Fasce di Van Allen ???

Di più
04/09/2016 22:48 #6150 da Ubalbom
Fasce di Van Allen ??? è stato creato da Ubalbom
Buona sera,
avvio questa discussione in quanto c'è un punto fondamentale che viene eclissato sia dalla NASA che da qualsiasi scienziato e ricercatore.
Possibile che venga fatta tanta propaganda televisiva in film, documentari e progetti come quelli di colonizzare i pianeti del Sistema Solare senza tener conto del fattore che spiego:
Perché nessuna forma di vita Terrestre si è mai allontanata dalla Terra più dei famosi (e contestati) 380mila km che separano la Terra dalla Luna!???
Sembra assurdo ma nessuno si è mai posto questo problema, abbiamo inviato satelliti fino oltre Plutone ma non è stato mai pensato dalla Nasa di metterci dentro qualche microbo per vederne gli effetti??? Sappiamo cosa succede a un cellulare lontano dal ripetitore. Ora questo fatto si ricollega a tutte quelle scuse che sostiene la Nasa sul problema fasce di van allen ??? Non è per caso che la Nasa conosce la realtà delle cose che l'uomo in effetti non può avventurarsi oltre una certa distanza dal nostro Pianeta?

Un saluto :-)

Di più
05/09/2016 08:58 #6153 da redazione
Risposta da redazione al topic Fasce di Van Allen ???
Ciao Ubalbom. Sinceramente, non capisco la tua domanda. La risposta (ufficiale) è che "per ora non possiamo stare nello spazio più di una settimana al massimo, perchè non sappiamo ancora difenderci dalle radiazioni nel lungo periodo". In ogni caso, che cosa c'entrano le fasce di Van Allen? Quelle riguardano solo la traiettoria di uscita dalla terra, non la permanenza nello spazio.

Spiegati meglio please.

Di più
05/09/2016 09:04 #6154 da Ghilgamesh
Risposta da Ghilgamesh al topic Fasce di Van Allen ???
Non che abbia capito tanto della tua domanda, ma la risposta mi sembra comunque semplice ... (e va considerata la debita premessa che non sono sicuro l'uomo sia arrivato sulla Luna!) oltre la Luna, per arrivare da qualche parte, la strada è lunga!

E senza arrivar da qualche parte, nello spazio, è dura fare inversione di marcia ^__^

Però sono allo studio missioni verso Marte ... non una, tante!

p.s. E' l'ultima parte che non capisco, secondo me l'uomo è già arrivato da un altro pianeta, quindi ritengo sia possibile (addirittura ovvio) che si possa uscire... mentre tu dai per scontanto il contrario.
E non capisco in base a cosa ...

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...

Di più
05/09/2016 23:52 #6185 da Ubalbom
Risposta da Ubalbom al topic Fasce di Van Allen ???
Il problema che sollevo è che tutto il nostro corpo è composto di cellule che eseguono dei "comportamenti" atti al corretto funzionamento del nostro corpo pertanto si sottintende che ricevano dal Pianeta le informazioni necessarie ad eseguirle. Oltre a questo ci sarebbe il problema anche dei nostri sistemi e processi mentali che certamente andrebbero off visto che la nostra coscienza è a sovranità limitata.......Giustamente uno scienziato in questo momento potrebbe dire...ma no! Ma cosa dici!??? Però mi domando come sia possibile che nessuno si sia domandato o abbia provato a mandare anche qualche microbo a una ragionevole distanza dalla Terra e verificarne i comportamenti. Dato che si spendono Miliardi di Euro in progettazione di sbarchi su Marte ecc. Non sto a precisare dove ho preso queste informazioni però sembra che solo alcuni di noi sono idonei per raggiungere al massimo gli anelli di Saturno. Questo sarebbe il famoso Anello invalicabile dell'umanità. Quindi ritornando a tutti i trucchi che la Nasa inventa per non portare uomini nello spazio ...non sarà che in effetti sanno di questi problemi?

Di più
08/09/2016 09:05 #6333 da charliemike
Risposta da charliemike al topic Fasce di Van Allen ???
Io sono convinto che l'uomo sia una razza ibrida, creata geneticamente da una razza aliena incrociando il proprio DNA con quello di una razza ominide nella preistoria milioni di anni fa. Non riuscirei a spiegare altrimenti l'incredibile velocità di evoluzione dell'uomo rispetto a tutte le altre razze sul pianeta.
Questo significa che una razza aliena (non ritengo impossibile che esista) sappia come viaggiare nello Spazio, me che per motivi di sicurezza propria, non ci abbia tramandato questa conoscenza.
L'uomo tuttavia, evoluto artificialmente, è riuscito a fare degli incredibili passi avanti in questo campo ma molti problemi non sono ancora stati risolti.
E qui entra il lato economico. Finanzieresti tu un impresa che sai di per certo che fallirà prima ancora di cominciare?
Ecco il perché del mistero e delle falsificazioni. Se mandassero anche un solo batterio nello Spazio dovrebbero spiegare come mai non è sopravvissuto e vanificherebbe la possibilità di avere fondi per continuare le ricerche.
Che si guasti un macchinario è previsto, che muoiano delle persone fa paura, specialmente al portafoglio.
Alla NASA sono ben consci dei problemi che devono risolvere (e che nonostante quello che ci hanno fatto vedere, non hanno risolto 50 anni fa) ma devono fare finta che non ci sono altrimenti "la mamma leva loro il giocattolo".


Countdown to 1984
Ringraziano per il messaggio: Ghilgamesh

Di più
08/03/2017 23:38 - 08/03/2017 23:54 #8814 da kamiokande
Risposta da kamiokande al topic Fasce di Van Allen ???
Uso questo thread per postare alcuni risultati che sto ottenendo sull'analisi delle traiettorie delle missioni apollo attraverso le fasce di Van Allen.

Come prima cosa voglio condividere un dato riguardo alle radiazioni assorbite dagli astronauti delle missioni Apollo: a pagina 36 del "Report No. 098 - Guidance on Radiation Received in Space Activities (1989)" si trovano le tabelle 4.5 e 4.6



Si tratta, rispettivamente, del flusso di particelle più pesanti dell'elio (chiamate in gergo HZE) dovute ai cosiddetti raggi cosmici (GCR). L'ultima colonna nella tabella 4.5 c'è il flusso medio calcolato per tutte le missioni Apollo (Geometric Mean Fluence Rate). Il valore cresce dall'Apollo 8 all'Apollo 17 per via dell'avvicinarsi ad un periodo di minimo solare (le missioni Apollo sono avvenute in un periodo di massimo solare), quest'ultima missione ha visto 1.41 particelle per cm² al giorno.

A pag. 11 del documento NASA TN D-4040, AN ANALYSIS OF ENERGETIC SPACE RADIATION AND DOSE RATES si legge che, durante un periodo di massimo solare, il flusso di protoni nello spazio oltre le fasce di Van Allen è di 2.5 protoni/ cm² secondo (valore che è in linea con le 4 protoni / cm² sec, durante un periodo di minimo solare). Dalla letteratura (per esempio lo stesso NCRP 98) è noto che i GCR sono composti per l'87% da protoni, per il 12% da nuclei di elio ed un 1% di HZE (per lo più nuclei di carbonio e ferro).

Quindi possiamo dire che nello spazio profondo ci sono in media 2.5/0.87 = 2.87 particelle/cm² sec, di cui 2.5 protoni, 0.34 nuclei di elio (12%) e 0.0287 HZE (1%). Siccome in un giorno ci sono 86400 secondi (60s*60m*24h) abbiamo circa 0.0287*86400 = 2479 HZE/cm² al giorno. Anche considerando un dimezzamento dovuto alla schermatura della luna ed un ulteriore dimezzamento dovuto all'attività solare, diventano 2479/4 = 619 HZE/cm² al giorno. Quindi pare strano che al massimo le missioni Apollo abbiano visto solo 1.41 HZE/cm² giorno (439 volte in meno della statistica media che si trova in letteratura). Per di più si vede nella Tabella 4.6 come anche la missione Skylab (stazione orbitante in orbita bassa , 440km di altitudine inclinata a 50°, al di sotto delle fasce) abbia misurato lo stesso tipo di flusso, ovvero da 1 a 3 HZE/cm² giorno.

Anche la dose radioattiva giornaliera assorbita dalle missioni Apollo invece risulta mediamente più bassa delle missioni Skylab



cosa che si potrebbe spiegare con l'incrocio dell'anomalia atlantica da parte di Skylab, visto che nello spazio profondo la dose radioattiva giornaliera media (durante un periodo di massimo solare) si aggira intorno ai 0.1-0.2mGy/giorno. La cosa però acquista una nuova luce incrociando questi dati con i flussi anormalmente bassi delle particelle HZE.

Ultima curiosità riguarda la film bag (terzultima colonna della tabella 4.5)



che avrebbe subito il flusso maggiore di HZE anche per via della sua maggiore superficie esposta.

"La stampa è morta" (Egon Spengler - Ghostbuster)
Ultima Modifica 08/03/2017 23:54 da kamiokande.

Di più
09/03/2017 11:25 - 09/03/2017 11:27 #8820 da redazione
Risposta da redazione al topic Fasce di Van Allen ???
KAMIOKANDE: Se ho capito bene, è impossibile (improbabile) che la dose media giornaliera di Skylab fosse superiore a quella delle missioni Apollo? Nonostante l'attraversamento della Anomalia Atlantica?
Ultima Modifica 09/03/2017 11:27 da redazione.

Di più
09/03/2017 20:17 - 09/03/2017 20:35 #8828 da kamiokande
Risposta da kamiokande al topic Fasce di Van Allen ???
@ Redazione

Tenendo da parte la dose assorbita che è suscettibile di mille variabili (sto comunque ottenendo risultati interessanti nell'analisi delle traiettorie Apollo, anche se mi mancano ancora le traiettorie di rientro per avere dati definitivi), quello che mi premeva sottolineare è che se nello spazio aperto, o sul suolo lunare, il numero di particelle HZE dovrebbe essere maggiore di 600 per cm² per giorno (ovvero l'1% del totale delle particelle che si trovano nello spazio profondo), non si capisce come mai per le missioni Apollo tale numero sia così basso (1.4 particelle per cm² per giorno), e per di più così sospettosamente simile ai valori misurati dallo Skylab (flussi simili sono stati misurati anche sulla MIR, la ISS e le varie missioni in LRO).

Anche se è evidente che queste HZE diventino pericolose per orbite polari e fuori dalla magnetosfera, per esempio nel documento APPROACHES TO RADIATION GUIDELINES FOR SPACE TRAVEL a pag 9 (10 del PDF) si legge:

The second representative mission (Table 4) is the space station in polar orbit. Although at the same altitude as the Space Station the 28-1/2° orbit there will be a different radiation environment. Because of the form of the Van Allen Belts there is much less geomagnetic shielding at the pole. Thus in a polar orbit the radiation environment is qualitatively similar but quantitatively different from free space radiation.

e nella pagina successiva:

The contribution of galactic cosmic rays to the dose increases as the free space radiation environment is approached. Heavy ions (HZE, ndA) are a small component of the total galactic radiation but their effect is much greater than the lower LET radiations (protoni nell'anomalia atlantica, ndA) that make up almost all of the dose. In conclusion it appears that the space station at 28-1/2° orbit presents no unknown risks and that any one worker could carry out a reasonable number of missions within career limits that were based on acceptable risks. In the case of polar orbits a worker's radiation history and therefore his career will be influenced much more by whether or not she or he is exposed to SPEs.

Ovvero per aver qualcosa di simile ma ovviamente più basso dello spazio profondo l'orbita deve essere polare, mentre per le orbite a bassa inclinazione questo problema non si pone. Sto comunque cercando di trovare un numero che quantifichi il flusso di queste HZE per orbite basse con inclinazioni di circa 30° in modo che sia più che evidente che un flusso di 1.4 particelle / cm² al giorno sia esageratamente basso per una missione nello spazio profondo.

"La stampa è morta" (Egon Spengler - Ghostbuster)
Ultima Modifica 09/03/2017 20:35 da kamiokande.

Di più
11/03/2017 18:57 - 12/03/2017 20:40 #8861 da kamiokande
Risposta da kamiokande al topic Fasce di Van Allen ???
Ho raccolto una discreta mole di informazioni che dimostrano come il numero di nuclei pesanti nello spazio profondo è dell'ordine del migliaio per centimetro quadrato al giorno, ma le missioni Apollo hanno mostrato al massimo meno di due particelle centimetro quadrato al giorno è quindi impensabile che le missioni Apollo si siano svolte al di fuori del campo magnetico terrestre.

Cerco di sintetizzare questo fatto.

La NASA qui ci dice che:

The background radiation of the GCR permeates inter planetary space and includes 85% of protons, 14% of helium and about 1% from high-energy (E) and high-charge (Z) ions called HZE particles. Though the HZE particles are less abundant, they posses significantly higher ionizing power with a greater potential for radiation induced damage and greater penetration power.

Questo dato è confermato in tutti i testi che trattano l'argomento, come l' "Handbook of Geophysics and Space Environment" del 1985, che nel capitolo 6, paragrafo 6.2.1.1, pagina 6-3 specifica:

Nuclei heavier than helium comprise only about 1% of the total primary cosmic radiation and have a total integral intensity of about 25 particles m-2 s-1 sr-1.

25 particelle al metro quadrato secondo steradiante sono 113 particelle per centimetro quadrato all'ora. A bordo delle missioni Apollo 16 e 17 sono stati imbarcati rispettivamente gli esperimenti biostack I e II, riguardo i quali Horst Bücker, Gerda Horneck, ed altri scrivono nel NASA SP-315 - Apollo 16 Preliminary Science Report (Capitolo 27, pagina 27-1, pagina 457 del pdf)

The biostack experiment was designed to study the biologic effects of individual heavy nuclei of galactic cosmic radiation during space flight outside the magnetosphere of the Earth.

A pagina 27-5 (pag 461 del pdf) sono riportati i seguenti dati:

As in nuclear emulsions, approximately 100 heavy particle tracks/cm² were observed, and the total fluence was composed of (1) 33 particles/cm² of REL >= 0.8*10³ MeV cm²/g and (2) 67 particles/cm² of REL < 0.8 0.8*10³ MeV cm²/g

La missione è durata circa 11 giorni quindi abbiamo 100 particelle su cm² in 11 giorni = 9 particelle per cm² al giorno e quindi 0.38 particelle per cm² all'ora. Considerando solo le 33 particelle con maggior energia (tipicamente numero atomico Z>= 4), il biostack I ha visto un rateo di particelle di circa 0.13 particelle per cm² per ora. Sempre Horst Bücker e Gerda Horneck riportano i dati relativi ad entrambi gli esperimenti Biostack I e II nel paper di acta astronautica "The biological effectiveness of HZE-particles of cosmic radiation studied in the Apollo 16 and 17 Biostack experiments"

In both missions, the Biostack experiment system was accomodated in the R- 1 compartment inside the Apollo command module. The R-1 compartment is close to the outer wall of the cabin (Fig. 2), where a minimum possible shielding against cosmic radiation was assured. A mean flux of approximately 0.1 particle/cm² h of Z >= 4 has been found there. This value was very similar in the Biostack I and II experiments (Table 2).

confermando quindi che durante le missioni Apollo 16 e 17, nel punto di minor schermatura , sono state registrate circa 0.1 particelle per centimetro quadrato all'ora, mentre nello spazio profondo il numero medio di particelle pesanti è di circa 113 per centimetro quadrato all'ora , ovvero circa 1000 volte in più della quantità di particelle misurate nelle missioni Apollo.

Per completezza l'esperimento Biostack III svoltosi nell'ambito dell' Apollo-Soyuz Test Project (ASTP) su di un'orbita intorno ai 220km di altitudine e con una inclinazione di circa 52° ha visto (fonte "HIGH-LET PARTICLE DOSIMETRY IN THE ASTP-BIOSTACK III: ZEA MAYS EXPERIMENT")

The fluence of all cosmic-ray particles with LET > 100 keV/um equaled 9 particles/cm² corresponding to a flux of value of ~1 particle/cm² day.

circa una particella per centimetro quadrato al giorno, ovvero 0.04 particelle/cm² all'ora e quindi solo la metà degli 0.1 registrati dai Biostack I e II che si sarebbero svolti invece nello spazio profondo, e che ne avrebbero dovuto mostrare invece circa 113 per cm² all'ora.

"La stampa è morta" (Egon Spengler - Ghostbuster)
Ultima Modifica 12/03/2017 20:40 da kamiokande. Motivo: Ho aggiunto il documento originale NASA che riporta i dati degli esperimenti Biostack I e II

Di più
12/03/2017 22:01 - 12/03/2017 22:23 #8877 da kamiokande
Risposta da kamiokande al topic Fasce di Van Allen ???
Oltre ad aver aggiunto nel post precedente i dati originali NASA riguardo le particelle HZE ricavato dall'esperimento biostack, riporto anche i dati che continua ad utilizzare la NASA nonostante le "evidenze" misurate nelle missioni Apollo (0.1 particelle cm² / h)

GALACTIC COSMIC RAY RADIATION LEVELS IN SPACECRAFT ON INTERPLANETARY MISSIONS
J. L. Shinn,* J. E. Nealy,* L. W. Townsend,* J. W. Wilson* and J. S. Wood**
* National Aeronautics and Space Administration, Langley Research Center Hampton, VA 23681, U.S.A.
** Flight Mechanics and Control, Inc., Hampton, VA 23669, U.S.A.

Adv. Space Res. Vol. 14, No. 10, pp. (10)863-(10)871, 1994


ABSTRACT
Using the Langley Research Center galactic cosmic ray (GCR) transport computer code (HZETRN) and the computerized anatomical man (CAM) model, crew radiation levels inside manned spacecraft on interplanetary missions are estimated. These radiation-level estimates include particle fluxes, LET (linear energy transfer) spectra, absorbed dose, and dose equivalent within various organs of interest in GCR protection studies. Changes in these radiation levels resulting from the use of various different types of shield materials are presented.


Il numero di particelle per cm² per anno nello spazio aperto usato in questo studio è:



Che convertito in particelle per cm² per ora diventa



Circa 150 particelle HZE cm² / h, allineato al dato dell' " Handbook of Geophysics and Space Environment ", ed un totale di 16666 particelle cm² /h ovvero 4.63 particelle cm² / sec . È vero che i dati sono riferiti ad un minimo solare, ma la modulazione del Sole sulle HZE è bassa (agisce molto sui protoni tra 100 e 500MeV e meno sulle particelle altamente energetiche), ma anche se dividiamo per 4 (rapporto tra minimo e massimo solare) il numero previsto avremmo sempre e comunque un numero di particelle circa 250 volte maggiore di quello misurato durante le missioni Apollo 16 e 17, che comunque si tennero rispettivamente ad aprile e d a dicembre del 1972, circa a metà del ciclo solare:


"La stampa è morta" (Egon Spengler - Ghostbuster)
Ultima Modifica 12/03/2017 22:23 da kamiokande.

Di più
02/05/2017 11:36 #9294 da Alfione
Risposta da Alfione al topic Fasce di Van Allen ???
Buongiorno,
è tanto che non intervengo nelle discussioni di LuogoComune ma stamattina non ho proprio resistito !!!
Non so se è il topic giusto ma in qualche modo potrebbe aver a che fare con problemi analoghi alle fasce di Van Allen e comunque con radiazioni nello spazio.

Stamattina 2 maggio in primissimo piano sulla destra della pagina principale del sito de La Repubblica :
www.repubblica.it/scienze/2017/04/28/new...-BS-I0-C4-P2-S1.4-T1

Robe da buttarsi per terra dalle risate !!!
Stanno facendo flop sulle tute spaziali del futuro mentre non hanno avuto problemi con quelle di 50 anni fa, con materiali che si suppone molto meno sofisticati di quelli che si possono produrre oggi ?
Ma robe da matti !!!

Di più
02/05/2017 15:22 #9295 da marocg
Risposta da marocg al topic Fasce di Van Allen ???
Caratteristiche tuta spaziale, Apollo/Skylab A7L, la tuta creata per il programma Apollo, utilizzata anche per le tre missioni Skylab e la missione Apollo-Sojuz.
it.wikipedia.org/wiki/Tuta_spaziale
Una tuta spaziale dispone della tecnologia più sofisticata ed avanzata per proteggere da diversi fattori ostili come le radiazioni cosmiche, in particolare quelle infrarosse e ultraviolette non filtrate per mancanza di atmosfera, oltre agli sbalzi di temperatura che oscilla tra i -100 °C all'ombra e i +120 °C al sole.
La tuta deve poi proteggere dal vuoto all'esterno, che corrisponde a pressione nulla; per ovviare a questo inconveniente la tuta deve poter essere pressurizzata internamente. Le tute attuali non sono progettate per garantire una pressione uguale a quella dell'abitacolo dello Space Shuttle o della stazione spaziale, ma pari a 1/3 atm; si renderebbe necessario altrimenti uno scafandro eccessivamente rigido con conseguente impedimento nei movimenti. Prima di ogni "passeggiata" l'astronauta deve effettuare un periodo di adattamento nel cosiddetto airlock, un compartimento a tenuta stagna per equilibrare la pressione prima e dopo ogni attività extraveicolare, evitando così un'eventuale patologia da decompressione; nel frattempo deve respirare ossigeno per eliminare l'azoto presente nel corpo.
All'interno della tuta, a causa della bassa pressione, l'astronauta respira ossigeno puro, evitando così l'ipossia che si verificherebbe utilizzando aria. Infatti a pressione atmosferica, pari a circa 1 bar, per la legge delle pressioni parziali la pressione parziale dell'ossigeno è di circa 0,21 bar, (20,96% di 1 bar), mentre respirando normale aria a 0,3 bar la pressione parziale dell'ossigeno corrisponde a circa 0,06 bar, equivalenti ad una concentrazione del 6,3% circa, letale per un essere umano.
Tra le specifiche tecniche, mi sembra interessante notare:
Quinto strato: funge da protezione contro calore, abrasioni e perforazioni dovute a micrometeoriti; la funzione termica, antistrappo ed antiradiazioni è svolta dal mylar rivestito di alluminio.
Sesto-decimo strato: una spessa barriera che garantisce un'elevata resistenza al calore.
Una cosa che mi ha sempre incuriosito delle "passeggiate lunari" sono i GUANTI.
I guanti, molto importanti per il lavoro dell'astronauta, sono meno spessi e relativamente comodi. Esternamente sono dotati di uno strato in gomma per una migliore presa sugli oggetti, oltre che di ganci per appendere eventuali utensili. Le estremità delle dita sono dotate di un dispositivo di riscaldamento azionabile tramite un interruttore posizionato sul polso. A causa dello spessore ridotto del tessuto e dell'attività manuale prolungata, i guanti sono spesso soggetti a logorio che può dar luogo anche a tagli o strappi, causando la depressurizzazione della tuta.
Incidenti "Extravehicular Mobility Unit":
it.wikipedia.org/wiki/Extravehicular_Mobility_Unit
Dall'inizio della fase di progettazione e test iniziale degli anni settanta fino ad aprile 2017 sono stati registrate più di 3400 anomalie nelle operazioni a terra ed in orbita. La stragrande maggioranza di queste sono state classificate come eventi di limitato impatto (come lo spellamento superficiale di guanti o filettature dell'aggancio stivale lente), ma, durante le 204 passeggiate spaziali, sono accaduti 27 "incidenti significativi" quali danneggiamento di guanti, anomalie nella gestione della temperatura interna e spillamento di acqua nel casco
upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/t...t_control_module.jpg
Soprattutto mi incuriosisce la mobilita' per regolare gli strumenti installati nella tuta, in un ambiente extra-terrestre.
Il mio commento si limita al fatto che le ricerche sui materiali impiegati, per missioni straordinarie, normalmente hanno ripercussioni commerciali.
Non mi sembra che dal 1969 l'umanita' abbia beneficiato di queste meraviglie utilizzate da Apollo 11 in poi.
Ah gia' dimenticavo, mica viviamo sulla luna.

Di più
06/06/2017 12:19 #9644 da donovan77
Risposta da donovan77 al topic Fasce di Van Allen ???
scusa massimo.. domanda idiota, ma se non siamo mai stati sulla luna come molti sostengono ..gli specchi riflettenti che sono sulla superficie lunare chi ce li ha messi?????? (e quelli sembrano esserci per davvero)

Di più
06/06/2017 13:48 - 06/06/2017 13:49 #9645 da redazione
Risposta da redazione al topic Fasce di Van Allen ???
DONOVAN:

scusa massimo.. domanda idiota, ma se non siamo mai stati sulla luna come molti sostengono ..gli specchi riflettenti che sono sulla superficie lunare chi ce li ha messi?????? (e quelli sembrano esserci per davvero)

Risposta n. 1 - Già dal 1963 era possibile far rimbalzare un raggio laser sulla luna, rilevandolo dalla terra, senza nessun retroriflettore piazzato sulla luna. Lo hanno fatto sia gli americani che i sovietici.

Risposta n. 2: Anche se un retroriflettore esistesse davvero sulla luna, possono avercelo portato delle sonde automatiche. I sovietici hanno fatto la stessa cosa, negli stessi anni, con le sonde lunokod 1 e lunokod 2.

In nessun caso quindi quella del retroriflettore può essere considerata una prova che l'uomo sia stato sulla luna.
Ultima Modifica 06/06/2017 13:49 da redazione.

Di più
08/06/2017 06:55 - 08/06/2017 08:28 #9659 da marocg
Risposta da marocg al topic Fasce di Van Allen ???
Scusa Massimo.. domanda idiota, Rif. mio post #9295 - 02/05/2017 09:22

marocg:

"Una cosa che mi ha sempre incuriosito delle "passeggiate lunari" sono i GUANTI.
Le estremità delle dita sono dotate di un dispositivo di riscaldamento azionabile tramite un interruttore posizionato sul polso.
A causa dello spessore ridotto del tessuto e dell'attività manuale prolungata, i guanti sono spesso soggetti a logorio che può dar luogo anche a tagli o strappi, causando la depressurizzazione della tuta."

Domanda:
Per gli sbalzi di temperatura che oscilla tra i -100 °C all'ombra e i +120 °C al sole, si sono mai verificate le condizioni estreme, o comunque critiche, da rendere necessario l'azionamento del dispositivo di riscaldamento ?
Immaginando la peggiore delle situazioni, anche per pochi istanti, una mano a -100 °C e l'altra a +120 °C (ma anche considerando differenze minori, comunque importanti rispetto a teorici 220 °C).
Il cervello dell'astronauta dovrebbe essere cosi' freddo da ordinare alla mano arrostita di azionare l'interruttore posizionato sul polso dell'altra mano (perche' tecnicamente non potrebbe farlo sullo stesso polso, provare per credere !), per riscaldare appunto l'altra mano che e' congelata !
Se poi gli venisse l'idea di girarsi con i piedi per cercare il sole, credo che oltre alle mani potrebbe arrostirsi anche il cervello protetto dal casco (nella ricerca di refrigerio, tipo dispositivo di RAFFREDDAMENTO ).
P.S.: Non prendermi troppo sul serio, non sono esperto di hardware.
Ultima Modifica 08/06/2017 08:28 da marocg.

  • SEBIN
  • Avatar di SEBIN
  • Offline
  • La cultura personale è la mia vita e il mio hobby
Di più
08/06/2017 11:20 #9661 da SEBIN
Risposta da SEBIN al topic Fasce di Van Allen ???
Hai perfettamente ragione con il descrivere la razza umana come ibrida e mescolata da un DNA di un'altra razza. In ogni caso non penso che l'evoluzione dei nostri antenati sia stata studiata poi così a fondo, per tanto ne vedremo delle belle. Comunque non finanzierò mai un'impresa prima ancora che quest'ultima cominci a fallire. A questo punto ho solo preso una decisione inutile.

SABINO LAMONACA

Di più
08/06/2017 22:41 #9673 da kamiokande
Risposta da kamiokande al topic Fasce di Van Allen ???

marocg ha scritto: Domanda:
Per gli sbalzi di temperatura che oscilla tra i -100 °C all'ombra e i +120 °C al sole, si sono mai verificate le condizioni estreme, o comunque critiche, da rendere necessario l'azionamento del dispositivo di riscaldamento ?
Immaginando la peggiore delle situazioni, anche per pochi istanti, una mano a -100 °C e l'altra a +120 °C (ma anche considerando differenze minori, comunque importanti rispetto a teorici 220 °C).

Mi permetto di risponderti io. Innanzitutto bisogna capire cosa significano -100°C e 120°C: queste temperature si riferiscono al suolo lunare; mentre lo spazio vuoto in cui si muovono gli astronauti ha una temperatura di circa -270°C (ovvero circa 3 gradi in più dello zero assoluto). L'altra cosa da capire è come gli astronauti scambiano calore con l'ambiente lunare:
  1. per contatto con il suolo
  2. per irraggiamento con il suolo ed il vuoto cosmico
  3. e per irraggiamento dal Sole
La regolite lunare è fortemente isolante, quindi che gli astronauti camminino su un suolo a 120° se al sole, o a -100°C se in ombra, è scarsamente influente sul bilancio termico dell'astronauta. Per inciso durante l'Apollo 11 il suolo al Sole raggiungeva al massimo 20°C. La massima temperatura raggiunta dal suolo è stata di 90°C nell'ultima passeggiata dell'Apollo 16. 127°C è la temperatura massima che il suolo può raggiungere.
La temperatura del suolo in ombra dipende invece anche da quanto tempo esso sia rimasto in ombra, quindi i -100°C potrebbero essere state possibili duranti le missioni Apollo (non credo nell'Apollo 11).

Quindi a fare la differenza è quanta energia viene assorbita dal Sole e quanta viene irradiata verso lo spazio vuoto (e verso il suolo, anche se meno). L'irraggiamento comunque è la meno efficacie delle forme possibili di scambio termico, ed è fortemente dipendente dalla superficie interessata, dal colore (proprietà di assorbimento ed emissione di energia radiante) e dalla temperatura (più un oggetto è "caldo" più irradia e viceversa).

Tutto questo per dire che non è automatico che facendo un passo all'ombra l'astronauta si trovi a -100°C, e passi immediatamente a +120°C appena si mette al Sole.

Venendo ora alla tua domanda, sì sarebbe successo ad Aldrin, come ci dice la NASA :

"At one point, Aldrin reported being cool and corrected the problem with an adjustment of the thermal control on his suit."

"La stampa è morta" (Egon Spengler - Ghostbuster)

Di più
09/06/2017 04:42 #9677 da marocg
Risposta da marocg al topic Fasce di Van Allen ???
kamiokande #9673 - 08/06/2017 16:41
kamiokande:

Tutto questo per dire che non è automatico che facendo un passo all'ombra l'astronauta si trovi a -100°C, e passi immediatamente a +120°C appena si mette al Sole.

---
il falso sbarco sulla luna
Dal lontano 1972 nessun uomo è più tornato sulla luna. Grazie al web tutte le perplessità riguardo al materiale fotografico scattato sul suolo lunare hanno posto seri dubbi sull’autenticità delle missioni Apollo e la scomparsa dei nastri originali non ha fatto che alimentare ulteriori sospetti.
giovedì 8 giugno 2017
UN'OFFESA ALL'INTELLIGENZA UMANA
ilgiornodellaverita.blogspot.com/2016/03...tura-sulla-luna.html
---
kamiokande:

L'altra cosa da capire è come gli astronauti scambiano calore con l'ambiente lunare:
1 per contatto con il suolo
2 per irraggiamento con il suolo ed il vuoto cosmico
3 e per irraggiamento dal Sole


Ovviamente parlo solo "per irraggiamento dal Sole":
- Che temperatura c'era sulla Luna?
Da 120°C nella luce solare del mezzogiorno, a -170°C nel cuore della notte lunare. Gli astronauti di Apollo 11 comunque, sperimentarono una temperatura compresa tra 5°C e -100°C.
- Quante passeggiate facevano gli astronauti sulla Luna?
Quelli di Apollo 11 ne fecero una, quelli di Apollo 12 e 14 ne fecero 2, con Apollo 15 salirono a 3.
- Quanti gradini dovevano percorrere gli astronauti del modulo lunare per scendere sulla superficie della Luna?
Dopo aver lasciata la piattaforma d'uscita ne dovevano scendere 9
- Quanto pesava lo zaino di sopravvivenza che gli astronauti portavano sulle spalle durante la passeggiata lunare?
Pesava 38 kg. Era alto 66 cm, largo 46 e profondo 25.
- Quanti chilogrammi di rocce riportarono a Terra gli astronauti della prima missione lunare, Apollo 11?
In tutto furono 21,5 kg.
- Fino a quale profondità vennero raccolti i campioni lunari?
Attraverso un perforatore di 2 cm di diametro gli astronauti arrivarono fino a 70 cm di profondità
- Cosa c'era scritto sulla targa lasciati dagli astronauti di Apollo 11 sulla Luna?
"Qui uomini del Pianeta Terra posero per la prima volta piede sulla Luna. Luglio 1969, A. D. Siamo venuti in pace per tutta l'umanità"
- Quanto duravano le passeggiate lunari?
Da circa 2 ore e mezza per quella di Apollo 11 a 7 ore e 36 minuti per una esplorazione di Apollo 17

P.S.: In questa sequenza di operazioni, i guanti degli astronauti dovrebbero essere stati sottoposti a stress termici.
In particolare salire e scendere i 9 gradini del Lem per ogni passeggiata, con quell'abbigliamento.
kamiokande:

At one point, Aldrin reported being cool and corrected the problem with an adjustment of the thermal control on his suit."

Evidentemente si sono resi conto che era un argomento "sensibile", come la chiamata telefonica dallo studio ovale.
P.P.S.: Aggiungo a questa sequenza di operazioni, la telefonata e le foto ricordo.
Ciao kamiokande, salutami Massimo.

Di più
09/06/2017 08:40 - 09/06/2017 08:42 #9680 da kamiokande
Risposta da kamiokande al topic Fasce di Van Allen ???
Mi dispiace contraddirti ma nulla di quello che hai detto può provare alcunché. Nello specifico:

P.S.: In questa sequenza di operazioni, i guanti degli astronauti dovrebbero essere stati sottoposti a stress termici.
In particolare salire e scendere i 9 gradini del Lem per ogni passeggiata, con quell'abbigliamento.

Mi sai dire per caso quale era la temperatura dei pioli della scaletta?

Come ho cercato di spiegare la temperatura al Sole dipende dal bilancio termico (quanta energia entra e quanta ne esce), se non sai quali sono i parametri in gioco non puoi dire nulla. Esempio: sai quanto poteva essere la temperatura massima di equilibrio dell'orologio Omega esposto direttamente al Sole? Secondo i miei calcoli -30°C (non -100° e nemmeno +120°). È meglio evitare simili prese di posizione e fare simili affermazioni se non si hanno idee chiare sull'argomento.

"La stampa è morta" (Egon Spengler - Ghostbuster)
Ultima Modifica 09/06/2017 08:42 da kamiokande.

Di più
09/06/2017 11:53 #9683 da marocg
Risposta da marocg al topic Fasce di Van Allen ???
kamiokande #9680 - 09/06/2017 02:42
Guarda che io non voglio provare alcunché, solo confrontare idee.
kamiokande:

Mi sai dire per caso quale era la temperatura dei pioli della scaletta?

Io no e tu ?
kamiokande:

Come ho cercato di spiegare la temperatura al Sole dipende dal bilancio termico (quanta energia entra e quanta ne esce), se non sai quali sono i parametri in gioco non puoi dire nulla. Esempio: sai quanto poteva essere la temperatura massima di equilibrio dell'orologio Omega esposto direttamente al Sole? Secondo i miei calcoli -30°C (non -100° e nemmeno +120°).

Bene, grazie, prendo per buoni i tuoi calcoli.
Facciamo il conto della serva (se ti va):
La temperatura corporea e' +36,5° e la temperatura massima di equilibrio dell'orologio Omega esposto direttamente al Sole (Secondo i tuoi calcoli) -30°C.
La differenza teorica e' -66,5°, per afferrarsi ai pioli della scaletta.
Considera che deve sostenersi con forza, dato il peso dello zaino e l'incomodita' dello scafandro, perche' una eventuale caduta puo' compromettere l'intera missione.
kamiokande:

È meglio evitare simili prese di posizione e fare simili affermazioni se non si hanno idee chiare sull'argomento.

Non ho capito, non posso dire, su L.C., che -66,5° e' uno stress termico ?
A mio avviso, le idee per essere chiare, devono essere confrontate, quindi devono essere necessariamente esposte.
Evitale tu le prese di posizione.
E non e' neppure assicurato che le tue idee possano chiarire le mie.
Comunque grazie.
---
A causa dello spessore ridotto del tessuto e dell'attività manuale prolungata, i guanti sono spesso soggetti a logorio che può dar luogo anche a tagli o strappi, causando la depressurizzazione della tuta.
Incidenti "Extravehicular Mobility Unit":
it.wikipedia.org/wiki/Extravehicular_Mobility_Unit
Dall'inizio della fase di progettazione e test iniziale degli anni settanta fino ad aprile 2017 sono stati registrate più di 3400 anomalie nelle operazioni a terra ed in orbita. La stragrande maggioranza di queste sono state classificate come eventi di limitato impatto (come lo spellamento superficiale di guanti o filettature dell'aggancio stivale lente), ma, durante le 204 passeggiate spaziali, sono accaduti 27 "incidenti significativi" quali danneggiamento di guanti, anomalie nella gestione della temperatura interna e spillamento di acqua nel casco

kamiokande:

At one point, Aldrin reported being cool and corrected the problem with an adjustment of the thermal control on his suit."

Avrebbero potuto non pubblicarlo e dichiarare che erano stati previdenti, invece hanno riconosciuto un problema.
Per me e' un motivo valido, oltre alla casistica di incidenti, per segnalare che potrebbe essere un punto debole della tuta spaziale utilizzata nel 1969.

Di più
06/10/2017 08:21 #10756 da Benis67
Risposta da Benis67 al topic Fasce di Van Allen ???
Piccola premessa, è la prima volta che scrivo e credo sia buona abitudine presentarsi: mi chiamo Benedetto, sono un ingegnere elettronico grande patito di fantascienza e musica e amo informarmi, conoscere, valutare...senza opinioni a priori. Da qui il mio interesse agli argomenti trattati in questo forum. Trovate tutto su di me (social, blog,...) sul mio sito Www.benis.it . Fine della presentazione :ok: :ok: :ok:
Riguardo le famose fasce di Van Allen, credo sia molto interessante leggere un ottimo articolo scritto su di un noto sito di astronomia: ecco il link PassioneAstronomia . In breve si approfondisce il discorso relativo alla tipologia di radiazione. Fondamentalmente esistono le radiazioni alfa, le radiazioni beta e i raggi gamma e questi ultimi, letali per l’uomo, non sono presenti nelle fasce di Van Allen. copio e incollo quanto scritto:
Le particelle alfa sono nuclei di elio (protoni e neutroni):

Le particelle beta sono elettroni:

I raggi gamma sono fotoni:

I “raggi X”, la “luce visibile”, le “onde radio”, etc., sono tutti fotoni, a diverse energie. I raggi gamma sono fotoni di altissima energia.

I raggi gamma rappresentano il principale pericolo dato che possono penetrare ben dentro la materia, e distruggono i legami chimici.

I raggi alfa hanno una scarsissima capacità di penetrazione, possono viaggiare solo per pochi centimetri nell’aria, e vengono bloccati anche da spessi schermi cartacei o fogli di alluminio spessi meno di un millimetro, se a contatto con gli esseri umani vengono assorbiti negli strati più esterni della pelle provocando al più arrossamenti o leggere scottature, diventano molto pericolosi solo se ingeriti od inalati, provocando gravissimi danni e la morte.

Le radiazioni beta sono più penetranti delle alfa, possono viaggiare nell’aria per una decina di metri ma vengono comunque bloccate da lastre di alluminio o altri materiali, se a contatto con gli esseri umani possono provocare danni seri sino al derma profondo e agli occhi, e, se ingerite o inalate anche loro provocano danni gravissimi e la morte.

Le radiazioni gamma sono tra le più pericolose in quanto provocano ustioni profonde, mutazioni genetiche, cancro, ed in grandi quantità possono provocare la morte in pochissimo tempo (anche per contatto esterno). La loro pericolosità è anche dovuta al fatto che possiedono un altissimo potere di penetrazione, per ridurle del 50% occorrono schermature tipo, 1 cm di piombo o 6 cm di cemento, ma se le radiazioni sono molto alte una riduzione del 50% non basta, per cui in zone di pericolo (tipo centrali nucleari) è normale trovare schermature spesse alcuni metri.“
Mi piacerebbe capire se ciò è vero, perché se lo fosse, tale fasce in realtà non sarebbero- sarebbero state un reale pericolo per gli astronauti.
Ultima perplessità ( scusate il semi off topic) riguarda i famosi specchi portati dalle missioni Apollo sulla luna su cui si riflette il laser sparato da terra per il calcolo della distanza terra luna. Per motivi di lavoro sono stato più volte all’agenzia spaziale Italiana a Matera dove periodicamente si spara tale laser e si riceve il riflesso da tale specchio. mi hanno confermato che sin dal 1969 si effettuano tali misurazioni( l’esperimento é spettacolare, un laserone verde viene sparato e si vede, ovviamente molto attenuato, un raggio di ritorno). Su questo documento Laser ci sono le date e gli osservatori che hanno effettuato I primi esperimenti con il laser ( il primo il 1 agosto 1969 con una accuratezza di 7 metri). Qualcheduno ha approfondito la questione? Lo specchio è lì e non si può negare. spero di aver contribuito a qualche stimolo di discussione in più :ok: Benedetto

Di più
06/10/2017 16:02 #10762 da charliemike
Risposta da charliemike al topic Fasce di Van Allen ???
Ciao Benedetto e benvenuto.
Ho letto l'articolo e mi sorge un dubbio. Dimmi tu se ho inteso male.
Se il campo magnetico terrestre devia solo le particelle e quindi non i raggi gamma che sono fotoni, questi dovrebbero arrivare intonsi sulla Terra.
Come mai non ne risentiamo? Nel qual caso cosa ci protegge?
E comunque, essendo i raggi gamma generati dal Sole, lo Spazio dovrebbe esserne pieno. L'unica zona che ne è priva sono solo le fasce di Van Allen, che, come recita l'articolo, non le influenza?

Se ho scritto cavolate fammelo sapere, ma è questo che ho capito.


Countdown to 1984

Di più
07/10/2017 01:25 #10767 da Fabrizio70
Risposta da Fabrizio70 al topic Fasce di Van Allen ???

Mi piacerebbe capire se ciò è vero, perché se lo fosse, tale fasce in realtà non sarebbero- sarebbero state un reale pericolo per gli astronauti.


Ciao Benedetto e benvenuto, le fasce di per se non sono pericolose , il tempo di attraversamento se non ricordo male è inferiore ad un'ora , il problema è al di fuori delle fasce con tutte quelle belle radiazioni che ha descritto e molte altre, per esempio:

it.wikipedia.org/wiki/Radiazioni_ionizzanti

Le particelle alfa costituiscono il 10-12% dei raggi cosmici, e hanno energie molto maggiori di quelle dei processi nucleari e quando vengono incontrate nello spazio sono in grado di attraversare il corpo umano e spessi schermi.

Qualcheduno ha approfondito la questione?


Nessuno nega la presenza dei riflettori sulla Luna , ma anche i Russi hanno piazzato dei riflettori...

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849

Di più
07/10/2017 01:29 #10768 da Fabrizio70
Risposta da Fabrizio70 al topic Fasce di Van Allen ???

Nel qual caso cosa ci protegge?


L'atmosfera, è uno schermo paragonabile a 10 metri d'acqua, molto efficace.

L'unica zona che ne è priva sono solo le fasce di Van Allen, che, come recita l'articolo, non le influenza?


Le fasce sono attraversate dai gamma, semplicemente a differenza delle particelle non li intrappola.

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849

Di più
07/10/2017 14:46 #10773 da Benis67
Risposta da Benis67 al topic Fasce di Van Allen ???

Nessuno nega la presenza dei riflettori sulla Luna , ma anche i Russi hanno piazzato dei riflettori...


Si, la questione è il livello di precisione ottenuto. Nel documento che ho lincato ( LINK_DOC si ricorda quello che è stato giustamente ricordato qui, cioè che anche senza specchi, si può sparare un laser sulla luna e misurare il raggio riflesso ricavando dal tempo impiegato, la distanza. Il problema è che il raggio riflesso è talmente tanto diffuso da non permettere misurazioni precise. Il primo esperimento con esito positivo è infatti del 1962 ed è stato eseguito da "Louis D. Smullin e il Dr. Giorgio Fiocco. Copio e incollo da QUI .
( "1962 - Project "Luna See," headed by Professor Louis D. Smullin (left) and Dr. Giorgio Fiocco (right), successfully demonstrated high-power optical maser technology by being the first to bounce a laser beam off the moon's surface. High-intensity red light flashes were created by an optical maser (laser), sent through a transmitting telescope to the moon's surface, and detected with an optical receiver. This was the first time that space had been spanned by a laser light. Dr. Stanley Kass (center) from Raytheon discusses the experiment with Professor Smullin."
Nel PDF lincato si dice invece che dopo la missione Apollo 11 (21 luglio 1969) in cui è ( sarebbe :woa: :question: :goof: :-)) stato poggiato lo specchio sulla luna, si è ottenuto un miglioramento dell'accuratezza della misura grazie all'aumento dell'intensità del raggio riflesso. La prima misura è del 1 agosto 1969 (11 giorni dopo l'atterraggio..presunto) con una accuratezza di appena 7 metri con misure che sono poi state ripetute e confermate da altri laboratori (sono indicati nel Doc). Il passo successivo è quello degli altri specchi più grossi poggiati sulla luna nel 1970 ( i Russi con luna 17) e poi nel 1971 con le missioni Apollo 14 e 15 con il risultato di misurazioni ancora più precise.
La domanda che mi pongo è "chi ha piazzato lo specchio" tale da garantire la misurazione più precisa il 1 agosto 1969: la missione Apollo 11 (allora è tutto vero) , una sonda automatica (è mai stata fatta una ipotesi del genere?) ...o cos'altro?

Di più
07/10/2017 19:38 - 07/10/2017 19:51 #10775 da charliemike
Risposta da charliemike al topic Fasce di Van Allen ???
Quindi, se non ho capito male, le fasce di Van Allen non contengono raggi gamma ma deviano solo le particelle alfa per le quali basta un minimo di protezione.
I raggi gamma non arrivano sulla Terra per via della sua atmosfera.
Quindi se i raggi gamma sono altamente penetranti, cosa protegge gli astronauti nello Spazio?

Ammettendo che sulla Luna siano stati posizionati degli specchi riflettenti, che dimensione hanno? Ma sopratutto che dimensione dovrebbero avere per avere un aumento significante sulla riflessione, ed essere visibili dalla Terra dato che non abbiamo telescopi così potenti da poter vedere oggetti sulla Luna (Scorrettissimo docet)?


Countdown to 1984
Ultima Modifica 07/10/2017 19:51 da charliemike.

Di più
07/10/2017 20:00 #10776 da Fabrizio70
Risposta da Fabrizio70 al topic Fasce di Van Allen ???

La domanda che mi pongo è "chi ha piazzato lo specchio" tale da garantire la misurazione più precisa il 1 agosto 1969


Domanda da 4 milioni di dollari (Google prize docet) , personalmente ritengo che le immagini ed i dati forniti dalla NASA a sostegno delle missioni umane sono incongruenti ma ciò non significa automaticamente che non sono stati sulla Luna , diversi motivi possono aver indotto la NASA a falsificare le missioni tra cui...



Per quello che mi riguarda possono pure averlo lanciato con un trabucco..


Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849

Di più
07/10/2017 20:26 #10777 da Fabrizio70
Risposta da Fabrizio70 al topic Fasce di Van Allen ???

Quindi, se non ho capito male, le fasce di Van Allen non contengono raggi gamma ma deviano solo le particelle alfa per le quali basta un minimo di protezione.
I raggi gamma non arrivano sulla Terra per via della sua atmosfera.
Quindi se i raggi gamma sono altamente penetranti, cosa protegge gli astronauti nello Spazio?


Il discorso è complesso , la protezione assoluta non esiste , esiste la minimizzazione del rischio che è un prodotto tra pericolo e probabilità che avvenga l'evento quindi di solito si punta alla protezione degli eventi più probabili e più pericolosi , non a tutti gli eventi.
E' vero che i raggi gamma sono pericolosi ma non sono così frequenti quindi il rischio è minimo , molto più rischiosi sono i raggi cosmici composti da varie particelle , sono meno pericolosi ma molto più probabili.

In ogni caso le fasce intrappolano tutte le particelle con carica elettrica (positiva o negativa) , non solo le particelle alpha.

Ammettendo che sulla Luna siano stati posizionati degli specchi riflettenti, che dimensione hanno? Ma sopratutto che dimensione dovrebbero avere per avere un aumento significante sulla riflessione, ed essere visibili dalla Terra dato che non abbiamo telescopi così potenti da poter vedere oggetti sulla Luna (Scorrettissimo docet)?






Servono ad aumentare la differenza con il cosiddetto "rumore di fondo" , non servono ad altro.

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849

Di più
07/10/2017 21:31 #10778 da Benis67
Risposta da Benis67 al topic Fasce di Van Allen ???
A proposito, ricordiamoci che il laser parte sottilissimo dalla terra e raggiunge la luna con un diametro di 6,5 km; così non è complicatissimo ...centrare gli specchi :-)

Di più
08/10/2017 20:24 #10789 da Human
Risposta da Human al topic Fasce di Van Allen ???

Benis67 ha scritto: La domanda che mi pongo è "chi ha piazzato lo specchio" tale da garantire la misurazione più precisa il 1 agosto 1969: la missione Apollo 11 (allora è tutto vero) , una sonda automatica (è mai stata fatta una ipotesi del genere?) ...o cos'altro?

Ciao Benedetto, io sono uno dei pochi su questo sito (forse l'unico in questo momento) a sostenere la versione ufficiale.

L'ipotesi "sonda automatica" è stata avanzata da Mazzucco qualche post più addietro in questa stessa discussione. Esperimenti simili a quelli delle missioni Apollo sono stati eseguiti dai russi con sonde automatiche, perciò si può ipotizzare che tutti gli esperimenti Apollo, non solo lo specchio, siano stati eseguiti da sonde automatiche.

Ammesso e non concesso che sia vero, a giudicare dalla qualità degli esperimenti, gli americani sono stati comunque più bravi dei russi. Basti pensare che i russi hanno riportato sulla terra ETTI di rocce lunari, mentre gli americani QUINTALI, una differenza di 3 ordini di grandezza.

Il problema di questa (e di altre) ipotesi ad hoc è che, oltre a non essere mai stata dimostrata, rende la questione più complicata e solleva nuovi interrogativi che generano nuove ipotesi ad hoc tutte da dimostrare.
Per dirne una, gli astronauti sarebbero stati veramente lanciati nello spazio, ma in orbita bassa attorno alla terra, mentre le sonde sarebbero state lanciate in segreto chissà dove, senza che nessun osservatorio, astrofilo e radio amatore nel mondo se ne accorgesse.
Inoltre la progettazione, la costruzione e il collaudo in segreto di 7 sonde automatiche (tante sono le missioni Apollo con allunaggio) avrebbe aumentato esponenzialmente il numero di persone coinvolte nel complotto.

Tempo creazione pagina: 0.228 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO