a cui il contattato è legato.

In una canalizzazione che lessi anni fa, l’entità contattata in principio parlava del Creatore come se fosse Dio, quello che noi abbiamo umanizzato e messo a capo di tutto, poi piano piano, più si andava avanti nei discorsi, più questo simbolo Dio perdeva le distorsioni che noi terrestri abbiamo creato e assomigliava sempre più al concetto di Uno Creatore.

Infatti, la prima domanda che un terrestre fa appena contatta un’entità è chiedere: “Ma Dio esiste?”
E’ una domanda a cui non si può dare una risposta secca. Nessuno di loro ti risponderà mai: “No, non esiste” anche se sanno che per Dio noi intendiamo una specie di padrone che dispone di alcune Leggi stabilite da lui. Ti diranno che la nostra visione di Dio è un po’ distorta e ti daranno delle informazioni diciamo un po’ più precise, ma sempre nei limiti imposti dalla Legge della confusione.
Ringraziano per il messaggio: Grappa

Di più
23/02/2019 22:43 #26981 da DjGiostra
Dipende:
Sto' leggendo i tuoi scritti con enorme interesse.
Usando il "Facendo finta che sia tutto vero" tanto caro a Mauro Biglino mi sono accorto che sto' unendo un sacco di puntini che collegano molti aspetti che sembrano
non essere uniti.
Ora: Il "facendo a finta che sia tutti vero" non esclude affatto che lo possa essere e anzi visto i collegamenti che mi stanno apparendo man mano che leggo i tuoi scritti
credo che ci siano molte probabilita' che lo sia.
(Mi riservo sempre la possibilita' che non lo sia.)
Ho come la senzazione che se un giorno riusciro' a fare delle sedute di ipnosi regressiva uniro' ancora molti puntini.
Nel frattempo ti ringrazio moltissimo per i metadati che stai condividendo.
Ciao..
Damiano..

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza ! (Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun su A320..

Di più
24/02/2019 14:04 #26988 da Dipende

Usando il "Facendo finta che sia tutto vero" tanto caro a Mauro Biglino mi sono accorto che sto' unendo un sacco di puntini che collegano molti aspetti che sembrano
non essere uniti.
Ora: Il "facendo a finta che sia tutti vero" non esclude affatto che lo possa essere e anzi visto i collegamenti che mi stanno apparendo man mano che leggo i tuoi scritti
credo che ci siano molte probabilita' che lo sia.
(Mi riservo sempre la possibilita' che non lo sia.)


E’ la tecnica che ho usato io in principio e che uso ancora adesso! Mi sono detto, non è tanto importante se, o quanto sia vero, il fenomeno c’è, nel caso fosse vero cosa posso imparare da ciò? E ho cominciato ad unire alcuni puntini…sono davvero felice che tu abbia avuto la mia stessa sensazione.

Come per l’ipnosi, anche nella canalizzazione troviamo diverse tecniche. Visto che canalizzare, tutto sommato sarebbe intercettare, puoi farlo rimanendo sveglio, o andando in trance. Questi due tipi di canalizzazione sono molto diversi fra di loro. Quando il soggetto, che da ora in poi chiamerò strumento perché in definitiva dal momento in cui viene canalizzato diventa solo questo, quando lo strumento rimane sveglio, è come se nella sua mente si formassero parole e visioni che lui tenta di riproporre. Anche per quanto riguarda la scrittura automatica esistono soggetti che scrivono quel che vedono in maniera cosciente e ricordano di averlo fatto e altri invece che vanno in trance ed è come se si addormentassero e la mano comincia a scrivere da sola. In definitiva nella canalizzazione medianica il tramite diventa lo strumento.

Se volessimo analizzare tutte le canalizzazioni fra umani e non umani degli ultimi 40 anni dovremmo scrivere un libro di un miliardo di pagine perchè gli umani vengono canalizzati di continuo e non solo tecnicamente, nel senso che noi discutiamo ed analizziamo quelle manifestazioni che potremmo definire tecniche, o in qualche modo ortodosse, dove c’è un operatore, uno strumento e delle informazioni.

Molta di quella gente che diceva di aver visto un angelo, o un santo, o addirittura Gesù in persona e di averci parlato, non era matta, ma veniva appunto canalizzata. Voglio aprire una parentesi per richiuderla subito però perché non ho ancora abbastanza metadati da esporvi.

Quello che noi consideriamo “pazzia”, o malattia mentale è spesso strettamente legata a questo tipo d’interferenza che non è necessariamente voluta. Gli incarnati hanno un cervello così fatto non solo per interagire fra di loro, o per decodificare i dati terreni, ma il cervello serve anche come schermatura. Ho già scritto che fuori dalle nostre percezioni esistono un fottio di “luoghi” dove vivono un fottio di “persone” che devono rimanere assolutamente separati. Se, per svariati motivi questo non dovesse avvenire, le istruzioni si mischiano e tu non ci capisci più una sega. Però richiudo subito la parentesi perché la cosiddetta “pazzia” a livello spirituale, è una delle cose più complicate, con più anomalie che io abbia mai incontrato.

Dicevo, esistono un mucchio di umani in grado di collegarsi con luoghi metafisici, alcuni lo fanno in maniera tecnica, molti invece lo fanno e basta, non sapendo nemmeno molto bene quel che stanno facendo.

Come per la maggioranza delle cose terrestri, a determinare l’allontanamento definitivo da questi metadati ci ha pensato l’umano stesso. Il solito stupido coglione che per pensare alla propria sopravvivenza, esclude qualsiasi ragionamento saggio. Visto che la gente avrebbe pagato e anche caro per alcuni di questi metadati che arrivano dal luogo dove i defunti vanno, un manipolo di usurpatori per niente in grado di canalizzare, o comunque ricevere metadati, ha cominciato a far diventare la cosa un business e tutto è diventato un gran carrozzone di mentecatti… e chi se ne fotte più dei metadati.

Ma torniamo a noi, alla canalizzazione classica, quella documentata. Per comunicare, le entità ET scelgono il soggetto, cioè prima valutano la situazione, poi scelgono chi canalizzare. Loro tendono a contattare gli “Erranti” prima di ogni altro essere umano.

Questo fattore “Errante” nelle canalizzazioni viene riscontrato spesso. Anche in questo caso, per capirci qualcosa di più devi avere accesso ad una canalizzazione più tecnica. Se il soggetto canalizzato non si è ancora risvegliato, loro gli diranno solo che lui è “speciale” ma non capirai bene il perché, se la canalizzazione diventa più tecnica, vieni a scoprire che esistono delle entità di livello animico superiore a quello di terza densità, cioè il mondo dove vivono i terrestri, che per spirito di collaborazione ed amore scelgono volontariamente di incarnarsi in un corpo di terza densità su di un Pianeta di terza densità. Nel materiale di RA questi vengono chiamati “Erranti”.

Immaginate un’entità che milioni/miliardi di anni fa era umana come i terrestri, poi si evoluta e ha sperimentato in una densità superiore (per noi aliena) dove la vita media è di 90.000 anni. Si è incarnata un mucchio di volte fino a comprendere quel che doveva comprendere ed è salita di livello. Poi ha sperimentato per milioni di anni, inglobando concetti, superando paradossi, salendo ancora di livello diventando un qualcosa che a noi fa pensare ad un Dio, poi per amore del prossimo decide di tornare indietro di eoni per incarnarsi in un corpo che lui aveva abbandonato un mucchio esagerato di tempo prima e ora te lo ritrovi che gira fra la gente terrestre.

Bisogna sapere che sulla Terra comanda la Terra, nel senso che una volta che tu decidi di incarnarti su di un Pianeta di terza densità che prevede metadati di terza densità fra cui il velo della dimenticanza e il fattore karma e prevede potenzialmente un mucchio di difficoltà, lo fai con la consapevolezza che non ricorderai chi sei e che esiste un’alta possibilità che tu non lo ricorderai mai fino alla fine della sperimentazione. Sono molti di più gli erranti dormienti che quelli che si risvegliano.

Quando un errante si risveglia, o in qualche modo ricorda chi è, diventa un qualcosa che noi qui sulla Terra abbiamo spesso chiamato “Maestro”, o nel passato “Santo”.

Questo fattore “Errante” è venuto fuori anche dalle ipnosi, nel senso che sia Corrado, che Brian, che Michael e anche Aurelio si sono accorti che sul lettino non si sdraiavano umani tutti uguali, anzi alcuni erano molto diversi dagli altri. Ad esempio capita che l’essenza appena abbandona il corpo sia smarrita, poi comincia piano piano a ricordare, rimane per un po’ imbambolata a gustarsi le varie scene, poi qualcuno se la viene a prendere. Per alcuni non avviene ciò. Alcuni appena abbandonato il corpo, già sanno dove andare e lo fanno con la stessa naturalezza che potremmo avere noi quando torniamo a casa dal lavoro.

Gli ET preferiscono contattare questo tipo di umano errante perché con loro è meno probabile minacciare il libero arbitrio e poi perché è comunque più facile e prevede meno complicazioni.

L’umano ha sempre fatto parecchia confusione sull’esistenza degli erranti dovuta al fatto che ha dimenticato che la struttura evolutiva si basa su più livelli, o densità, o dimensioni, per cui l’Errante per loro non ha un senso, come del resto non hanno un senso quelli che chiamano gli “spiriti maggiori”, o “angeli” che in definitiva sono entità con più esperienza esistenziale.

Ritornando alla canalizzazione classica, quelle che hanno generato più metadati sono quelle in cui lo strumento va in trance. La situazione qui diventa interessante perché scopriamo che esistono delle frequenze a banda larga e a banda stretta che le entità usano per comunicare. Si esatto proprio come fossero frequenze radiofoniche, loro si collegano alla “radio del tuo cervello” e ne prendono possesso.

La banda larga è più facile da tenere in piedi, ma è meno dedicata, nel senso che potrebbe essere intercettata e disturbata da altre entità, la banda stretta invece è migliore per la selezione dei dati, ma più difficile da tenere stabile.

Ad esempio RA per comunicare usava una banda stretta. I metadati venuti fuori sono meno distorti, ma per stabilizzarla il gruppo doveva prima preparare il soggetto. Carla ad esempio, prima di andare in trance per il contatto, eseguiva una meditazione di gruppo per circa un’oretta, poi veniva stesa su di un lettino, coperta con un lenzuolo e venivano disposti accanto a lei vari oggetti. Tre per la precisione.

Una bibbia aperta su di un paragrafo che Carla amava, un calice colmo d’acqua e dell’incenso. Questi che possono sembrare riti magici (e in effetti lo sono) hanno una validità pratica, non è solo scena.

La bibbia aperta su quel determinato passo dava a Carla tranquillità e fiducia. Visto che le interferenze negative possono essere distruttive e creare ansia, Carla da quelle parole scritte in quel determinato capitolo trovava il giusto coraggio per affrontare il lavoro-

Il calice pieno d’acqua. Prima di spiegarvi la sua funzione devo ricordarvi che l’acqua ha memoria. Come Zorg mi chiedeva in principio: “Cosa pensi dell’acqua? Potrebbe essere il mezzo, il veicolo per far viaggiare i metadati tra un corpo ed un altro, o tra specie diverse? “ Io ho risposto di no perché questo è un lavoro che fa la luce (intesa come particella elettrico luminosa) ed in effetti è così, ma l’acqua, per la sua struttura cristallina è un ottimo potenziatore, come il cristallo, riesce a canalizzare l’energia in disegni armonici, in qualche modo strutturalmente regolari, questo amplifica la comunicazione. L’acqua non solo ha memoria, cioè riesce a configurarsi rispetto a delle informazioni ricevute, ma lo fa soprattutto in seguito all’espressione di emozioni. L’emozioni umane hanno una forza elettromagnetica in grado di modificare la struttura dell’acqua. Sentimenti positivi, di amore e di gratitudine, danno all’acqua la possibilità di ristrutturarsi, o in qualche modo, di potenziarsi, sentimenti negativi danno l’effetto contrario cioè possono rendere l’acqua addirittura non potabile.

Detto questo, una volta terminata la sessione Carla era debilitata per lo sforzo compiuto (la comunicazione con il metafisico esige un tributo energetico) e il bicchiere colmo d’acqua veniva prima caricato positivamente dai pensieri d’amore del gruppo e poi dato da bere a Carla come se fosse una bibita energetica.

L’incenso serve unicamente a creare un odore di fondo che sia omogeneo, serve per non far distrarre lo strumento. Cambi repentini di temperatura, suoni, o odori possono far saltare la comunicazione.

Ecco, quando uno non esperto in metadati vede ‘na tipa stesa su di un letto coperta fino al mento da un lenzuolo bianco con la bibbia aperta ai piedi del letto e un calice e un incenso sul tavolino immediatamente pensa: “Ma che carrozzone di mentecatti” o al limite s’impressiona perché non riesce a decifrare i simboli che vede, o li associa alle sedute spiritiche che ha visto in un film, sicuramente la assocerà ad un preconcetto molto distorto. Invece sono solo accorgimenti tecnici, che servono a migliorare la comunicazione e non c’è niente di sacro, o divino dietro, tanto meno demoniaco.

La maggioranza delle canalizzazioni “credibili” che girano oggi in rete avvengono in banda larga.

Vi ho accennato come tecnicamente funziona una canalizzazione, poi ci tornerò esaminando vari casi che vi proporrò, voglio concludere questo post anticipandovi cosa unisce tutte queste canalizzazioni. Qual è il messaggio che c’è dietro? Se messaggio c’è?

Come avevo risposto in principio a Massimo, il concetto che accomuna tutte queste comunicazioni, che vi ricordo sono di vario livello e di vario inquinamento, è il concetto di unità di tutte le cose esistenti, però esiste un altro punto in comune con tutte e ripeto tutte le canalizzazioni (sia positive che negative) e cioè continuano tutti a dirci che sta per succedere qualcosa di grosso assai, di talmente grosso che nessuno sa bene come andrà a finire.
Ringraziano per il messaggio: Grappa

Di più
24/02/2019 19:13 #26989 da DjGiostra
Ditende:

però esiste un altro punto in comune con tutte e ripeto tutte le canalizzazioni (sia positive che negative) e cioè continuano tutti a dirci che sta per succedere qualcosa di grosso assai, di talmente grosso che nessuno sa bene come andrà a finire.

Ecco. Questa e' una sensazione molto forte che ho anche io. Cioe' che stia per succedere qualcosa di grosso ma mi sfugge perfino se sia una cosa negativa o positiva.
Grazie per le info che stai condividendo.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza ! (Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun su A320..

Di più
25/02/2019 08:05 - 25/02/2019 08:08 #26993 da qilicado

Continuo a nascondermi dietro il fatto che non ho inventato io questi metadati e che non li ho nemmeno scritti io e che ve li sto solo riportando, ma è vero fino ad un certo punto. Dal momento in cui io ho preso la decisione di interessarmi a sta roba e di proporvela, ho automaticamente attivato dei vortici di probabilità

Semplicemente i tuoi interventi non sono filologicamente accurati, ovvero che spesso è poco chiaro capire chi sia la fonte di certe informzioni: tu oppure uno dei quattro ipnologi. Questa non è una critica, ma una constatazione. Non te ne faccio una colpa. Ma tu non attribuirmi cose che non ho detto o intenzioni che non ho avuto.
Mi sarei risparmiato di replicare, perché non voglio monopolizzare il tuo thread che apprezzo lo stesso. Ma 'sta cosa del lenzuolo mi ha stuzzicato troppo :cheer: :

Ecco, quando uno non esperto in metadati vede ‘na tipa stesa su di un letto coperta fino al mento da un lenzuolo bianco

Questo uso l'ho già riscontrato: nella serie Strange Angel e nella pratica ricapitolativa Castanediana.
Forse a qualcuno può interessare questa mia osservazione.

χιλικάδο
Ultima Modifica 25/02/2019 08:08 da qilicado.

Di più
25/02/2019 09:42 #26995 da Aigor
@DJgiostra

Nel caso non avessi ancora trovato il link al film, ti posto questo collegamento :wink:
Lì trovi tutto

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Ringraziano per il messaggio: DjGiostra

Di più
25/02/2019 09:59 #26996 da Dipende

Semplicemente i tuoi interventi non sono filologicamente accurati, ovvero che spesso è poco chiaro capire chi sia la fonte di certe informzioni: tu oppure uno dei quattro ipnologi.


Si hai ragione, è per come ho impostato la discussione che succede. Ma è così’ importante saperlo? Avrei potuto riempire questo thread di link Questo ha detto questo (link), questo ha fatto questo (link), poi c’è stata questa situazione (link)…ma non mi andava di farlo. Le fonti a cui faccio riferimento le ho tutte denunciate, nessuna delle informazioni che vi sto dando viene da me personalmente. Ci sono alcune considerazioni mie, ma credo siano evidenti, cioè si dovrebbe capire quali sono. Se c’è qualcosa che non ti convince, che ti puzza, che credi che abbia inventato io di sana pianta, o qualsiasi altro motivo ti faccia dubitare di un metadato, puoi benissimo scrivere le tue considerazioni, o saltare direttamente l’informazione che non condividi.
Io non sto facendo un’analisi di un personaggio in particolare, o di una situazione in particolare e nemmeno devo presentare una tesi di laurea, ma ho raccolto i metadati principali e li ho sistemati in un certo modo per renderli più comprensibili. Che ora un metadato arrivi da Mesa, o da Weiss, per me non è importante.
Se poi tu hai bisogno di sapere nel dettaglio chi ha detto questo e chi ha fatto quello, perché vuoi le prove, o per controbattere, o perché non ti fidi della mia esposizione priva di riferimenti, è un problema perché io i link in dettaglio di ogni cosa che scrivo non li metterò, nemmeno alla fine, mi spiace.

Non te ne faccio una colpa. Ma tu non attribuirmi cose che non ho detto o intenzioni che non ho avuto.


Non capisco a cosa ti riferisci

Vabbè…per ora continuo ad andare avanti…poi vedremo fino a dove posso arrivare, tanto fondamentalmente potrei anche finirla qui, perché i metadati più importanti, quelli che possono dare l’occasione di comprendere alcuni aspetti su cui indagare, li ho esposti.

Comunque, questa cosa grossa che sta per accadere è senza ombra di dubbio, la fine del ciclo evolutivo di terza densità. L’esperienza umana terrestre ha avuto inizio circa 76.000 anni fa e sarebbe dovuta terminare nel 2012 circa. In effetti è così solo che quel “circa” è legato a vari fattori.

Diciamo che il termine tecnico è scaduto, ora è come se stessimo giocando i minuti di recupero. Cioè, rimanendo su questa metafora, siamo nel punto in cui il 90’ è arrivato, e il quarto uomo sta alzando la lavagnetta dei minuti di recupero. Non l’ha ancora mostrata, la sta alzando.

I minuti di recupero potrebbero essere uno, o due, o tre, o addirittura sette, che tradotto ci potrebbero volere ancora 2 mesi come 7 generazioni. Nessuno sa ancora né quando l’evento si manifesterà né come lo farà, cioè come verrà percepito dai terrestri.

Questo famoso raccolto di fine ciclo che esce fuori da parecchie canalizzazioni è in pratica il metadato che i terrestri hanno distorto trasformandolo in “giudizio universale” e che poi alcuni culti hanno trasformato nella “fine del mondo”. Come ho scritto in apertura, spesso è capitato che qualcuno ha trasformato eventi tecnici evolutivi in miti paurosi per spaventare la gente.

E’ inutile che mi ripeta riproponendovi i metadati riguardanti le densità, o dimensioni, o la vibrazione animica necessaria per “passare di livello”, che vi ho già proposto, potete intuire da soli che in definitiva non finisce proprio alcunchè, ma tutto si trasforma e cambia forma ed ognuno riuscirà a trovare il proprio posto.

Se dovesse capitare nei prossimi anni, cosa potremmo aspettarci? Non ne ho la più pallida idea, e nemmeno loro ce l’hanno. Dicono che il processo di mutazione, cioè che le nuove istruzioni per un mondo materiale di quarta densità sono cominciate all’incirca negli anni 40 del secolo scorso ciò avrebbe permesso dei cambiamenti graduali che avrebbero dato modo al Pianeta di riassettarsi un po’ alla volta e questi cambiamenti li stiamo notando meglio negli ultimi anni (terremoti di alto grado e condizioni climatiche molto strane e violente) a sentire loro queste manifestazioni per default devono esistere, perché parte delle informazioni evolutive galattiche, ma si legano ad un fattore che può mitigare, o aggravare, rallentare, o accelerare questa trasformazione. Nel nostro caso, il fattore è quello umano.

Questo determina una grossa incertezza nei vortici di probabilità, nel senso che l’umore dei terrestri è contrastante ed altalenante. Non c’è unità d’intenti fra gli umani, anzi sappiamo benissimo che alcuni fanno ancora la guerra fra di loro, che usano spesso e volentieri la disonestà quando possibile e altre cose che non aiutano un buon passaggio, però a quanto pare la consapevolezza umana rispetto a 50 anni fa sta aumentando e questo fa da ammortizzatore. Insomma non si sa né la data, se mai data precisa ci fosse, né l’entità, ma io credo che sarà un accavallarsi di conseguenze a problemi sempre più allarmanti che innescheranno delle manovre di salvataggio che creeranno problemi ancor più allarmanti.

Le entità contattate tendono fondamentalmente a ripetere di rimanere uniti e coesi che è in definitiva l’unica arma che abbiamo per mitigare qualsiasi difficoltà possa venire. Il sogno di ogni entità positiva è quello che gli umani smettessero di farsi la guerra, di nascondersi le cose, di manipolarsi a vicenda e cominciassero a lavorare tutti assieme. Questa manovra utopica permetterebbe la totale sconfitta del potere ombra terrestre fatto di Casati, Famiglie e apparati segreti e ET negativi che in una situazione del genere non avrebbero più senso di esistere (e fanculo il dividi et impera) Permetterebbe un buon passaggio verso la nuova destinazione, ma soprattutto permetterebbe a molti di loro di abbandonare questa densità perché anche se non lo dicono mai apertamente, appare chiaro che molti di loro nonostante ci amino come amano loro stessi, si sono un po’ rotti i coglioni di noi e delle nostre cazzate.

In effetti se uno guarda la cosa da fuori, diciamo dalla loro prospettiva, il nostro comportamento appare banale e stupido, cioè loro vedono prima di tutto la nostra natura che è parte di loro e parte di tutto, poi vedono la nostra potenzialità, e la nostra creatività che è sbalorditiva anche per loro.

In effetti, questo fatto che sulla Terra le difficolta e le anomalie sono andate accavallandosi, ha in qualche modo rallentato tutto il pacchetto evoluzione terrestre, ma ha anche dato l’occasione ad alcuni di affinare talmente tanto le proprie capacità e la propria creatività (per levarsi dai guai) da meravigliare anche ET di dimensioni ben superiori la nostra.
Loro vedono tutto questo e si rammaricano, ma subito si riprendono e ti danno “una pacca sulla spalla”

Questo atteggiamento lo troviamo spesso nelle canalizzazioni di un livello medio/basso dove l’entità contattata sta ben attenta a non deprimerti ed a trattarti come se fossi un suo figlio. In altre canalizzazioni, questo aspetto diminuisce. Ci sono alcuni spiriti disincarnati che ci fanno certi cazziatoni e giocano sull’indignazione non la loro, ma la tua che leggerai, del tipo: “Vi hanno donato un Pianeta così bello e così ricco di vita e di opportunità e lo state riducendo un cesso”

In molte canalizzazioni viene fuori il concetto di “Sé superiore” o “Oversoul” o “Superanima” questo concetto è tanto interessante quanto poco metabolizzabile.

E’ poco digeribile perché per spiegare questo concetto bisogna abbattere con un calcione circa un 90% di concetti terreni che noi riteniamo degli assunti universali. Che sono degli assunti, ma solo se si parla della nostra dimensione e del nostro Pianeta, ma fuori di qui valgono zero.

E’ inutile che io mi dilunghi a tentare di spiegare concetti strutturali di spazio/tempo e tempo/spazio che ho compreso fino ad un certo punto e che non so fino a che punto ci competono, certo potrei, come faccio sempre farvi degli stupidi esempi per darvi modo di visualizzare in parte il concetto, ma renderei minimamente l’idea, comunque lo spazio circoscritto e il tempo cronologico sono metadati prettamente di terza densità. Questo però non vuol dire che una volta morti vedrete l’intero mistero dell’evoluzione in un colpo solo, per niente, la cosa funziona come se ogni densità avesse una sua propria percezione del tempo.

Ho scritto in precedenza che la vita media di quarta densità è di 90.000 anni, ecco immaginate una vita del genere con la percezione che abbiamo noi ora, sai che grandissima rottura di coglioni? Cioè tutti sperano di campare il più possibile, ma 90,000 anni sono davvero troppi sulla Terra in queste condizioni, con la percezione del tempo che ci ritroviamo adesso.

Per uno di quarta invece, 90.000 anni sono un tempo accettabile per una incarnazione. Il tempo prende valore solo dopo essere percepito. Prendiamo un caso terrestre, esistono insetti che campano solo una giornata. Ora mettetevi nei panni di un’effimera, il vostro pensiero sarà: “Si, ma che vita del cazzo, finisce troppo presto, manco il tempo di nascere che devi morire” ma l’effimera in questo tempo fa le cose che fanno tutti gli animali, nasce, cresce, si nutre, s’accoppia e muore, solo che lo fa secondo i suoi tempi, secondo la percezione che ha del tempo. Immaginate un’effimera che si mette nei panni di un umano che campa ottant’anni, dopo il primo giorno di vita si guarderebbe intorno e si chiederebbe: “E mo?”

Posso dire una cosa. Il concetto originale non ha tempo e non ha spazio. Queste strutture sono nate in seguito e si sono evolute secondo schemi creativi ben precisi che comprendono sette livelli di sperimentazione/percezione differenti in ogni Galassia esistente. È come se oltre il Pianeta, oltre gli spiriti, si evolvesse anche il tempo.
Questo fa in modo che in un’ottava creativa sia già contenuta tutta l’esperienza dell’ottava fino alla fine della sesta densità di ogni entità esistente. Il motivo per cui non si ha accesso a questa esperienza globale a comando sta nel fatto che arrivare a quel tipo di consapevolezza sarebbe come giocare al gioco dell’oca partendo dall’arrivo. Nel senso che se tu decidi di giocare al gioco dell’oca parti dal via e ti fai tutte le caselle che comprendono ostacoli e premi e impari giocando fino ad arrivare alla fine.

Anzi mi è venuto un esempio stupido migliore.

Facciamo conto che io ti invito a giocare ad un gioco da tavola a percorso fatto di caselle. Le caselle sono coperte, non sai ancora cosa potrebbe capitarti. Se ci vai su potresti incappare in un ostacolo, o in un rallentamento, in altre invece avrai dei bonus e delle grosse soddisfazioni. Tu decidi di partecipare e lo fai con entusiasmo.
Allora io ti faccio giocare e mentre tu giochi ti filmo. Filmerò quando arriverai su caselle che ti causeranno dolore, o sgomento e lo farò anche quando arriverai su caselle che ti faranno provare gioia o soddisfazione, insomma ti filmerò piangere, ridere, mentre pensi, mentre escogiti piani per non finire su determinate caselle. Ti filmerò mentre preghi di non finire su di una casella che tu pensi sia negativa, ma invece non lo era e il contrario. Fino al meritato traguardo, dove filmerò la tua gioia e la tua soddisfazione per essere giunto fin lì…poi ti di una botta in testa che ti fa perdere la memoria.

Appena ti svegli ti chiedo: “vuoi giocare ad un gioco da tavola a caselle molto emozionante dove scopri le cose per gradi?” E tu “ Cazzo si!”
E io ti faccio giocare di nuovo, ma per te è come se fosse la prima volta. Diciamo che ad un cero punto del percorso tu scopri che esiste un video dove ci sei tu che giochi l’intera partita perché qualcuno ha filmato a tua insaputa tutta la partita.

Ecco, questo video è il Sé superiore.

E’ un esempio un po’ cretino lo ammetto, ma non esistono ancora formule o esempi tecnici per spiegare questa situazione che vede la coscienza attivarsi per gradi nonostante viaggi in un sistema che nella struttura non prevede né spazio, né tempo. Vi dovete accontentare dell’esempio scemo, ma c’è tutto il tempo dell’Universo per capire tecnicamente come funziona la cosa.

Comunque, in alcuni casi, in determinate circostanze, con molta disciplina e molto allenamento qualcuno, di tanto in tanto riesce pure a collegarsi col proprio Sé superiore. In pratica si collega col proprio io del futuro…ma molto futuro, troppo futuro infatti non dovete immaginare una cosa del tipo “Ritorno al futuro” , ma è una comunicazione metafisica fatta soprattutto di archetipi di intuiti e di consapevolezza che nessuno è mai solo e che… come io spesso ripeto e come gli indiani ripetono da un mucchio di tempo prima di me: “Alla fine andrà tutto bene e se non dovesse andare bene, allora vuol dire che non è ancora la fine”

:pint:
Ringraziano per il messaggio: Grappa, DjGiostra, Cum grano salis

Di più
25/02/2019 14:21 #27003 da DjGiostra
Dipende:

Comunque, questa cosa grossa che sta per accadere è senza ombra di dubbio, la fine del ciclo evolutivo di terza densità. L’esperienza umana terrestre ha avuto inizio circa 76.000 anni fa e sarebbe dovuta terminare nel 2012 circa. In effetti è così solo che quel “circa” è legato a vari fattori.


:question: :question: :question:
Io avevo capito che i 76.000 anni della 3a densita' fosse personale. Cioe' ogni abitante di questa densita' gli sarebbe durata circa 76.000. Ho capito male ?

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza ! (Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun su A320..

Di più
26/02/2019 07:57 - 26/02/2019 08:01 #27017 da qilicado

Se poi tu hai bisogno di sapere nel dettaglio chi ha detto questo e chi ha fatto quello, perché vuoi le prove, o per controbattere, o perché non ti fidi della mia esposizione priva di riferimenti, è un problema perché io i link in dettaglio di ogni cosa che scrivo non li metterò, nemmeno alla fine, mi spiace.

Proprio a questo mi riferivo quando ti chiedevo di "non attribuirmi cose che non ho detto o intenzioni che non ho avuto". Ho solo detto che è "poco chiaro capire chi sia la fonte di certe informzioni: tu oppure uno dei quattro ipnologi".
Poche pugnette please. Altrimenti non ti lamentare se poi arriva qualcuno, che credendo di criticare un Aurelio Meja Mesa, ad esempio, va invece a incidere sull'ego di qualcun'altro.

Dato che riconosci questo:

Le fonti a cui faccio riferimento le ho tutte denunciate, nessuna delle informazioni che vi sto dando viene da me personalmente.

Dato che il quadro generale che viene fuori dalle ipnosi non è altro che una cosa come la Bhavacakra e la fenomelogia descritta non è altro che una cosa come la trasmigrazione, sono allora indotto a ritirare quello che ho detto in precedenza ossia:

il tuo thread che apprezzo lo stesso

Apprezzo un paio de' ciufoli.
Ma che cosa c'è di "metanormale" nella trasmigrazione se, a quanto dicono, è prassi comune rinascere, e mai risvegliarsi?

Visto che 'ste cose non sono scoperte recenti fatte da La$cienza, ma le trovi in altre culture e in epoche remote, te lo propongo io un metodo che è veramente scientifico, ossia il banalissimo metodo comparativo.
1) Mi spiegheresti le similarità e le divergenze, se ci sono, fra il quadro da te tratteggiato e la Bhavacakra.
2) Ti chiederei di fare la stessa cosa con la divina commedia, ma già sappiamo tutti la risposta: Dante mostrava di non credere alla reincarnazione. Potresti fare allora una comparazione con un' altro sistema di pensiero premoderno a tua scelta fra gli innumerevoli che erano presenti in ogn parte del pianeta?

La ruota del Divenire o dell’Esistenza (Bhavacakra)

χιλικάδο
Ultima Modifica 26/02/2019 08:01 da qilicado.

Di più
26/02/2019 09:25 #27018 da Dipende
@DJ

Io avevo capito che i 76.000 anni della 3a densita' fosse personale. Cioe' ogni abitante di questa densita' gli sarebbe durata circa 76.000. Ho capito male ?


La durata di 76.000 anni è la durata complessiva di un ciclo evolutivo di terza, cioè ogni entità, anche planetaria (cioè la Terra) ha a disposizione 76.000 anni per evolversi. Un’entità che sviluppa prima la vibrazione giusta non ha bisogno di sperimentare per forza 76.000 anni, quando raggiunge la vibrazione, diciamo che passa automaticamente di grado.
Ci sono alcuni terrestri che sono già passati in quarta densità e alcuni di loro già si sono reincarnati lì.
La cosa tecnica funziona così. Un ciclo di terza nella nostra Galassia dura 76.000 anni e questo lo si potrebbe chiamare “Ciclo Master”, però ci sono dei cicli intermedi ogni 25.000 anni circa, come fossero dei resoconti.
Allora, tu hai ha disposizione personalmente 76.000 anni per evolverti in un determinato schema (vita terrestre) quando raggiungi la vibrazione assonante a quella successiva (quarta densità) passi il turno. Se questo capita dopo 1.000, 10,000 o 25.000 anni è indifferente. Questo per quanto riguarda il personale, a livello planetario invece ogni 25.000 e rotti anni, succede qualcosa che da modo di fare un resoconto. Cioè succede qualcosa che determina uno sconvolgimento planetario e un primo resoconto delle Entità in sperimentazione.


qilicado

Apprezzo un paio de' ciufoli.


E sai a me quanto può fregare? A dire il vero non ho nemmeno capito cosa vuoi

1) Mi spiegheresti le similarità e le divergenze, se ci sono, fra il quadro da te tratteggiato e la Bhavacakra.



No, perché dovrei farlo? Ascolta, forse da piccolo hai preso una botta in testa e hai difficoltà a comprendere quello che leggi. Io devo convincere nessuno l’ho scritto per ben 4 volte, questa è la mia interpretazione su alcuni aspetti potremmo dire “esoterici” che ho ricavato dalle ipnosi e dalle canalizzazioni. Se ne sei capace, apri tu un thread e ci racconti la tua d’impressione e ci metti tutte le tue cosine.

Poche pugnette please. Altrimenti non ti lamentare se poi arriva qualcuno, che credendo di criticare un Aurelio Meja Mesa, ad esempio, va invece a incidere sull'ego di qualcun'altro.


Lamentarmi di cosa? Ah ho capito…tu vuoi solo rompere i coglioni, fa parte del gioco. Divertiti.

Spero che la maggioranza di voi invece abbia capito il senso dei miei interventi

buona vita
Ringraziano per il messaggio: DjGiostra

Di più
27/02/2019 08:29 #27077 da qilicado

forse da piccolo hai preso una botta in testa e hai difficoltà a comprendere quello che leggi.

Evita di nasconderti ora dietro a un dito con questo attacco personale.

E sai a me quanto può fregare?

Sono io a cui deve fregare un fatto del genere. Ossia nel dare o meno credito a certe informazioni.
Che l'accondiscendenza riguardi il contenuto oppure la forma, non cambia il punto della questione. E' un problema di responsabilità, che riguarda me - visto che lo sento - non te - che mostri invece di non volerti assumere la responsabilità rispetto a quello che riporti. Nonostante le tue apparenti buone intenzioni.

A dire il vero non ho nemmeno capito cosa vuoi

Lo ripeto per la terza volta: "non attribuirmi cose che non ho detto o intenzioni che non ho avuto".

No, perché dovrei farlo?

Per la ragione più semplice che non sono stato io ad aver invocato la parola Karma. Credi forse che sia intellettualmente lecito "ballare una mazzurca"? Così facendo dimostri di aver mosso dal tuo isolotto pseudoscientifico prima un passo in avanti e poi uno indietro nei confronti delle tradizioni antiche.
Ma la ragione più profonda del " perché dovrei farlo" sta nel fatto, se non te ne fossi reso sonto, che lo scopo di una discussione (come di qualsiasi altra cosa) è di finire, ma non per dimenticanza, o noia, ma per dissoluzione.
Se non hai capito, il concetto di "metanormale", che da' il titolo al thread, va a farsi benedire, ossia viene filosoficamente superato dal vero procedere dialettico, rappresentato in questa circostanza dal metodo comparativo. Ovvero si scopre che il concetto particolare di metanormale cozza con il concetto generale della trasmigrazione. La trasmigrazione è una prassi normale, una credenza comune (fino a prova contraria) in molte tradizioni, persino i quelle che la negano.

Se ne sei capace, apri tu un thread e ci racconti la tua d’impressione e ci metti tutte le tue cosine.

"Mie" cosa?! se non siamo autori di una beneamata mazza? Ti faccio presente che neanche tu sei l'autore dei contenuti di questo thread.

χιλικάδο

Di più
28/02/2019 07:59 #27115 da Dipende
Guarda, credo davvero che tu abbia seri problemi mentali, perché qui non stiamo più parlando di quale tesi/dottrina/concetto sia valida, qua parliamo del fatto che non capisci quel che leggi.

Quale parte di “mia interpretazione” non ti è chiara? Probabilmente a forza di leggere testi antichi, non riesci più a sincronizzare i neuroni e a capire il senso di quel che leggi che non sia stato scritto 1000 anni fa.

L’ho scritto più volte che questa non è un’analisi dei dati dei personaggi che vi ho proposto, infatti loro, in alcuni casi, sono arrivati a delle conclusioni diverse dalle mie, ho usato loro per introdurre alcuni metadati che riguardano vite precedenti, vite fra le vite e altre cose.

Cazzo, uno lo spiega per benino, lo ripete per più volte, poi arriva puntualmente il coglione di turno che non capisce il senso del discorso e vuole sapere chi ha detto questo, chi ha detto quello perché deve per forza confrontare le informazioni con i testi che qualche coglione come lui gli ha detto essere sacri, o importanti perché scritti da un grande maestro secoli fa.

Ciò sarebbe pure accettabile, ma bisognerebbe capire prima il senso del discorso in generale e poi esporre una propria tesi, che abbia un senso però. Io davvero non riesco a comprendere cosa non hai digerito. Il karma? Dici che non è così? E c’è bisogno di fare tutto sto casino? Tu puoi credere a tutto quel che vuoi, è proprio questo il senso del discorso dove tu non riesci ad arrivare. Avessi impostato il tutto come certezze a cui dovete credere per non finire all’inferno, lo potrei anche concepire, ma è dal principio che ripeto di farvi una vostra idea personale, ma tu continui a non capire e io con chi non ci sta con la testa non ci discuto, non mi va di riempire pagine e pagine, non posso dire altro che: “hai ragione tu”. Ma tu e “Invisibile” siete parenti?

Prima di affinare le tue doti spirituali, dovresti affinare quelle cerebrali!

Io comunque quello che volevo scrivere l’ho scritto, alcuni metadati ve li ho mostrati, l’immancabile cretino di turno è arrivato (che ha un suo senso), non manca più niente, posso anche chiuderla qui.

Ci sarebbero ancora alcuni aspetti sulla malattia e sulla paura, che avevo rimandato, ma è un discorso un po’ complesso e con varie anomalie, meglio lasciare perdere.

Concludo il thread con l’intervista all’alieno di Malanga che vi avevo proposto in apertura. L’alieno ha un problema e non sa come risolverlo. La cosa più interessante è la questione fra Malanga e l’alieno sul da farsi in merito ad un cambio di strategia da parte dell’alieno che aspira ad un fine utilizzando dei metodi sbagliati. A dire il vero non è che questo tipo di alieno abbia poi molta scelta, cioè I motivi per cui il piano dell’alieno è destinato a fallire stanno nella struttura dell’evoluzione stessa.

Io c’ho pensato, con tutte le informazioni a cui sono giunto, considerando tutte le testimonianze di anomalie in cui mi sono imbattuto, tenendo conto delle strategie ipotizzabili al limite del ragionamento terrestre, non sono riuscito a trovare una soluzione che possa risolvere il problema dell’alieno. Non credo ci sia.

Ora avete tutti (tranne qlicado) una finestra più ampia sui metadati per farvi un’idea personale della questione e casomai per trovare un colpo di genio che possa portare alla soluzione del problema dell’alieno.



“Il mondo è come un giro di giostra in un parco giochi, quando scegli di salirci pensi che sia reale, perché le nostre menti sono potenti. La giostra va su e giù e gira intorno, ti fa tremare e rabbrividire ed è coloratissima e rumorosa ed è divertente, per un po’. Alcuni sono su da tanto tempo e cominciano a chiedersi “E’ la realtà, o è solo un giro di giostra?” Altri si sono ricordati e vengono da noi per dirci “Ehi, non abbiate paura, mai perché questo è solo un giro di giostra.
…e noi uccidiamo quelle persone.
Bill Hicks
Ringraziano per il messaggio: Grappa, michele.penello

Di più
28/02/2019 12:21 #27126 da DjGiostra
Dipende:

Ci sarebbero ancora alcuni aspetti sulla malattia e sulla paura, che avevo rimandato, ma è un discorso un po’ complesso e con varie anomalie, meglio lasciare perdere.

Io invece sarei molto pinteressato all'argomento.
Spero tu voglia approfondirlo appena puoi.
Grazie mille per la tua condivisione.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza ! (Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun su A320..
Ringraziano per il messaggio: Grappa, Al2012

Di più
01/03/2019 00:43 #27141 da Grappa

Dipende ha detto:

Le entità contattate tendono fondamentalmente a ripetere di rimanere uniti e coesi che è in definitiva l’unica arma che abbiamo per mitigare qualsiasi difficoltà possa venire. Il sogno di ogni entità positiva è quello che gli umani smettessero di farsi la guerra, di nascondersi le cose, di manipolarsi a vicenda e cominciassero a lavorare tutti assieme. Questa manovra utopica permetterebbe la totale sconfitta del potere ombra terrestre fatto di Casati, Famiglie e apparati segreti e ET negativi che in una situazione del genere non avrebbero più senso di esistere (e fanculo il dividi et impera) Permetterebbe un buon passaggio verso la nuova destinazione, ma soprattutto permetterebbe a molti di loro di abbandonare questa densità perché anche se non lo dicono mai apertamente, appare chiaro che molti di loro nonostante ci amino come amano loro stessi, si sono un po’ rotti i coglioni di noi e delle nostre cazzate.


Dipende :poke: colgo in quel "rimanere uniti e coesi", per quel che vale attuarlo anche qui, l'invito che ti ha già rivolto DjGiostra e mi unisco al ringraziamento :clap:
Hai un bel garbo nell'esporre e una conoscenza che ti invidio in questi argomenti così complessi.

... mi permetto un consiglio di quarta densità :wink: e, fattelo rimbalzare se ne scorgessi i contorni di un appunto. Attiva la modalità "monaco tibetano" quando cogli gli evidenti estremi, nel seppur lecito contraddittorio, in cui scivola la controparte... in fondo lo hai detto tu: "si sono un po’ rotti i coglioni di noi e delle nostre cazzate"

Hic ;-)

... l''unica abitudine che voglio avere è respirare. Hic :wink:
Ringraziano per il messaggio: Al2012, Dipende

Di più
01/03/2019 07:22 #27144 da Dipende

Dipende colgo in quel "rimanere uniti e coesi", per quel che vale attuarlo anche qui... in fondo lo hai detto tu: "si sono un po’ rotti i coglioni di noi e delle nostre cazzate"


Hai proprio ragione. Ah mannaggia a me e le mie chiacchiere :hammer:

Io posso continuare a patto che chiunque legga mi prometta (dentro di sé) di aver compreso che la mia non è un’analisi tecnica specifica su di un soggetto, o su di un concetto in particolare, è unicamente il risultato, o meglio la sintesi del risultato a cui le mie indagini mi hanno portato. So per certo che alcuni di voi, hanno fatto le loro ricerche e sono arrivati a risultati molto simili ai miei, me ne compiaccio perché io sono per loro una conferma, come loro lo sono per me. Grazie.

Comprendo che alcuni metadati così esposti possono sembrare poco complessi/contorti e di conseguenza irrispettosi verso gli scritti che qualcuno tanto ama, mi spiace, ma non so che farci, io così amo esprimermi.

Tutti i metadati che vi sto proponendo…è tutta roba fresca, nel senso che ho preso come riferimento solo fonti degli ultimi 40/50 anni, ma non è importante, spero che abbiate compreso che i metadati sono più antichi del mondo che adesso abitiamo e soprattutto che sono sempre gli stessi! Uno scritto di 3000 anni fa può contenere gli stessi metadati di una canalizzazione fatta ieri, solo che 3000 anni fa esistevano determinate problematiche, opportunità, determinati credi, determinate convinzioni e divieti… flash mentali e determinati modi di esprimersi, oggi i metodi sono cambiati, ma i metadati sono gli stessi.

Posso continuare a patto che ognuno di voi non si fidi di me, nel senso che se avvertite qualcosa che non vi torna nella mia esposizione, non dovete farcela entrare per forza, cioè non accettate alcun concetto se prima non lo ritenete più che valido (sentito intimamente, o conosciuto per studio personale) anche se vi sono simpatico e vi piace come scrivo.
Ma soprattutto l’ho scritto più e più volte, ma sembra non basti mai. Ogni entità è ORIGINALE non ve ne sono due uguali, alcune si somigliano, ma ogni entità è una copia originale dell’Originale ed è perennemente “work in progress”. Per cui dovete promettere che siete a conoscenza del fatto che io sto generalizzando…e molto. Conoscere questi metadati perché me li ha detti Dipende, non ti fa evolvere. L’evoluzione è un percorso parecchio personale, che abbraccia un mucchio di fattori, un percorso molto intimo e basato su percezioni e scelte che devono partire dal “cuore”.

Voglio riportarvi un passo di HH ovvero di questo sedicente membro di una famiglia luciferina che si toglie la maschera per qualche giorno. A qualcuno possono sembrare frasi banali, però dette da uno di loro fanno un certo effetto:

Sii buono con te stesso. Coltiva un vero e proprio amore per la vita e per l'essere. Sii veramente grato ogni giorno verso il Creatore Infinito, perché ti ha dato la opportunità di essere, e per la sua generosità. Sei 'sopravvissuto' fino a questo punto, non è vero? Non si può avere tutto ciò che si desidera, ma si possiede tutto il necessario al fine di completare la missione per cui ci si è incarnati qui. Rendi grazie per questo. Mostra riconoscenza e gratitudine verso l'Infinito Creatore per tutto ciò che ha fatto e sta facendo per te. Egli ti ha fatto dono della esperienza di vita e ti ha offerto il libero arbitrio per decidere cosa creare attraverso esso. Presta molta attenzione ai tuoi pensieri, in quanto sono più potenti di quanto tu possa immaginare. Quando si proviene da un luogo di amore e servizio al tuo Creatore, una vita al servizio degli altri diventerà una naturale conseguenza. Poniti sempre in cerca del modo con cui puoi renderti di aiuto per i tuoi simili. Tira su le persone, e non buttarle giù. Sii un faro di luce in un mondo oscuro.


Già, sii buono con te stesso. Non darti colpe che non hai e quelle che senti davvero di avere sono lezioni che possono farti imparare, approfittane se puoi.

Per far ciò non c’è assolutamente bisogno di sfasciare l’Ego, o mettersi a pecora, anzi. Ricordate che nella terza densità si apprende proprio l’autoconsapevolezza di sé come sistema autonomo/indipendente. Le entità disincarnate, quelle che noi comunemente chiamiamo “Spiriti” non sono tutte uguali nemmeno quando vivono nel mondo spirituale, hanno tutte una propria personalità. In una ipnosi non ricordo di chi, forse proprio di Michael, una paziente dice che nell’aldilà la chiamano “schizzo” o una cosa del genere, perché non sta mai ferma e addirittura la sua aurea è come se fosse “frizzante”.

E’ saggio comprendere che di base non è la sofferenza in quanto tale ad elevare lo spirito, cioè non è che più soffri, più fai “punti”, ma per ritornare alla metafora della partita di poker, dovete comprendere che vivete in un mondo corrotto, fondamentalmente disonesto dove si soffre spesso e volentieri, ma non per migliorarsi, ma perché in balia dell’avversario.

Esistono tre tipi di sofferenza: Quella che fa crescere l'anima, che in genere prevede una prova da superare; quella che ristabilisce un equilibrio perso per colpa di errori commessi nelle vite precedenti, e quella inutile, fine a se stessa. Molte persone che vivono sulla Terra, sperimentano il terzo tipo di sofferenza. Ora, non solo si presume, ma si sa per certo che se tu vuoi essere di servizio devi interessarti non solo con coscienza ai tuoi guai in prima persona, ma anche alle disavventure del tuo prossimo, queste possono causare in te preoccupazione e dolore e, se riguarda una persona che amate, vera e propria sofferenza, nel caso sentiste l’urgenza di aiutarla e di mettervi in gioco al suo fianco. Però non dimenticate mai di fare il possibile per amare voi stessi, nel senso proprio di prendervi cura di voi stessi. Se uno vuole essere di servizio deve obbligatoriamente essere in forma, o difficilmente potrà essere d’aiuto.

In un tavolo dove si bara parecchio, la sofferenza derivante dalle tante batoste prese, serve per affinare la tecnica per le prossime puntate, a patto che tu continui a puntare.

In alcuni casi la sofferenza è autoimposta da una decisione preincarnativa, a volte è l’unico modo per mettere un freno se si è portati verso false mete, o percorsi non adatti a noi. La sofferenza si contrappone all’indifferenza, può rendere partecipi.

L’umiltà non serve ad uniformarci, ma ad arrivare a chi è meno disposto all’approccio…è una buona configurazione se vuoi essere di servizio. Il dubbio non ti rende umile/modesto, ma ti serve come sprone per proseguire/migliorare la tua ricerca e a non rimanere impantanato nelle tue certezze/traguardi, visto che tutto è in continua evoluzione.

Potremmo dire anche che, se compresi, la sofferenza, l’umiltà e il dubbio sono degli “anti rallentamento”.

Avrete certamente intuito che, ritornando alla metafora che ho usato in precedenza del gioco dell’oca, le entità di terza del livello terrestre, per arrivare al traguardo (UNO) dovranno giocare ancora parecchio, però ognuno lo farà con i modi e i tempi che lui desidera, che ritiene opportuni per se stesso. Non è una corsa a chi arriva primo e nemmeno a chi ci arriva meglio, è solo una normale conseguenza della voglia di migliorarsi che prima, o poi prende tutti.

Dopo aver affrontato i temi malattia e paura che avevo promesso a DJ avevo in mente di concludere con alcuni casi di contattismo (sempre recenti) cioè quei casi in cui l’essere di densità superiore, o comunque ET, non si limita a mandarti messaggi nella testa, o a parlare attraverso te, ma ti viene a trovare.
Ringraziano per il messaggio: Grappa, Al2012, Marzo, DjGiostra, Cum grano salis

Di più
01/03/2019 16:06 #27160 da DjGiostra
Dipende:

Io posso continuare a patto che chiunque legga mi prometta (dentro di sé) di aver compreso che la mia non è un’analisi tecnica specifica su di un soggetto, o su di un concetto in particolare, è unicamente il risultato, o meglio la sintesi del risultato a cui le mie indagini mi hanno portato.

Per quel che mi riguarda la cosa era abbastanza ovvia..

So per certo che alcuni di voi, hanno fatto le loro ricerche e sono arrivati a risultati molto simili ai miei, me ne compiaccio perché io sono per loro una conferma, come loro lo sono per me. Grazie.

+ o - ...
I tuoi metadati mi hanno fatto unire un bel po' di puntini che con i miei non si univano.

Dopo aver affrontato i temi malattia e paura che avevo promesso a DJ

Quello che non ho capito bene e' se poi le paure e le malattie possono essere se non sconfitte ma almeno attenuate.

avevo in mente di concludere con alcuni casi di contattismo (sempre recenti) cioè quei casi in cui l’essere di densità superiore, o comunque ET, non si limita a mandarti messaggi nella testa, o a parlare attraverso te, ma ti viene a trovare.

E qui mi si e' accesa un'altra lampadina.
E' da un bel po' che ho notato che a volte mi ritrovo a fare pensieri che non riesco a capire da dove arrivano e che cavolo ci stavo pensando a fare... :question: :question: :question:

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza ! (Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun su A320..
Ringraziano per il messaggio: Dipende

Di più
01/03/2019 17:31 #27165 da Aigor
@Dj

E' da un bel po' che ho notato che a volte mi ritrovo a fare pensieri che non riesco a capire da dove arrivano e che cavolo ci stavo pensando a fare


Ecco, anche questo è davvero interessante (come tutto il thread del resto).
Sono condivisibili?
Non per farmi gli affaracci tuoi, ma solo per capire meglio la cosa ;-)

Se non sono condivisibili, non c'è problema :pint:

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
01/03/2019 19:23 #27177 da DjGiostra
Aigor:
Li condividerei piu' che volentieri ma spesso e volentieri 5 min dopo non me lo ricordo piu'
E sono talmente che tanti che raggrupparli sarebbe molto difficile.
Ci penso e vedo se me ne ricordo qualcuno e poi le posto.
A piu' tardi..

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza ! (Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun su A320..

Di più
01/03/2019 20:56 #27180 da DjGiostra
Nel frattempo pero' voglio raccontare quella che non so' se definire impressione o dato di fatto o cos'altro.
Ho come l'impressione che ci sia una forza che rema contro a cio' che voglio fare.
Il classico caso del "Me ne andasse dritta una !!"
Mi spiego con un esempio:
Da un anno circa che mi sono dato alle incisioni su legno con un laser CNC.(Non sto' li a spiegare cosa e' che non serve.)
Fatto sta' che ho acquistato questo laserino cinese e ho cominciato a studiare su come fare queste incisioni.
Beh. tanto per cominciare ho trovato tutorial per fare cio' che voglio ma cascasse il mondo che sia riuscito a fare come nei tutorial..!!
Ma fin qui posso sempre dire di essere un imbranato io.
Ma poi sono cominciate le cose strane:
Software che funzionno a tutti tranne che a me.
Cavetti che si rompono solo a me.
Parametri che vanno come gli pare e piace.
e via discorrendo.
Come se ci fosse una forza che si divertisse a mettermi ogni tipo di bastone nelle ruote.(Du Coioni !!)
Da li ho cominciato a pensare al mio passato e mi sono accorto che non e' la prima volta ma che e' successo innumerevoli volte.
Chiedo a Dipende:
E' possibile che ci siano queste forze in grado di metterti i bastoni tra le ruote in questa maniera ?

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza ! (Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun su A320..

Tempo creazione pagina: 0.321 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO