Forum

Commenti Recenti

rss

Dopo lunghe settimane di dibattito animoso e sterile, alimentato da slogan e frasi fatte, finalmente un intervento concreto che cerca di analizzare con logica e razionalità la nostra situazione economica.

.

 

Aggiungi Commento   

edo
#1 edo 2018-11-27 10:17
Troppo buon senso. Di che nazionalità è questo Crosetto?? :roll:
redazione
#2 redazione 2018-11-27 10:18
Piemontese :-)
Pyter
#3 Pyter 2018-11-27 10:30
Regno di Sardegna.
DaemonZC
#4 DaemonZC 2018-11-27 10:38
Bellissime parole, ma bisogna essere concreti per davvero: per realizzare tutto questo stupendo progetto di, chiamiamolo ammodernamento, credete che sarebbe bastato il 2,4% di deficit? La manovra è insufficiente sicuramente, ma va all'essenziale. Le aziende trasferiscono la sede all'estero perché in Italia evidentemente non conviene. E perché non conviene? Perché ci sono troppe tasse. E le tasse di abbassano solo sforando il deficit. L'industria 4.0 la fai investendo in Università. E le università non vanno a taralli e vino, ma a denaro. Di nuovo il problema della spesa, di nuovo il deficit. Credete che se avessimo sforato al 3,1% si tesserebbero le lodi della manovra? Io non credo, e credo che in quel caso, anche qui da noi si parlerebbe in qualche termine negativo. Il problema sono le polemiche sterili, anche se mascherate di ottime intenzioni. Perché un conto è criticare costruttivamente e un altro è non dare atto del coraggio politico che serva per porsi contro media mainstream e ultra burocrazia europea. Io non credo che qui in molti abbiano una vaga idea di cosa significhi essere al centro del dibattito mondiale, sotto pressione esterna e interna, avendo la responsabilità della tenuta di un paese di 60 milioni di persone e di loro risparmi. Questa manovra rompe, come lo stesso Padoan afferma per criticarla, un trend. Il trend del pareggio di bilancio e dei tagli alla spesa pubblica. Università è spesa pubblica, lo ripeto, e i ricercatori e i professori sono dipendenti pubblici. Qualcuno avrà sicuramente più di una vaga idea di quanto l'università contribuisce e ha contribuito alla crescita e all'innovazione. Ma è SPESA. E l'Unione Europea non permette spesa. Crosetto ha fatto un bellissimo intervento basato però sull'adagio di essere opposizione, come lui stesso dice all'inizio. Ma l'opposizione deve collaborare e dare man forte al governo se le scelte sono per il Paese. Questa manovra dimostrerà che si può crescere spendendo, l'anno prossimo il rapporto deficit PIL diminuirà e potrà essere fatta una SPESA MAGGIORE DEL 2,4%. Questa manovra è solo una base su cui costruire il futuro. È LÌ CHE DOVREMO FARCI SENTIRE, non ora, criticando un intenzione, per altro evidentemente non compresa. Gli italiani, cioè NOI, AMICI MIEI E MIEI CONNAZIONALI, devono fare squadra. Collaborando e contribuendo. Io credo che ce la faremo.
TdC Ghost
#5 TdC Ghost 2018-11-27 10:48
Sono sempre stato di sinistra, ora voto 5Stelle ma Crosetto mi è sempre piaciuto ed anche stavolta sono d'accordo con lui.
Sertes
#6 Sertes 2018-11-27 10:53
Citazione DaemonZC:
Le aziende trasferiscono la sede all'estero perché in Italia evidentemente non conviene. E perché non conviene? Perché ci sono troppe tasse. E le tasse di abbassano solo sforando il deficit

Pensavo che le tasse si abbassassero facendole pagare a tutti.
Invece scopro adesso che sforando il deficit e facendo altri debiti poi questi nessuno li deve onorare.
Miracoli della propaganda

- - -

Crosetto ha visto ed identificato il bluff del governo: le coperture ci sono al massimo per un anno, perchè pure facendo quel mare di debito che hanno deciso di fare, le riforme sono finanziate solo per il 2019. Al governo abbiamo pericolosi incapaci, conniventi con le scelte e gli errori fatti da tutti i governi precedenti. More of the same, questi tirano a campare e il prezzo lo pagheremo noi.
alsecret7
#7 alsecret7 2018-11-27 10:59
Quindi l'Italia dovrebbe diventare un paradiso fiscale? Dare ancora più soldi agli industriali e per dare stipendi da fame ? Per fare concorrenza alla Cina?
Sertes
#9 Sertes 2018-11-27 11:44
Citazione alsecret7:
Quindi l'Italia dovrebbe diventare un paradiso fiscale? Dare ancora più soldi agli industriali e per dare stipendi da fame ? Per fare concorrenza alla Cina?

Questo è il rovescio della medaglia, il politico di estrema destra vede l'Italia come un'industria, non come uno stato sociale, quindi non vede nessun problema a fare debiti: tanto li pagherà qualcun altro, l'importante è lavorare e acchiappare le opportunità del futuro come le terre rare, in concorrenza con gli altri paesi.
Mica ti parla del fatto che abbiamo 7500 km di coste ed il maggior numero di siti riconosciuti dall'UNESCO del mondo, altrimenti dovrebbe anche spiegarti perché i suoi amichetti di Forza Italia lasciano le ricchezze del sud ferme in mano alla mafia invece che sfruttare quelle che sono le principali ricchezze dell'Italia, dove tutti gli altri paesi al mondo faticherebbero a competere con noi.
Noi siamo anche quelli con un'abbondanza di fonti rinnovabili come l'acqua potabile o l'energia solare, e che invece costruiscono il TAP per importare meglio il petrolio o che bucano una montagna d'amianto per farci passare un treno inutile. Ce n'è da dire, prima di arrivare alle terre rare
Duluoz
#10 Duluoz 2018-11-27 12:16
Tanto stiamo qui a parlare di aria fritta senza uno stato che abbia sovranita' monetaria e fiscale sarai sempre in balia dei mercati (arma di ricatto ormai ben consolidata). Soprattutto essendo parte di una comunita' Europea con una banca privata che mai ha avuto l'interesse comune come perno delle sue politiche economiche. Ma al contrario, Paesi e/o interessi privati che si avvantaggiano a discapito di altri. Se ancora non avete capito chi ci ha guadagnato dalle riforme in Grecia.....
Il Di Maio che continua a rassicurare che non usciremo dall'euro fa tenerezza, perche' si sa che sia Lega che 5S la pensano diversamente ma dimostra quanto siamo impotenti a poter prendere qualsivoglia decisione nell'interesse nazionale, al di la del partito politico di appartenenza ( Io sono uno spettatore critico verso chiunque,questo governo incluso, ma vorrei capire la ricetta dei tromboni che gridano contro questa manovra). Il baratro e' li che ci aspetta (o un altro dittatore di turno), bisogna solo capire se vogliamo arrivarci lottando o stando a capo chino.


Citazione:
Pensavo che le tasse si abbassassero facendole pagare a tutti.
E proprio tu parli di miracoli della propaganda? Le tasse andrebbero pagate da tutti ma non le abbassi solo perche' tutti le pagano.
Le tasse sono a livelli record per ripagare il debito di una moneta che prendiamo in prestito ogni volta devi riparare una mattonella di una scuola, non per coprire il sommerso.
Pyter
#11 Pyter 2018-11-27 12:22
L'Italia ha ufficialmente aperto una procedura d'infrazione contro la Ue. Durante la cena tra il premier Conte e il presidente Juncker si è scoperto che il presidente della commissione aveva un rapporto tra P.I.L (Prodotto interno liquido) e debito alcolico di circa il 2,4%, contro i limiti stessi stabiliti dalla Ue, sotto l'1,8%.

Il presidente Juncker ha negato e si è altresì mostrato disponibile a consegnare il chip sanitario sottocutaneo per una analisi superpartes.
BELLINI
#12 BELLINI 2018-11-27 12:27
Crosetto mi piace ma questo intervento non mi piace.
1) terre rare: siamo alleati dei francesi che dominano mezza Africa per accedere anche a queste materie prime, anche perché conquistare la Cina dove sono presenti l'80% delle terre rare, la vedo dura
2) lo Stato spende, non promuove la crescita: lo Stato italiano ha il terzo surplus commerciale europeo dopo Germania e Olanda. Ciò significa che gli italiani producono di più di quanto consumano. Uno dei modi per produrre di più è esportare di più, l'altro è fare in modo che gli italiani consumino di più e consumino più prodotti italiani. Resta il fatto che il mondo non può esportare quindi l'unica crescita solida è quella determinata dai consumi interni.
3) dobbiamo avere grandi imprese: dobbiamo smetterla di accettare l'esistenza di multinazioni oligopolistiche. L'antitrust deve ritornare a fare il suo lavoro e vietare fusioni ed acquisizioni che limitano la concorrenza. Le multinazionali sono molto meno efficienti delle altre imprese, ma traggono vantaggio dal fatto che operano in un mercato poco concorrenziale e dal fatto che hanno un'enorme influenza sul potere politico. Google è stata costruita al massimo da una decina di persone. Era una piccola impresa quando ha fatto qualcosa di notevole.
Mande
#13 Mande 2018-11-27 12:35
Redazione
Citazione:

Dopo lunghe settimane di dibattito animoso e sterile, alimentato da slogan e frasi fatte, finalmente un intervento concreto che cerca di analizzare con logica e razionalità la nostra situazione economica.
Dopo lunghe settimane di dibattito l'ennesimo intervento sterile (non animoso è vero), alimentato da slogan e frasi fatte. Privo della minima logica e razionalità.


- Crosetto si chiede perché nella manovra non è contenuto un accordo per l'accesso alle terre rare...

Mai visto in vita mia una "finanziaria" che contenesse accordi internazionali. Magari se l'accordo non è in manovra è proprio perché non ha senso ci sia. Non è certo il posto dove cercare ne chiedere un accordo del genere posto che sia auspicabile farlo.
Le terre rare sono il futuro? Di sicuro sono il presente ed il passato. Dal futuro mi aspetto di meglio, se permetti e comunque è incerto per definizione.
Dopodiché cosa dovremmo farcene nel presente di un ipotetico accordo di accesso alle terre rare? Non abbiamo aziende rilevanti che ne facciano uso.
Semplicemente con la nostra produzione che esportiamo abbiamo accesso ai prodotti finiti che altri producono con le terre rare. L'accordo si chiama commercio e grazie a questo abbiamo già accesso oggi a tutte le terre rare e prodotti derivati che possiamo desiderare.

- Crosetto lamenta che le grandi aziende spostano la sede fiscale in lussemburgo.

Ancora una volta la manovra non è lo strumento adatto per mettere in discussione l'architettura europea di libero movimento dei capitali che è alla base di questo. Regole criticabili e criticate da esponenti della maggioranza ma che richiedono altre sedi di discussione.
A meno che, come giustamente sottolinea alsecret7, Crosetto non volesse intendere (senza dirlo) che bisogna detassare le imprese per attirarne le sedi come fa il Lussemburgo. Dunque troppo poca flat-tax nella manovra di bilancio.
Ma se veramente voleva dire quello allora va in conflitto con l'altra parte del suo discorso che evocava la crescita della produzione. Trasformare l'Italia in un paradiso fiscale dalla tassazione agevolata non crea ne lavoro ne produzione ma solo "facciate" delle imprese con sede qui e produzione all'estero. Senza poi considerare che proprio queste politiche hanno condannato l'Irlanda a fallire per prima durante la crisi del 2008.

- Crosetto vuole investimenti in ricerca.

Nel momento in cui ammette che nella finanziaria sono stanziati fondi per assumere migliaia di nuovi ricercatori asserisce che questi non avranno impatto sulla ricerca. Affermazione piuttosto bizzarra che prova a giustificare dicendo che solo le imprese fanno ricerca.
Ma mi scusi, esimio Crosetto, secondo lei a cosa serve il reddito di cittadinanza?
Serve proprio ad aumentare il fatturato delle aziende, cosa che lei auspica, in modo che questi atomi del libero mercato allochino le loro incrementate risorse nella maniera più produttiva da lei auspicata ovvero ricerca ed innovazione.
Questa idea liberista che prescrive sia il mercato, abbandonato a se stesso, ad allocare nella maniera migliore le risorse verrà nuovamente messa alla prova della storia.
I soldi alle imprese perché possano investire ci sono e sono sul piatto. Si chiamano reddito di cittadinanza e vengono erogati su una carta elettronica non perché il governo è bigotto e non vuole siano spesi a droga e puttane ma perché vuole indirizzarli ad aumentare il fatturato delle imprese (si spera prevalentemente italiane) in modo che queste lo allochino nella maniera più virtuosa possibile.
Certo si tratta di una scommessa liberista del cui esito dubito ampiamente. Ma sta di fatto che è proprio ciò che Crosetto chiede e vale metà manovra. Che lui non lo veda è un problema di vista più che di esistenza.
starburst3
#14 starburst3 2018-11-27 12:42
#11Pyter
Citazione:
si è scoperto che il presidente della commissione aveva un rapporto tra P.I.L (Prodotto interno liquido) e debito alcolico di circa il 2,4%, contro i limiti stessi stabiliti dalla Ue, sotto l'1,8%.
Altro che alcolizzato,questo e' il re degli alcolizzati! :-D

#9Sertes
#13 Mande

Quoto i vostri post post al 100%.

IN RED WE TRUST
wendellgee
#15 wendellgee 2018-11-27 13:04
Concordo con quanto scritto da #4 DaemonZC. Se vuoi fare gli investimenti devi aumentare il deficit oltre il 2,4%. Il punto però è che (l'abbiamo detto tante volte qui su LC) in questo contesto monetario (l'euro) aumentando la spesa aumenti più che altro le importazioni e arricchisci i nostri partner commerciali (in primis la Germania).

Chi sostiene la politica degli investimenti vuole una bilancia in passivo con l'estero, e quindi più debito estero, e non puoi farlo se devi ripagare quel debito in euro, cioè una moneta sulla quale il governo non ha nessun controllo.
Primus eccetera
#16 Primus eccetera 2018-11-27 13:25
Le terre rare :-)
Se si deve essere contenti che questo parlamentare non è un cafone come tanti altri, ok.
L'intervento è più interessante di una esternazione della Ferragni.
Ma non di molto.
alsecret7
#17 alsecret7 2018-11-27 14:02
Lui ci sta dicendo fate diventare i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri! Pensando che così si crei più lavoro, e invece creerà solo più disuguaglianza! E poi mi fa ridere quando dice che molte aziende italine portano i soldi in lussemburgo! Chiaramente paradiso fiscale in E'uropa ! E junker capo del E'uropa! Che ci dice come e cosa dobbiamo fare e tutto surreale. Ma cosa volete questa è la politica italiana!
Pyter
#18 Pyter 2018-11-27 14:14
Dopo il discorso di Crosetto sta girando in rete (virale) una prima foto delle terre rare.

Sertes
#19 Sertes 2018-11-27 14:41
Citazione Duluoz:
Le tasse sono a livelli record per ripagare il debito di una moneta che prendiamo in prestito ogni volta devi riparare una mattonella di una scuola, non per coprire il sommerso.

Grazie per la tua opinione, ma i numeri dicono l'esatto opposto: l'interesse sul debito è 65 miliardi l'anno (1), il mancato introito dovuto al sommerso secondo le più autorevoli stime è di 270 miliardi (2), quindi stai parlando proprio per sentito dire.

1) corriere.it/.../... pag 35 riga 9 della tabella
2) quifinanza.it/.../79326

Quanti danni che ha fatto la televisione con questa finta soluzione del sovranismo, ogni volta bisogna ripartire da zero a rispiegare pure i dati ufficiali. Non dico le teorie, i dati ufficiali.
fabiomln
#20 fabiomln 2018-11-27 15:06
purtroppo dire che dobbiamo aumentare il pil non vuole dire nulla.
lo sappiamo tutti.
il punto è come facciamo.
Le cause del mancato incremento sono legate all'ingresso nell' Europa 'unita'.
E' da quel momento che abbiamo cominciato a deindustrializzarci.
Fra l'altro tutti i paesi dell' eurozona (ma non solo) hanno aumentato il debito pubblico (su questo aspetto voglio dire che ci sono problemi strutturali del neoliberismo e dello sviluppo di tecnologie di automazione che imporrebbero di rivedere radicalmente il modo di fare business).
La Germania invece ha continuato a crescere come PIL.
L' europa è costruita per la Germania. Con l'euro la Germania ha messo fuori gioco la concorrenza degli altri paesi, soprattutto dei più deboli. Noi non potendo più svalutare e non potendo nemmeno più stampare moneta perdiamo competitività ogni anno che passa.
Certo se investiamo in ricerca forse tra 20 anni .... ma fra 20 anni saremmo falliti.
Non è un caso che la Grecia sia fallita (perché la Grecia è FALLITA visto che non ha ripagato il debito).
I paesi più deboli devono poter contare su una propria moneta.
Gli stessi americani sono incazzati con la Germania perché di fatto ha un Marco deprezzato del 30%.
Noi invece abbiamo una lira sopravvalutata del 30%.
Tutto il resto può essere vero ma era vero anche prima di entrare in europa, eppure non ce la passavamo male e nemmeno la Grecia.
wendellgee
#21 wendellgee 2018-11-27 15:51
#Sertes
Citazione:
Quanti danni che ha fatto la televisione con questa finta soluzione del sovranismo, ogni volta bisogna ripartire da zero a rispiegare pure i dati ufficiali. Non dico le teorie, i dati ufficiali.
I millemila miliardi (stimati) del sommerso e delle attività criminali, di solito, non scompaiono in un buco nero al centro della galassia ma lor signori evasori e mafiosi li utilizzano per pagare le loro ingenti spese facendoli così rientrare nel circolo dell'economia legale. Di certo, se fossimo tutti onesti il mondo sarebbe migliore. Questo però è un problema morale e giuridico, non uno macroeconomico.

Il problema economico è un altro. Far crescere il PIL (cioè i redditi) non è un problema. Qualcuno ci deve mettere i soldi. Possono farlo i privati (ma non lo stanno facendo) o può farlo lo stato. Se anche recuperassimo questi fantomatici millemila miliardi in mano ai "cattivi" in un buco nero al centro della galassia, e lo stato li utilizzasse per gli investimenti (e qui decidete pure voi quali e quanti sarebbero) aumenterebbe il PIL, ovvero i redditi degli italiani. Figo, vero?

Peccato però che ci sia un risvolto della medaglia che si chiama vincolo esterno. Cos'è? Quando aumentano i redditi di un paese salgono anche le importazioni, ma non per forza le esportazioni (che infatti dipendono dai redditi degli altri paesi). Normalmente, a questo fenomeno corrisponde una svalutazione monetaria che riequilibra il saldo con l'estero rendendo più cari i beni provenienti dall'esterno che vengono di norma sostituiti da altri prodotti internamente. Tuttavia, con la moneta unica tale svalutazione non è più possibile e a un aumento dei redditi corrisponde solo un aumento delle importazioni e un peggioramento del saldo estero (che poi è il meccanismo che ha portato la crisi). Se la cosa da fare era abbassare le tasse e aumentare il PIL, come mai il governo Monti ha fatto esattamente il contrario? Dobbiamo forse pensare che la laurea del professore che ha "salvato" (notare virgolette) l'Italia sia farlocca? Il problema non è il debito pubblico ma quello privato. PRIVATO. PRIVATO! P R I V A T O.

Agevolo grafico e spiegazione.



Il grafico è costruito utilizzando i dati, a valori nominali, in dollari del PIL e delle importazioni del 2014, di 136 paesi. Ho eliminato dalla lista Cina e Stati Uniti solo perché il loro PIL è molto più elevato rispetto al resto dei paesi del mondo e schiacciavano tutti gli altri pallini della figura verso il centro degli assi rendendola meno comprensibile. Così facendo la correlazione è scesa dall'88% all'80%, e questo mi mette al riparo dall'accusa di fare cherry picking, o come diciamo in Italia, di selezionare i dati secondo convenienza. Le fonti sono le seguenti: per il PIL il database WEO (World Economic Outlook) mentre le importazioni sono fornite dalla Banca Mondiale (World Bank).

Lo so che queste cose è inutile spiegarle a Sertes ma credo che sia utile ribadirle al resto della Community.
mik300
#22 mik300 2018-11-27 15:55
Crosetto è una persona intelligente
Ma qui l'ha fatta fuori dal vaso..
Assecondando quella visione che piace tanto al sistema
Che induce la vittima ad auto-colpevolizzarsi invece di castigare i suoi padroni e/o liberarsi delle cause..
"Non sono i ricchi che rubano
Sono io che sono scemo.."
Il ragionamento è quello..

Ma in questa gabbia a cambi fissi chiamata euro (=CFA africano)
In cui ti tengono a stecchetto,
ti impediscono di investire,
puntano sulle tasse e su politiche di austerità, ti coartano a vendere i gioielli di famiglia,
in cui il denaro costa il triplo di altre nazioni,
Come fai a crescere?
Come fai ad avere aziende
tra le prime 500 al mondo?

Bisogna ribellarsi a quest'andazzo,
A questo declino permanente e programmato
(A vantaggio di altre nazioni, quelle più uguali)
Se vogliamo invertire la tendenza

Quello di crosetto
È un discorso da opposizione,
Non equilibrato..
E anche ingeneroso verso questa nazione e noi tutti
->Autostima zero
marcofa
#23 marcofa 2018-11-27 16:10
Parole Parole Parole ,soltanto Parole
Italia debito/pil 132% italia risparmio finanziario/pil 230%
germania debito/pil 80% germania risparmio finanziari/pil 160%

ora come vedete piu indebiti lo stato piu arricchisci il privato .
domanda : come puo avvenire?
italia il 10% delle famiglie italiane detiene il 65% del risparmio un altro 20% detiene il 30% del risparmio il restante 70% delle famiglie nulla.

come e` avvenuto?
hanno forse spolpato lo stato? non si tratta di non pagare le tasse ,si tratta che ruba di qua e ruba di la hanno spolpato lo stato .

soluzione :

1) cambiare la testa degli italiani (altrimenti non cambia nulla)
2) patrimoniale su quel 10% in 5 anni per 100miliardi anno patrimoniale sul 20% restante di 50miliardi anno per 5 anni
il 50% lo metti a riduzione del debito il 10% lo redistribuisci stato sociale ed il 40% fai investimenti (e smetti di rubare)
Parsifal79
#24 Parsifal79 2018-11-27 16:14
Per chi ritiene che si debbano dare più soldi/sgravi alle imprese, ricordo che lo abbiamo già fatto e NON è SERVITO A UN CAZZO:

Il governo di larghe imprese: un regalo di oltre 80 miliardi
Tre anni con Confindustria a dare la linea e lui a seguirla, demolendo le tutele sul lavoro. Nessun progetto di rilancio per il Paese, ma favori concentrati su singole categorie, industriali in primis. Sgravi e incentivi hanno regalato alle imprese solo nelle ultime due leggi di Bilancio, 2016 e 2017, 40 miliardi. Se si conta anche il 2015 il conto sale a 50. E a fine 2019 si supereranno gli 80 miliardi. Il risultato è una ripresa questa sì timida, la più bassa dell’area euro, Grecia esclusa.
ilfattoquotidiano.it/.../...

se quei 80 MLD fossero stati distribuiti alle fasce più povere, quei soldi sarebbero comunque arrivati nelle tasche delle imprese a fine mese.

Competere sul costo della produzione, sperando di riempirci di fabbriche e tumori, è impossibile se non si può svalutare la moneta.

ps.: 80 MLD di debiti per i quali ora ci vogliono multare :roll:
marcofa
#25 marcofa 2018-11-27 16:21
prima regola ,se non si smette di rubare , diciamo almeno rientrare nei canonici 5% e non 50% puoi buttare dentro tutto il denaro che vuoi

mio nonno diceva che prima devi chiudere i buchi al secchio ,e poi mettere l acqua
marcofa
#26 marcofa 2018-11-27 16:24
Citazione:
come mai il governo Monti ha fatto esattamente il contrario? Dobbiamo forse pensare che la laurea del professore che ha "salvato" (notare virgolette) l'Italia sia farlocca?
puoi verificare da solo ,guardati la carriera di Monti ,guarda quante pubblicazioni ha al suo attivo ,e vedrai che quello che dici si da una risposta da sola
horselover
#27 horselover 2018-11-27 16:31
una volta fare economia significava risparmiare, ora spendere come se non ci fosse un domani
fabiomln
#28 fabiomln 2018-11-27 16:37
#23 marcofa
Sono abbastanza d'accordo su patrimoniale per ridistribuire la ricchezza.
C'è un rischio. In un sistema in cui puoi spostare facilmente i capitali o trasferire la tua residenza, il rischio è che molti capitali se ne vadano all'estero.
In un' Europa solidale, questa potrebbe invece essere un' operazione che ha successo se applicata nell'intera unione.
Ma da dei neoliberisti (che pensano che il disoccupato non ha voglia di lavorare) cosa vuoi aspettarti?
Avverrà sempre e di più il contrario come dimostra lo spostamento della ricchezza nelle mani di pochi anche in questi anni di crisi.
wendellgee
#29 wendellgee 2018-11-27 16:46
#marcofa
Citazione:
puoi verificare da solo ,guardati la carriera di Monti ,guarda quante pubblicazioni ha al suo attivo ,e vedrai che quello che dici si da una risposta da sola
La risposta è che non volendo uscire dall'euro ha riequilibrato i conti con l'estero nell'unico modo possibile. Facendo macelleria sociale.
Sertes
#30 Sertes 2018-11-27 16:54
Citazione marcofa:
ora come vedete piu indebiti lo stato piu arricchisci il privato

Big thanks to the dick!
Ma quali privati arricchisci? I mafiosi e i criminali, quelli tanto osannati anche da wendellgee, quelli che al giorno vanno a spacciare o a taglieggiare i commercianti e poi alla sera spendono e spandono al ristorante, al night, o si comprano villa e macchinone "rimettendo i soldi nell'economia reale"
Se a voi va bene così, la macroeconomia è il settore che fa per voi: vi dirà che le cose importanti sono il totale del risparmio del paese e la bilancia commerciale in attivo.
Se invece vivete nel mondo reale e avete un briciolo di etica o di onestà o di empatia per le sofferenze altrui, allora ai mafiosi e ai criminali dal colletto bianco vorreste far pagar le tasse. Quantomeno.
marcofa
#31 marcofa 2018-11-27 16:57
Citazione:
La risposta è che non volendo uscire dall'euro ha riequilibrato i conti con l'estero nell'unico modo possibile. Facendo macelleria sociale.
ma scusa se avesse riequilibrato i conti come dici tu ,potrei anche essere daccorda con te.
vediamo cosa ha fatto ,ha preso uno stato al 117% deb/pil 9% disoccupazione
e dopo poco piu di un anno ha lasciato questi numeri


132% debito /pil disoccupazione 11.5%
cosa avrebbe riequilibrato secondo lei? se dice il rientro della quota di debito posseduto dall estero in italia ,le comunico che la parte di debito che e` rientrato e` dovuto agli acquisti tramite il QE della BCE che li ha parcheggiati in pancia a banca italia e nelle banche private italiane (che di italiano hanno poco)
se parlo dello spread che e` di moda ,quando lo ho preso Monti sfiorava i 600 punti base e` calato a 400 momentaneamente per risalire oltre 500 subito durante il suo governo ,chi poi lo ha fatto abbassare non e` stato monti ma DRAGHI CON LA BCE con il lancio del QE
marcofa
#32 marcofa 2018-11-27 17:08
#30 Sertes[/quote
invece di rispondere a cavolo ,perche` non ti sei letto per intero il mio post?
non era forse chiaro?
l affermazione che il debito di uno stato e` il credito del privato e` ovvia ,se poi avessi letto tutto il post ,saresti stato sicuramente piu che daccordo con quello scritto. ma tu ti sei fermato a quella affermazione ,che era una premessa dovuta
BELLINI
#33 BELLINI 2018-11-27 17:12
Monti sta all'economia come Burioni sta alla medicina.
Gli errori di Monti
1) In caso di crisi grave, BISOGNA SVALUTARE
2) Mandare in pensione le persone a 70 anni quando c'è un alta disoccupazione giovanile È UNA MINCHIATA
3) Dare i soldi all'UE per salvare la Grecia e di riflesso le banche tedesche e francesi È UN REGALO CHE È COSTATO IL SUICIDIO DI MOLTI ITALIANI
4) Avete mai visto qualcuno che importa una casa dalla Germania o dalla Cina? Il settore edilizio è fondamentale per avere una crescita robusta. Lui lo ha distrutto.
5) Lui che sa fare i conti così bene, perché non dice che i professori universitari hanno una vita media più lunga di un operaio? Perché non ha pensato di modificare insieme alla Fornero, il sistema pensionistico tenendo conto delle varie aspettative di vita e non facendo una media unica che favorisce i chiacchieroni saccenti?
mg
#34 mg 2018-11-27 17:13
L'idea della patrimoniale è inutile in partenza come è inutile aumentare le tasse sulle rendite finanziarie: dovresti prima bloccare i movimenti di capitale e vincere la guerra di propaganda contro chi dirà che è liberticida poichè, in effetti, va contro l'unica stupida libertà che per il sistema occidentale conta veramente, la libertà economica (cioè puoi fare tutto quello che vuoi a patto che sei ricco a sufficienza).

#30 Sertes

Ma come tu stesso stai ammettendo, il problema sta nella distribuzione o ridistribuzione della ricchezza e non nell'ammontare del debito, che tra l'altro è denominato in fiat money... :roll:
marcofa
#35 marcofa 2018-11-27 17:25
Citazione:
L'idea della patrimoniale è inutile in partenza
guarda che siamo nel 2018 non nel secolo scorso ,ti ricordo che il segreto bancario e` abolito non in italia ma in europa , guarda che spostare somme di denaro extrabancarie lo puoi fare ma sono spiccioli, ti ricordo che tutto il contante circolante in italia biglietti e monete equivale a 100 miliardi , quindi se anche tu volessi raccattare fino all ultimo euro spiccio potresti portarti via con un paio di camion forse piu 100 miliardi, lo vedi possibile? il resto sono scritturali ,cioe` scritti su computer bancari , tu puoi trasferire quello che vuoi all estero questo non cambia il tuo patrimonio, e se ti metto una patrimoniale paghi.
ci scandalizziamo tanto , ma lo sai che ad esempio nella civilissima olanda , la patrimoniale esiste da sempre sui soldi. al 1 gennaio viene fotografato la tua posizione bancaria ,titoli -liquidita -ed anche le cryptomonete devi dichiarare e su questi viene applicato una tassa secca del 1.5% ogni anno
quindi non devi bloccare proprio nulla
horselover
#36 horselover 2018-11-27 17:30
i soldi dei mafiosi stanno nei paradisi fiscali e in nascondigli segreti. riina e provenzano spendevano pochissimo conducendo una vita estremamente frugale
BELLINI
#37 BELLINI 2018-11-27 17:36
# marcofa
"In Europa non c'è più il segreto bancario"
Formalmente forse

valori.it/.../

In Olanda forse paghi 1.5% di patrimoniale però paghi 0% sulle plusvalenze, o sbaglio?
Ah bè, ragazzi, diciamola tutta perché se no è un po' troppo comoda.
DaemonZC
#38 DaemonZC 2018-11-27 17:46
@#6 Sertes

Citazione:
Pensavo che le tasse si abbassassero facendole pagare a tutti. Invece scopro adesso che sforando il deficit e facendo altri debiti poi questi nessuno li deve onorare. Miracoli della propaganda
Mi è sempre stato difficile capire come una persona come te, che riesce scevrare i fatti sull'11/9 luogocomune.net/.../..., e a capire e a mettere da parte le proprie convinzioni anche negli argomenti più "border" luogocomune.net/.../... sulla dannosità dell'alimentazione carnivora a livello ecologico

faccia finta di non guardare i dati "macro" sull'economia, che per tutte le altre battaglie è in grado di vedere, leggere difendere.

Mi parli di propaganda cui io sarei soggetto, ma questa allora:


che cos'è se non un modo per propagandare l'odio tra di noi. L'Eurispes, istituto sostanzialmente PD, denuncia una evasione del 33% quando i dati ISTAT sono del 12,4%
www.istat.it/it/archivio/222223

Si confrontano con Eurostat (20.6%) e ISTAT (12,6%). Escludendo le esorbitanti cifre di Eurispes, di cui però tendiamo a dubitare vista la chiara deriva politica dell’Istituto in questione, resta da farci spiegare dai governanti italiani il perchè della differenza di circa il 60% tra valori di economia sommersa.

Ma magari una risposta la possiamo dare noi:

1) Si manda a reti unificate la cifra dei 500 miliardi di evasione Eurispes per aizzare i conflitti interni (divide et impera). Il risultato sono professori universitari che quasi hanno la bava alla bocca quando parlando di evasione come problema italiano, citando il 33% (seminario seguito personalmente)

2) Da quando Berlusconi e poi Renzi hanno avuto la brillantissima idea (per aggirare i vincoli di bilancio) di conteggiare il sommerso nel rapporto deficit/PIL, l'Italia ha sempre avuto l'interesse per gonfiare la stima di sommerso per aumentare la spesa (per pagare MES e salvare banche ovviamente). Visto e considerato che gli altri paesi europei possono beatamente superare il deficit/PIL senza conseguenze, è ragionevole supporre che tra i "favori" chiesti all'Europa dal PD di Renzi/Bonino in cambio dell'immigrazione incontrollata in italia, ci siano anche parametri più "ampi" sull'evasione?

Quindi se prendiamo per buona la cifra ISTAT 12,4%(di cui personalmente mi fiderei di più) abbiamo un confronto col valore Eurostat per la Germania al 12.2%



Se poi traduciamo tali valori in miliardi di euro di economia sommersa ricaviamo che quella tedesca (ca. 350+ mld di euro) è quasi il doppio di quella italiana (ca. 207 mld di euro)


I governi si inventano che l’Italia è un popolo di evasori per 2 ragioni: Per fare leva sull'autocolpevolizzazione che aiuta a cedere sovranità e per convincere l’opinione pubblica che bisogna usare le maniere forti, ossia un’Agenzia delle Entrate stile Gestapo, con giudici ormai impiegati a trovare gettito da tassazione, non necessariamente giustizia. Ovvero l’Inferno Fiscale e sociale

Andiamo avanti:



Anche prendendo per vera una media tra i dati Eurostat ed Istat, quindi poniamo 16% di evasione, essa sarebbe più che giustificata da una pressione fiscale ben superiore a quella degli altri paesi europei (vedi figura sopra)

Evadere non è facile, e non è nemmeno esente da rischi. Ma più è alta la tassazione, più grande è l'incentivo ad evadere.

Citazione:
Pensavo che le tasse si abbassassero facendole pagare a tutti.
Per cui per raggiungere l'obiettivo che tu indichi, non si può che abbassare le tasse sui livelli tedeschi, e vedere gli effetti a medio termine.

Citazione:
Invece scopro adesso che sforando il deficit e facendo altri debiti poi questi nessuno li deve onorare
I debiti vanno onorati, ma se parliamo di denaro proveniente dalle miniere naniche di Francoforte, allora le cose cambiano e interviene il ragionamento di Wendellgee, che condivido.

Il tuo "rifiuto" a guardare i dati di Bagnai sulla spesa pubblica etc e questo tuo intervento sull'evasione mi sembra più proveniente dalla pancia che dalla testa.
mg
#39 mg 2018-11-27 17:51
#35 marcofa

Non sono assolutamente scandalizzato, la tua proposta di patrimoniale sui più ricchi sarebbe perfetta, se non fosse che per cammuffare e/o trasferire in qualche modo i denari ci vuole un attimo. La prima cosa che mi viene in mente su due piedi e spostarli fisicamente in metalli preziosi, ma sicuramente qualche consulente ben pagato ha già trovato tanti modi molto più pratici di occultare la ricchezza in vista di questo tipo di interventi. Se anche si fa la patrimoniale a sorpresa, sono certo che qualche soffiatina uscirà. Certo, i piccoli e medi verranno colpiti in pieno, come al solito, ma i grandi eviteranno tutto, al massimo qualche piccola scocciatura o una parcella da pagare al consulente.
wendellgee
#40 wendellgee 2018-11-27 17:56
#Sertes
Citazione:
I mafiosi e i criminali, quelli tanto osannati anche da wendellgee
Quando avrei osannato mafiosi e criminali?

C'è un limite alla polemica che non andrebbe superato.
Duluoz
#41 Duluoz 2018-11-27 18:01
Citazione:
Quanti danni che ha fatto la televisione con questa finta soluzione del sovranismo, ogni volta bisogna ripartire da zero a rispiegare pure i dati ufficiali. Non dico le teorie, i dati ufficiali.
Ti hanno gia' risposto egregiamente #DaemonZC e #wendellgee quindi non mi dilungo. Parli di televisione e propaganda quando sei il primo che invece di studiare mi cita il corriere della sera e parla di lotta all'evasione fiscale. Dovresti lavorarci tu in televisione caro. Io non ho televisione e non vivo neanche in Italia.
marcofa
#42 marcofa 2018-11-27 18:23
Citazione:
La prima cosa che mi viene in mente su due piedi e spostarli fisicamente in metalli preziosi,
ok provo a convincerti che non devi bloccare nulla , siamo penso tutti daccordo che il circolante moneta e carta sia 100 miliardi max nascondibile ammesso tu li riesca a rastrellare tutti , per farti capire di che parliamo il risparmio aggredibile finanziariamente sono 4.000 miliardi ora di questo diciamo che una fetta grossa non sia aggredibile il 50% cioe` 2000 miliardi per i motivi piu vari polizze vita polizze risparmio ecc ecc fai te mettici quello che vuoi ,diciamo pure che 100 miliardi in contanti ,ma proprio tutti siano sotto i materassi (belli pieni) rimangono quelli che sono per forza iscritti nei vari enti finanziari 1900 miliardi ,
ora spostare in oro ,si puo fare in sole due maniere ,comperi oro cartaceo ,cioe` derivati ,comperi oro fisico , per comperare oro fisico devi trasferire da un conto bancario ,abbiamo detto che il denaro liquido compreso quello mafioso e della droga e` gia nascosto ,come ti muovi e` tracciato, ora nasce pure un altro problema , hai presente quanto oro fisico ci sta in baca italia? 4 riserva nmondiale , 2700 tonnellate circa parte nei cavou parte in altri posti, ok fa nulla dove sia.
moltiplica 2700 tonnellate per il valore al grammo e vedrai che saremo a 100 miliardi scarsi il valore della riserva ,una bazzecola. e quello tu non lo puoi certo comperare ,cosa fai vai a comperarti dall orefice dell oro? e con cosa? con una assegno? lo capisci che una volta che manca il segreto bancario il re e` nudo? ora se vuoi farlo non e` un problema tecnico e` un problema politico. i 2000 miliardi che dicevo li tassi mediamente tutti gli anni al 5% per 5 anni
e quale e` il problema? non hai il consenso? ma ne avrai troppo forse, stai cavando al 10% dell elettorato e ridai al 70% dell elettorato .come fai a non avere consenso? e` ingiusto? vediamo come li hanno fatti? vediamo perche` un lavoro pubblico in italia costa il doppio del resto di europa
mg
#43 mg 2018-11-27 18:35
#42 marcofa

Non ho capito il problema: l'oro lo pago con quello che voglio e poi lo sotterro. Su cosa me la fai la patrimoniale? Cosa mi vieni a chiedere?

Senza contare che posso intestare beni a dei prestanome o, ancora più semplice, apro una società di assicurazioni in un paradiso fiscale e stipulo una polizza pari a tutto il patrimonio che voglio "occultare".

Certamente questi sono modi un po' spicci, ma possiamo stare certi che i consulenti bravi hanno già trovato decine di modi molto più pratici, sicuri ed eleganti per fottere la tassazione, qualsiasi essa sia.
Senna
#44 Senna 2018-11-27 18:35
#38 DaemonZC
Guarda che in % , se confronti l'Italia con la Germania, fanno molto più nero in Italia che in Germania, il doppio.
Citazione:
e se conosci e vivi, o hai vissuto nei due paesi, te ne rendi conto immediatamente.
DaemonZC
#45 DaemonZC 2018-11-27 18:43
@#44 Senna

Hai fatto un intervento che dimostra solo una cosa: Non hai letto quello che ho scritto. Ho fatto un ragionamento proprio su quei dati riportando i dati ISTAT al 12,4%, e sul'alta pressione fiscale italiana. Sono senza parole. Quelli propagandati poi sarebbero i sovranisti.
marcofa
#46 marcofa 2018-11-27 18:48
Citazione:
on ho capito il problema: l'oro lo pago con quello che voglio e poi lo sotterro. Su cosa me la fai la patrimoniale? Cosa mi vieni a chiedere?
rileggiti il mio post , se tutto il contante e` gia stato sottratto per non pagare tasse significa che di contante non ci sta piu , se il 50% del patrimonio te lo ho gia detto che viene occultato in qualche maniera con assicurazioni o quello che vuoi , con cosa paghi ulteriore oro o altro? a quel punto quello che rimane ma e` mooolto di piu di 2000 miliardi non possono sfuggire da nessuna parte. se io trasferisco soldi da ma a te ,non cambia nulla invece di io pagerai te ma la fine del conto non cambia nulla , se io prendo e sposto i miei soldi (sempre quelli tracciabili perche` non ci sono piu contanti gia nascosti) lo posso solo fare ufficialmente , e che io abbia soldi in svizzera o alle caiman non cambia nulla per lo stato sono sempre tassabili , li devi dichiarare ,per legge non e` reato avere soldi alle cayman e` reato se non li dichiari. e visto che li devi spostare in maniera tracciabile non ci sta scampo. fidati non ci sta scampo . e la platea aggredibile del 10% che ti dicevo e` molto superiore ai 2000 miliardi. in quanto a quel punto potresti fare un discorso patrimoniale .

il patrimonio e` stimato in 8000 miliardi , quindi se metti una franchigia di 1milione in case ,e 700mila euro in finanza per famiglia , il resto lo tassi a scaglioni dallo 0.5% fino al 5% progressivo vedrai che colpisci il 10% con un 3-5% e un 20% con 0.5% max 1% facendo due conti in 5 anni abbiamo riportato una pace sociale uno sviluppo stile asia e una crescita del pil a 4/6% anno .con investimenti in infrastrutture pubbliche e investimenti in attivita produttive ,dedichi un 10% dei proventi i primi anni ad un sostegno sociale ,che poi man mano necessita sempre meno , ed un buon 50% alla riduzione del debito ,che non sarebbe necessario , ma per essere virtuosi si puo fare ,bisogna solo stare attenti che non cali troppo il debito rispetto il pil

se non si arrivera a questo credo che la lotta intergenerazionale sfocera in qualche cosa di poco piacevole per tutti, la storia insegna





5
Sertes
#47 Sertes 2018-11-27 18:52
Citazione mg:
Ma come tu stesso stai ammettendo, il problema sta nella distribuzione o ridistribuzione della ricchezza e non nell'ammontare del debito, che tra l'altro è denominato in fiat money...

No, il problema sta anche nell'ammontare del debito, perchè il debito è pubblico e l'interesse è privato, dei soliti noti criminali.
Il politico indebita lo stato in favore delle banche, perchè tanto io le tasse le pago, mentre le commesse vanno agli amici.
Io dico che non bisogna indebitarsi ma recuperare fondi dai criminali, gente come wendellgee invece viene a raccontare che la criminalità non è un problema perchè tanto ciò che conta è la macroeconomia nella quale se dieci stronzi pagano le tasse e faticano ad arrivare a fine mese, ed uno spacciatore evade ma si compra un ristorante, in media sono tutti ricchi.

@DaemonZC: non hai smentito nemmeno una virgola del rapporto Eurispes, hai solo scritto la tua opinione secondo cui i dati Istat sarebbero preferibili. Poi tiri fuori Bagnai: bravo, fidati pure del parere di chi va in tv a raccontarti che lo stato fa prima a stamparsi i soldi da solo piuttosto che recuperare soldi dai criminali, poi ovviamente la contestazione la fai a me che sono qui a costo zero a prendere insulti per averti spiegato le cose, mica ti chiedi perchè questo casualmente usa un argomento che difende la criminalità, sarà davvero un mistero misterioso.
Perla
#48 Perla 2018-11-27 19:23
Crosetto è il meno fesso del pollaio Meloni ma non sa che è proprio la nostra capacità di creare ricchezza che da fastidio all’Europa. Loro non la vogliono perché se aumenta, diminuisce la loro capacità di ricattarci. Loro vogliono che aumenti il debito e il pagamento degli interessi e quindi il rafforzamento delle nostre catene.
gino sighicelli
#49 gino sighicelli 2018-11-27 19:31
dal video (dice Crosetto):
Citazione:
Perché siamo al 130% ? Perché questo paese non produce più.
Acqua passata non macina più; eppure l’interpretazione del passato a qualcosa dovrebbe servire.

Perché siamo al 130% ? È una valida risposta quella di Crosetto ? Serve a interpretare/capire il nostro passato ? Oppure è sempre e solamente la solita acqua fresca ?

Un fatto è che dal 1980 al 2014 l’Italia ha pagato interessi sul debito per un ammontare di € 3.447 miliardi

nel 2014, dal 1980 in poi vennero pagati interessi sul debito equivalenti al 213% del PIL; e ciò non solamente senza ottenere di intaccare il debito; bensì a fronte di un debito sempre crescente.



Un altro fatto

1981: il Ministro del Tesoro Beniamino Andreatta e il Governatore della Banca d’Italia Carlo Azeglio Ciampi siglano quello che era in loro potere fare, cioè liberare la Banca d’Italia dall’acquisto dei titoli residuali di debito pubblico italiano.

Iniziarono nei fatti quella che sarà la “svolta neoliberista” nella politica italiana.

www.aldogiannuli.it/divorzio-tesoro-bankitalia/
Senna
#50 Senna 2018-11-27 19:57
#45 DaemonZC
Certo che l'ho letto, ma i dati dell'Istat sono una cazzata, dato che in Italia da nord a sud, ma soprattutto al centro sud, chiunque abbia un'attività, praticamente dichiara poco o niente.
pencri93
#51 pencri93 2018-11-27 20:08
Continuo a non essere d'accordo con l'idea di una patrimoniale.

Se Tizio guadagna in maniera lecita e trasparente, non capisco perché cazzo debba dare parte del proprio denaro a Caio.

Io a questo punto mi concentrerei più sull'evasione fiscale.

E per quanto riguarda le tasse, vediamo di abbassare quelle sul lavoro.
zlatorog
#52 zlatorog 2018-11-27 20:29
E' interessante leggere come persone pure istruite e neppure credulone continuino a sostenere che il problema dell' Italia sia l'evasione fiscale...
Forse non si è ben capito a cosa servono le tasse, si crede ancora che vadano a coprire i servizi pubblici...
Le tasse dovrebbero servire principalmente a 4 scopi:
1 - Il riconoscimento e l'accettazione da parte del popolo di quella moneta e quindi di quella nazione.
2 - Il contenimento dell' inflazione.
3 - Un freno all'eccessivo arricchimento di privati.
4 - Un disincentivo a comportamenti socialmente dannosi (vedi alcool, tabacco, gioco d'azzardo).

Questi sono i fini per i quali esistono le tasse!
Ovviamente in uno stato sovrano!
Fino al 1981 evadere le tasse in Italia era la norma, quasi tutti evadevano almeno un po' solo i dipendenti pubblici non ne avevano la possibilità (ma erano ben pagati) eppure l'economia galoppava.
Anche negli anni '80 nonostante il divorzio storico fra Tesoro e Banca d' Italia l'evasione era altissima, l'inflazione pure, ma si stava benissimo!

Ora, senza sciorinare grafici, numeri, e competenze di macroeconomia, vi invito a un confronto banalissimo e accessibile anche ai bambini:
Prima del 1989, nonostante l'inflazione a volte superiore al 10%, nonostante un'evasione fiscale generalizzata, nonostante le ruberie dei politici e gli sprechi scandalosi, nonostante l'enormità di servizi che erano in mano allo stato (con i tanto criticati sprechi e inefficienze):

- UNA FAMIGLIA RIUSCIVA A VIVERE DIGNITOSAMENTE CON UN SOLO STIPENDIO
- PURE AD ACCANTONARE RISPARMI
- PURE A FAR STUDIARE I FIGLI
- I SERVIZI PUBBLICI (energia, telecomunicazioni, trasporti, ferrovie, autostrade, poste, sanità etc.) FUNZIONAVANO BENE E COSTAVANO POCO
- I GIOVANI CAPACI E VOLONTEROSI TROVAVANO LAVORO IN ITALIA E SPESSO PURE NELLA PROPRIA CITTA'

Oggi che l'evasione fiscale si è ridotta drasticamente (le cifre che denunciano un sommerso miliardario, o includono la grande evasione e la criminalità organizzata o sono gonfiate, almeno quì al nord il "sommerso" è solamente la sussistenza dei disperati), nonostante l'inflazione nulla (anzi oggi siamo in deflazione), nonostante le privatizzazioni (che ci avevano promesso avrebbero migliorato e resi più economici i servizi), nonostante si siano ridotte le ruberie e gli sprechi della politica, nonostante lo stato faccia AVANZO PRIMARIO DA + DI 20 ANNI.
Aggiungerei...nonostante l'enorme progresso tecnologico degli ultimi 30 anni che avrebbe dovuto migliorarci la vita:

- UNO STIPENDIO BASTA SOLO PER UNA PERSONA E SPESSO IN CONDIZIONI DI MISERIA (visto che i privilegiati che trovano un lavoro oggi possono stare contenti se guadagnano 500€ al mese).
- I RISPARMI DELLE GENERAZIONI PRECEDENTI VENGONO SPOLPATI.
- PER PERMETTERSI DI FAR STUDIARE I FIGLI QUEI RISPARMI BISOGNA AVERLI.
- I SERVIZI PRIVATIZZATI FUNZIONANO PEGGIO DI QUANDO ERANO PUBBLICI, CROLLANO I PONTI, SI SKIANTANO I TRENI, IL GAS BRUCIA CON FIAMMA GIALLA (non perchè abbia simpatie per la GdF ma perchè è mischiato ad aria), I CONTATORI CONTANO ANCHE QUELLO CHE NON SI CONSUMA E SOPRATTUTTO COSTA TUTTO MOOOLTO DI PIU'.
- I GIOVANI CAPACI E VOLONTEROSI PER LAVORARE SONO COSTRETTI AD ANDARSENE DELL' ITALIA, SPESSO FACENDO I PENDOLARI DEI CONTRATTI A TERMINE SOTTOPAGATI, OPPURE RESTARE A CASA DEI GENITORI A VIVERE CON LA LORO PENSIONE.

La lista delle differenze potrebbe continuare a lungo, ma credo che questo possa bastare per rendersi conto di quale sia il problema.
Mi sembra che per capirlo non sia necessaria una laurea in economia vero?
DaemonZC
#53 DaemonZC 2018-11-27 20:35
Citazione:
non hai smentito nemmeno una virgola del rapporto Eurispes, hai solo scritto la tua opinione secondo cui i dati Istat sarebbero preferibili. Poi tiri fuori Bagnai
Ma ti pare normale che l'ISTAT dia un 12% e l'Eurispes 33%? a me no, e tra un istituto statistico pubblico e uno privato (da dove prende i soldi? chi li finanzia? io ho cercato ma non c'è trasparenza su questo) scego il pubblico (superpartes, perchè i soldi li riceve dallo stato)

Ho preso una media tra i due numeri "istituzionali", e cioè quello dell'ISTAT e quello dell'Eurostat, cioè 16%, che non sono la mia opinione, ma quella dei due più grandi e affidabili istituti statistici d'Europa, ma quello che il Sertes dei dati e dei riferimenti scientifici (ma solo su certi argomenti) riesce a dire è:

"hai solo scritto la tua opinione"

Poi anche io sono qui gratis, e non ti sto insultando. E soprattutto non sto difendendo i criminali. L'evasione è un problema, ma un evasione al 16% non giustifica in alcun modo la narrativa secondo cui il problema italiano sia quello dell'evasione/corruzione.

Dobbiamo chiederci se la battaglia contro la corruzione italiana sia basata sui fatti (cosa smentita dai dati) oppure sia più una battaglia mossa da un odio antropologico verso quella porzione di genere umano che abita la penisola italica, e magari sopitamente anche verso tutti gli altri.
Senna
#54 Senna 2018-11-27 20:38
#51 pencri93
Che facessero finalmente pagare le tasse alle multinazionali che operano in Italia ed in Europa, dato che eludono/evadono biliardi, non miliardi, ma biliardi di € pagando tasse sull'utile in Lussemburgo all'1% ed in Olanda all'incredibile 0% !!! Perchè FCA ha spostato la propria sede fiscale e finanziaria in Olanda e a Londra? Perchè FCA in USA ha la sede fiscale in Delaware?
zlatorog
#55 zlatorog 2018-11-27 20:38
Le tasse oggi servono a ben altri scopi, quali:

- Distruggere il risparmio privato per farlo confluire nelle tasche dell' alta finanza internazionale e quindi indurre la popolazione ad accettare qualsiasi lavoro pur di sopravvivere.
- Privare i cittadini delle loro proprietà (soprattutto quelle immobiliari), sempre per lo stesso scopo.
- Deindustrializzare il paese.
- Distruggere la piccola e media impresa.
- Distruggere la domanda interna.

In sostanza rendere l'Italia (e il sud Europa) un' area di produzione a basso costo (in sostanza la schiavitù della popolazione) e contemporaneamente dare la possibilità ai magnati di comprarsi le (tante) bellezze del nostro paese a prezzo di svendita.
horselover
#56 horselover 2018-11-27 20:41
una volta c'era la "scala mobile", ma a craxi non piaceva e l'hanno tolta
pencri93
#57 pencri93 2018-11-27 20:42
Citazione:
E' interessante leggere come persone pure istruite e neppure credulone continuino a sostenere che il problema dell' Italia sia l'evasione fiscale...
È in realtà molto più interessante constatare come persone presumibilmente alfabetizzate non riescano a leggere una frase e recepirla per quello che è, invece di affibiargli significati che nessuno ha mai espresso né palesemente né tacitamente.

IL problema non esiste, inteso come unica fonte di malessere economico.

La situazione può semplicemente essere approcciata da più versanti, io ne ho suggerito uno, e lascio la descrizione de IL a chi ha la presunzione di pensare di aver individuato la causa di ogni male.
zlatorog
#58 zlatorog 2018-11-27 20:42
Oggi l'hanno ripristinata, però va in discesa...
zlatorog
#59 zlatorog 2018-11-27 20:51
#57 pencri93

Hai ragione, ci sono più versanti...
l' entrata nell' euro, la cessione della sovranità monetaria ai privati, la cessione di quasi tutte le aziende pubbliche ai privati, l' aver trasformato la Nazione in una S.P.A., la globalizzazione, l'accettazione del modello neoliberista, la prostituzione di certi politici che hanno sottoscritto certi trattati, l'aver usato la nostra Costituzione come carta igienica...
zlatorog
#60 zlatorog 2018-11-27 21:03
#51 pencri93

In realtà non stavo rispondendo esclusivamente a te, ma a tutti quelli che sostengono che il problema (o uno dei principali problemi) sia l'evasione fiscale.
E' chiaro che fino a quando accetteremo di rimanere in questo sistema-truffa sarà necessario trovare i soldi da qualche parte, e l'unica parte sono le tasche dei cittadini. Sicuramente i primi da spremere dovrebbero essere i più abbienti, ma questo non risolve il problema, lo rimanda solamente.
I ricconi (quelli veri) sicuramente non si fanno spolpare, si può spolpare ulteriormente il ceto medio fino a distruggerlo (è quello che vogliono) e ridurre le classi operaie alla miseria totale ma poi? I soldi cmq finiscono e i debiti aumentano.
Il fallimento e tutte le sue conseguenze (svendita fallimentare dell' Italia e del suo popolo) si possono solamente ritardare.
Sertes
#61 Sertes 2018-11-27 21:15
Citazione DaemonZC:
Ma ti pare normale che l'ISTAT dia un 12% e l'Eurispes 33%? a me no, e tra un istituto statistico pubblico e uno privato (da dove prende i soldi? chi li finanzia? io ho cercato ma non c'è trasparenza su questo) scego il pubblico (superpartes, perchè i soldi li riceve dallo stato)

Fantastico! Hai cercato il background di chi ti sta dicendo che l'illegalità è un problema grande, e non ti poni il problema di chi ti dice che l'illegalità è trascurabile.
Chi riceve i soldi dallo stato, casualmente secondo te sarebbe superpartes!!!!!!!
Citazione:
Dobbiamo chiederci se la battaglia contro la corruzione italiana sia basata sui fatti (cosa smentita dai dati) oppure sia più una battaglia mossa da un odio antropologico verso quella porzione di genere umano che abita la penisola italica, e magari sopitamente anche verso tutti gli altri.
Pure questa!! Adesso se uno ce l'ha con i criminali è perché lui ce l'ha con gli italiani, o forse con l'intera umanità!
Vabbè, ciao eh
wendellgee
#62 wendellgee 2018-11-27 21:56
#Sertes
Citazione:
gente come wendellgee invece viene a raccontare che la criminalità non è un problema perchè tanto ciò che conta è la macroeconomia
Un passo avanti visto che prima ero quello che osannava i criminali.
La gente come me pensa solo che a uno che ha fame prima gli si da da mangiare, perché altrimenti non arriva a domani, e poi ci si occupa delle ingiustizie che ha subito.
Duluoz
#63 Duluoz 2018-11-27 23:18
La verità è che per 25 anni abbiamo passato il tempo a dare la caccia ai ladri di polli senza accorgerci del mostro che stavano creando..e come noto da questi commenti ancora è così.. ...Barnard ci provò nel 2011 a svegliare le teste bacate degli italioti, ma venne ridicolizzato. Ora dopo 9 anni siamo ancora a parlare di patrimoniale, lotta all' evasione...ma si mettiamoci liberalizzazioni e sgravi alle imprese che assumono e abbiamo completato il quadretto hahahaha
Ste_79
#64 Ste_79 2018-11-27 23:35
Citazione:
Che facessero finalmente pagare le tasse alle multinazionali che operano in Italia ed in Europa, dato che eludono/
E magari anche alle banche sulla quantità di denaro creato dal nulla... tanto per non lasciare indietro nessuno perché uno vale uno.
Ma se fosse lo stato a creare il denaro, esisterebbe il debito pubblico?

Visto che non ho la presunzione di elargire dati di fatto ma semplici opinioni, credo che il problema principale da risolvere sia il debito pubblico e di chi sia veramente la proprietà della moneta.
È dello stato? È del sistema bancario ? È del popolo? È di Dio?
Se fosse di Dio almeno ogni tanto rimetterebbe a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori...

Che poi se vogliamo risolvere il problema del nero allora basta fare come in Svezia. Togliamo il contante. Tutto tracciabile. Così a fare il nero rimarrà solo il sistema bancario.
E anche ai poveri imbianchini non sarà permesso di fare qualche vacanza in più, o di avere una macchina più bella di quella dell operaio che purtroppo le tasse è costretto a pagarle.

Dopo tutte le informazioni che abbiamo a nostra disposizione, il frame economico è ancora il debito pubblico e il pil.
È come se ancora oggi stessimo a discutere se la terra è piatta o meno.
Eppure funziona ancora benissimo.

Personalmente lo ritengo un insulto all intelligenza. Ogni volta che sento parlare un politico di debito/pil ho come la sensazione di profonda presa per il culo...
Non ho più 12 anni, signori parliamo di cose serie. Altrimenti... Non vi voto. :pint:

Ogni riferimento a luoghi e persone è puramente casuale.
El_Barbudo
#65 El_Barbudo 2018-11-27 23:52
@ Sertes

perdonami se te lo faccio notare, ma il tuo errore di fondo è quando dici:

Citazione:
Pensavo che le tasse si abbassassero facendole pagare a tutti.
Non esiste nessuna corrispondenza tra le due cose: pagare tutti le tasse e l'abbassamento delle stesse.
La volta che uno Stato avesse la certezza di riuscire a far pagare le tasse a tutti i suoi cittadini (malavitosi compresi*), la seconda cosa che farebbe, sarebbe proprio quella di aumentargliele.

I motivi per cui sono alte sono tante e l'evasione fiscale è l'ultima delle cause e, per inciso, è pieno il mondo di evasori fiscali che pagano le tasse. ;)

*che a quel punto, in un paese del genere, starebbero tutti quanti al gabbio.
Adonis
#66 Adonis 2018-11-28 08:20
Un intervento questo di Crosetto in cui aleggia un’aura di buon senso che, comunque, lascia il tempo che trova. La delocalizzazione di molte aziende italiane è una realtà che sta pian piano frantumando il paese e mi sembra che ben poco si sia fatto o si stia facendo per scongiurare questo fenomeno estremamente dannoso soprattutto per quanto riguarda l’occupazione e l’economia nazionale.
Come diceva il grande De Filippo “a dicere so’ tutt capace, ‘o difficile e ‘a ffa….”. Certo oggi, così come siamo messi (tra aziende che chiudono o delocalizzano, evasione fiscale a gogò, debito pubblico alle stelle), rendere conto alle parole di Crosetto è impresa ardua se non addirittura impossibile. Per questo i politicanti di ieri e di oggi vanno avanti solo attraverso slogan e frasi fatte. Così illudono i cittadini che tutto va a meraviglia, che i problemi avranno una soluzione ottimale, e che – nonostante tutto – l’Italia è un grande paese. Dimenticano però di dire che l’Italia è un paese che vivacchia, sopravvive, in pratica sta con le pezze al culo da anni.
Che dire? Beato chi crede ancora alle parole e alle promesse e agli slogan.
robcoppola
#67 robcoppola 2018-11-28 09:06
#65 El_Barbudo

Ottima osservazione.
In linea di principio ha ragione sertes ma nel modo con cui abbiamo costruito le nostre società penso che si verificherebbe lo scenario che hai descritto tu.
GianRa
#68 GianRa 2018-11-28 09:09
La vera fortuna di questo ed altri governi , comunque tutti illegittimi …
...è che in Italia vivono 60 milioni di coglioni , infatti c'è il coglione di destra , e il coglione di sinistra.

Facendo un conto spicciolo in realtà i coglioni sono dunque 120 milioni. Due coglioni per ogni Italiano maschio.
Però vi sono anche le femmine che sono la metà dei maschi , dunque dimezzano la media e il conto si pareggia.

Solo il ritorno della sovranità monetaria rimetterà a posto le cose , ma questo i coglioni sono ancora lontani dal comprenderlo
Sertes
#69 Sertes 2018-11-28 09:12
Citazione El_Barbudo:
Non esiste nessuna corrispondenza tra le due cose: pagare tutti le tasse e l'abbassamento delle stesse.

Ti sbagli, e anche di grosso: le tasse finanziano le spese di stato, e siccome le spese superano l'incasso allora si fa deficit (facendo pagare gli interessi agli onesti) invece che aggredire il mare di illeciti nel quale la nazione naviga. Per i dettagli ti rimando al video fatto già 3 anni fa, con dati e fonti ufficiali e con le migliori stime disponibili:
www.luogocomune.net/.../article.php?storyid=4831
Buona visione.
kamiokande
#70 kamiokande 2018-11-28 09:23
@ Sertes

Una domanda: perché uno stato che può emettere moneta ha bisogno delle tasse per coprire la spesa pubblica?
wendellgee
#71 wendellgee 2018-11-28 10:13
Ma se il problema fosse che il governo fa debito e fa pagare gli interessi agli onesti, la soluzione più facile non sarebbe quella di ripudiare il debito? Invece, Sertes pensa che fino a quando non avremo preso dai delinquenti tutti i soldi per ripagarlo (in bocca al lupo), il malato non potrà essere curato, il disoccupato non avrà un lavoro e il pensionato non può vivere dignitosamente. Questa è la sua morale.

Ma non credete che la realtà sia un po' diversa? Non potrebbe essere un problema diverso? Cioè, di debito privato.
Senna
#72 Senna 2018-11-28 10:23
#68 GianRa
Citazione:
Solo il ritorno della sovranità monetaria rimetterà a posto le cose , ma questo i coglioni sono ancora lontani dal comprenderlo
Sovranità monetaria potrebbe stare in piedi in uno stato sovrano: quando mai l'Italia è stata uno stato sovrano? L'Italia è nata come colonia inglese, o meglio anglo-sionismo, quindi non è mai stata libera di fare o decidere nulla, il niente assoluto. Quindi moneta sovrana per fare cosa? La moneta sovrana, se non c'è dietro un vero stato sovrano come Russia o Cina, è solo una barzelleta, perchè ti disintegrano nel giro di qualche giorno. Con la lira, il potere d'acquisto era superiore, ma solamente perchè era concesso dal sionismo; non appena il sionismo ha deciso di peggiorare le tue/ns condizioni di vita, con gli stessi soldi ci abbiamo comprato sempre di meno e la tua/ns vita peggiora e questo succedeva già con la lira e succede oggi con l'€, con l'€ più velocemente. Tutto il settore pubblico, servizi pubblici, come scuole, trasporti, ospedali, strade, facevano schifo con la lira e fanno ancora più schifo con l'€. Stampi lire all'infinito? E le importazioni con cosa le paghi? Petrolio, gas, corrente? Questo vale anche per tutti gli altri stati europei, nessuno di loro è sovrano, nemmeno la Svizzera che è solo una zona franca sion, dove hanno raccolto 500 anni di ruberie a tutto il mondo; senza il lato finanziario, la Svizzera sarebbe come l'Albania, ma non lo è perchè interessa al sionismo.
zlatorog
#73 zlatorog 2018-11-28 11:10
#69 Sertes

Le tasse finanziano le spese dello stato perchè alcuni politici scellerati hanno regalato la sovranità monetaria, una delle principali prerogative di uno stato, alle banche private. In realtà le tasse dovrebbero servire a quanto ho scritto sopra.

Lo slogan "pagare tutti per pagare meno" ce lo ripetono da oltre 20 anni fra politici e mainstream, e per quanto oggi pagano moltissimi di più (anche se non ancora tutti) rispetto a 20 anni fa, ti sembra che si siano abbassate le tasse? (se si posso consigliarti un buon medico)

Citazione:
siccome le spese superano l'incasso allora si fa deficit
Mi spiace ma non è così...magari lo fosse. Forse non si è ben capito ma il tanto temuto deficit altro non è che la moneta circolante, i risparmi dei cittadini! E da oltre 20 anni questo deficit non c'è:
scenarieconomici.it/.../
Sertes
#74 Sertes 2018-11-28 11:33
Citazione zlatorog:
Le tasse finanziano le spese dello stato perchè alcuni politici scellerati hanno regalato la sovranità monetaria, una delle principali prerogative di uno stato, alle banche private.

Quindi secondo questa tua fantasiosa teoria, in Italia prima del 1980 non si pagavano le tasse? :perculante: :perculante: :perculante: :hammer: :hammer: :hammer:
Citazione:
Mi spiace ma non è così...magari lo fosse. Forse non si è ben capito ma il tanto temuto deficit altro non è che la moneta circolante, i risparmi dei cittadini!
E buonanotte suonatore!! Si arriva a mentire pure sulle definizioni!!!

L'enciclopedia Treccani, che evidentemente non legge siti amatoriali, definisce il deficit come: "deficit: Situazione che si viene a manifestare ogniqualvolta il saldo tra entrate e uscite relative al conto economico di un soggetto (privato o pubblico) o di un sistema economico registra un valore negativo"

treccani.it/.../...

Avanti così, bella figura!
horselover
#75 horselover 2018-11-28 12:02
per abolire le tasse (che in realtà si chiamano imposte) lo stato dovrebbe essere padrone dei mezzi di produzione, ma si è visto che non funziona
afabbri73
#76 afabbri73 2018-11-28 13:00
Stiamo scherzando? Concretezza dove, scusate? 1) ma sapete che cosa è questo fantomatico debito pubblico?? 2) quasi il 50% del PIL è detenuto da piazza affari ergo, per far ripartire l'economia occorrerebbe creare una crisi abbastanza pesante da affossare tutte quelle entità che contribuiscono a piazza affari di denetenre le quote di maggioranza del fatturato italico.

Ma sapete di cosa state parlando? Per far ripartire l'economia in Italia occorre per forza una manovra isolazionista, bisogna per forza che il Pil sia riconducibile almeno per l'80% al solo mercato interno.

Per cio che riguarda lo straordinario intervento di Crosetto, lasciatemi raccontarvi una piccola storia:

Un libanese va a Roma per partecipare ad una conferenza su estetica e scienza. A pranzo, un importante professore universitario dell'Italia meridionale, lo salutò con molto entusiasmo. Poco prima, durante la mattinata, il libanese aveva ascoltato la sua appassionata presentazione: era stato talmente carismatico, convinto e convincente che, benché avesse capito il nulla di quello che aveva detto, si trovò totalmente d'accordo con lui".

State perdendo il lume della ragione (anzi, direi che lo avete perso).
zlatorog
#77 zlatorog 2018-11-28 13:20
#74 Sertes

Citazione:
in Italia prima del 1980 non si pagavano le tasse?
Certo che si pagavano, però:
1 - erano enormemente più basse rispetto ad oggi, soprattutto per i redditi inferiori.
2 - avevano altri scopi, quelli che ho citato nel post precedente, ovvero contenimento dell' inflazione, riconoscimento dello stato e quindi della sua moneta, limite all'arricchimento del privato (che se diventa troppo potente avrebbe la possibilità di mettere in atto piani eversivi, cosa di fatto avvenuta) e dissuasione da abitudini dannose.
Per far funzionare i servizi uno stato sovrano non ha bisogno di incassare soldi dalle tasse, li crea direttamente.

Citazione:
L'enciclopedia Treccani, che evidentemente non legge siti amatoriali, definisce il deficit come: "deficit: Situazione che si viene a manifestare ogniqualvolta il saldo tra entrate e uscite relative al conto economico di un soggetto (privato o pubblico) o di un sistema economico registra un valore negativo"
Certo, la definizione è questa ed è corretta, ma l'enciclopedia 3cani non specifica quali sono le dinamiche macroeconomiche di questo. Anche in questo caso bastano i calcoli dei bambini delle elementari:
Lo stato emette tot moneta.
L' anno successivo riceve come gettito fiscale l' 80%.
Dove è finito quel 20% mancante?
O all'estero a causa delle importazioni o semplicemente nei risparmi dei cittadini.
Mentre se accade che lo stato incassa più di quanto emesso, cosa che accade da più di 20 anni, dove sono stati presi quei soldi in più?
Anche in questo caso o dalle esportazioni o assottigliando i risparmi dei cittadini.

Citazione:
che evidentemente non legge siti amatoriali
Hai mai sentito parlare di un certo sig. John Maynard Keynes, che non appare solo su siti amatoriali?
Di economisti seri (oltre all'appena citato) che parlano di intervento dello stato a deficit ce ne sono quanti ne vuoi, certo se ti limiti al sole 24 ore e le altre bibbie del neoliberismo certe informazioni sarà difficile trovarle.
Sertes
#78 Sertes 2018-11-28 13:38
Citazione zlatarog:
Per far funzionare i servizi uno stato sovrano non ha bisogno di incassare soldi dalle tasse, li crea direttamente.

Infatti Giappone, Inghilterra e Svizzera fanno proprio così. :-D :-D :-D :hammer: :hammer: :hammer:

Dai valà, dacci un taglio che qui non attacca.
zlatorog
#79 zlatorog 2018-11-28 13:56
#78 Sertes

Il Giappone pare proprio di si, e non lo dice un sito complottaro ma proprio la bibbia del neoliberismo:

ilsole24ore.com/.../...

La svizzera non fa testo visto che è uno stato-banca

Riguardo il regno unito:

finanzanostop.finanza.com/.../...
zlatorog
#80 zlatorog 2018-11-28 14:02
Giusto per facilitare la lettura degli articoli:

Citazione:
Della possibilità di stampare moneta e quindi del ruolo di prestatore di ultima istanza da parte della Bank of Japan (facoltà condivisa, tra le varie, con la Federal Reserve statunitense, la Bank of England e la Banca centrale svizzera)
Citazione:
La sterlina ha mantenuto il suo status di moneta internazionale (come valuta di riserva e mezzo di pagamento degli scambi mondiali) ed è protetta da una banca centrale che stampa moneta senza limiti quando è necessario.
Citazione:
la consapevolezza che la Banca d’Inghilterra svolgerà fino in fondo la sua funzione di prestatrice di ultima istanza per le banche e per il governo, rassicura gli investitori i quali comprano i titoli inglesi e snobbano i Btp.
zlatorog
#81 zlatorog 2018-11-28 14:16
#78 Sertes

Giusto per...
leggiti questo, si tratta di Wikipedia, quindi nulla di complottaro o alternativo, solo versione ufficiale.
(in realtà ci sarebbe da aggiungere tanto)
Poi dimmi cosa ti ricorda:

it.wikipedia.org/wiki/Grande_depressione
Sertes
#82 Sertes 2018-11-28 14:35
Quindi siamo passati con grande nonchalance da "Per far funzionare i servizi uno stato sovrano non ha bisogno di incassare soldi dalle tasse, li crea direttamente" a "La sterlina ha mantenuto il suo status di moneta internazionale ed è protetta da una banca centrale che stampa moneta senza limiti quando è necessario."

Proprio la stessa cosa, eh? :hammer: :hammer: :hammer:

Vabbè, è come sparare sulla croce rossa, ti lascio al resto della variegata utenza di LC: magari qualcuno che si beve una delle tue versioni, lo trovi.
Senna
#83 Senna 2018-11-28 15:33
#80 zlatorog
Sovranità monetaria? Stampare lire? Se non sei allineato politicamente, puoi stampare all'infinito, ma ti distruggono comunque; allineato per noi significa, obbedire al sionismo, l'alternativa sarebbe l'asse Russia-Cina, ma ci farebbero la guerra.
Citazione:
La sterlina ha mantenuto il suo status di moneta internazionale (come valuta di riserva e mezzo di pagamento degli scambi mondiali) ed è protetta da una banca centrale che stampa moneta senza limiti quando è necessario.
La sterlina e gli UK non fanno testo, sono la tana del sionismo; fanno la guerra a stessi? La Svizzera e la loro banca centrale, esistono perchè fino ad oggi la Svizzera è servita al sionismo, non perchè gli svizzeri abbiano deciso qualcosa; sono una colonia sionista privilegiata, dove per mezzo millennio hanno agito i peggio ladri di mezzo mondo.
zlatorog
#84 zlatorog 2018-11-28 15:51
Non ci trovo tutta quella differenza sinceramente...

Quando uno stato può disporre della moneta di cui ha bisogno CREANDOLA DAL NULLA (ovvero possiede una "banca centrale che stampa moneta SENZA LIMITI quando è necessario") non ha BISOGNO di incassarli tramite le tasse.
Che poi le tasse ci siano ugualmente è ovvio, altrimenti ci sarebbero in giro una quantità eccessiva di sterline (e sarebbe inflazione), e gli inglesi potrebbero usare qualsiasi altra moneta fottendosene dello stato e di Sua Maestà.
Ma è un altro discorso...
Certo non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire...
Ti ho linkato un sacco di cose che non hai commentato, ti 6 aggrappato a una forma linguistica che di fatto dice la stessa cosa in una forma più complessa...insomma se 6 convinto dei tuoi numeretti e delle tue regole complicate create apposta per fotterci fai pure. Io preferisco semplificare osservando i fatti e le loro conseguenze.

La sterlina è moneta sovrana, può essere creata dal nulla dallo Stato tramite la sua banca centrale che è prestatore di ultima istanza, quindi lo Stato e la sua sopravvivenza NON dipende dal gettito fiscale (che è cmq necessario ma per altri motivi).
Uno stato a moneta sovrana NON PUO' FALLIRE e il suo debito pubblico NON E' UN PROBLEMA.
Quindi può fare deficit come e quando vuole per creare politiche espansive.
L' Euro è una moneta a debito, dobbiamo farcela PRESTARE da PRIVATI, la BCE non è prestatore di ultima istanza e non eroga denaro direttamente agli stati bensì alle banche. Per questo motivo gli stati per sopravvivere hanno bisogno di incassare i soldi dalle tasse.
Se non riusciamo a pagare i debiti siamo falliti.
Non possiamo fare deficit. Abbiamo messo il pareggio di bilancio in costituzione.
L' ossessione per il pareggio di bilancio è stata fra l'altro una della cause della grande depressione, insieme alle varie altre conseguenze del liberismo.

Così è più chiaro?
Maxwell38
#85 Maxwell38 2018-11-28 16:08
CHIEDO SCUSA PER OT.
Forse non eravate una manica di imbecilli. :-o
commentimemorabili.it/.../...
horselover
#86 horselover 2018-11-28 17:53
in uk ci sono 14 milioni di poveri (con sterlina, sovranità e sovrana)
Wenck
#87 Wenck 2018-11-28 18:14
Posso garantire che in UK non hanno idea di cosa abbiano fatto, in tanti si sono ricreduti sul voto, anche perche' il cosidetto "project fear" ( non ci saranno piu' medicinali nelle farmacie, quello della Cadbury non avra' piu' il cioccolato etc ) va a gonfie vele.
C'e' da dire pero' che piano piano i proponenti del brexit ( Boris Johnson ex sindaco di Londra e l'ex leader di ukip Nigel Farage ) sono spariti lasciando la responsabilita' finale alla May che ha votato remain. Tira aria di catastrofe, si parla di un altro people's vote, di nodeal, di scenari se non apocalittici disarmanti che prevedono un -4% di crescita nei prossimi 15 anni, mentre May dice che il loro sistema "preferenziale" rispetto alle opportunita' lavorative che vedevano primeggiare gli europei finira' una volta per tutte e che i cittadini europei che vivono in UK hanno "saltato la fila"..e' abbastanza un casino in questo momento
DaemonZC
#88 DaemonZC 2018-11-28 18:16
O ha ragione Bühn e Schneider (2012) o hanno ragione gli urlatori contro l'evasione (io criminale!)

ilterzopianeta.blogspot.com/.../...

io un'idea me la sono fatta.
zlatorog
#89 zlatorog 2018-11-28 20:33
Sul discorso evasione ci sarebbe molto da scrivere, ma la prima è sicuramente un distinguo fra grande evasione ed evasione da sopravvivenza. La prima è sicuramente un cancro da estirpare, non tanto per il danno alle casse dell' erario, che cmq se rimaniamo all'interno della grande truffa è un danno reale, quanto perchè i grandi evasori, multinazionali in primis, possono permettersi di vendere a prezzi inferiori rispetto agli italiani costretti invece a pagare tutto.
Viene da sospettare che anche questo faccia parte del disegno criminale della grande truffa...favorire le grandi corporations che hanno le sedi nei paradisi fiscali strangolando le PMI italiane che non si possono permettere il medesimo "lusso".
Sempre nella grande evasione troviamo anche l'economia criminale, spaccio, prostituzione, estorsione etc. Altro cancro che non serve commentare.
Diverso è il discorso per la microevasione, ovvero quella del ristorante che omette di battere lo scontrino ai clienti abituali, quella del meccanico che fattura 100 ma incassa 200 etc. A prescindere che si parla di cifrette, rimane che senza tali arrotondamenti queste piccole attività non riuscirebbero a sopravvivere, e quindi anche le tasse che cmq pagano verrebbero meno.
Diverso ancora il discorso di chi assume con contratti di 15 ore a settimana e invece ne fa lavorare 40 - 50 e il resto in nero, sicuramente dannoso per il lavoratore che si ritrova a deficitare di contributi, d'altronde meglio così che a casa a girarsi i pollici.
Ulteriore categoria i lavoratori semi-occasionali in nero, quali lezioni private, facchinaggi, imbianchini etc. Questi non solo non dovrebbero essere minimamente perseguiti in quanto disagiatissimi (poco lavoro, pochi soldi, niente contributi, niente diritti, niente ferie, niente malattia, niente infortunio...se trovi qualcosa da fare campi altrimenti 6 nella merda), ma dovrebbero essere aiutati! Si tratta di poveri a tutti gli effetti!
E infine chi vive di elemosina, nelle stesse condizioni dei suddetti ma con ancora meno dignità (ma forse qualche soldo in più).

Il problema è che il fucile è puntato proprio sulla microevasione, e con esso anche la campagna mediatica!
E ovviamente allo scopo di scatenare la guerra fra poveri...ho sentito di gente che ce l' ha con gli immigrati perchè non pagano le tasse sulle elemosine... :-(
miles
#90 miles 2018-11-29 19:06
Citazione:
Il problema è che il fucile è puntato proprio sulla microevasione, e con esso anche la campagna mediatica! E ovviamente allo scopo di scatenare la guerra fra poveri...ho sentito di gente che ce l' ha con gli immigrati perchè non pagano le tasse sulle elemosine...
Infatti gli invasati della caccia al barista che non ti fa lo scontrino del caffè, e che sarebbe la causa della rovina dell'italia, sono anche quelli che vorrebbero l'abolizione del contante.
Come se, il problema fosse il contante o quello che viene evaso dai baristi.
Ho una personale convinzione sul nero, inteso come economia che cerca di restare fuori dalle grinfie dell'agenzia delle entrate, e temo che sia stata la nostra ancora di salvezza. Ricchezza che è rimasta nelle tasche di chi bene o male fa girare soldi, invece di finire nel tritatutto delle imposte nazionali.
E che ha consentito al cittadino italiano (al contrario dello stato) di essere uno dei meno indebitati del pianeta.
Ma forse è proprio questo che alle elite finanziarie di bruxell non piace.
horselover
#91 horselover 2018-11-29 19:58
il totale dei soldi che gli italiani spendono per curarsi i denti è molto (ma molto) superiore alla somma dei redditi dichiarati dai dentisti, che in media guadagnano meno di un impiegato. poi ci sono gli avvocati che sono in prima fila a difendere l'uso dei contanti rifiutano di mettersi il pos. sarebbe meglio abolire del tutto le imposte sul reddito e far pagare sui consumi perchè così l'ingiustizia verso i lavoratori dipendenti è enorme
Nuraghe
#92 Nuraghe 2018-11-29 23:22
No comment!
framarei
#93 framarei 2018-12-02 17:32
Nonostante io condivida, purtroppo credo che sarà inutile, in quanto la faziosità della politica italiana rovinerà tutto...
etrnlchild
#94 etrnlchild 2018-12-10 13:31
Crosetto dice di guardare al futuro e parla di PIL come se questo fosse, nel mondo di OGGI, un indicatore di benessere della popolazione. Ma vedo che è in buona compagnia visto che anche in questa sede non si mette minimamente in discussione.

1) Il problema non è la produzione.
2) Il problema è l'occupazione/reddito in rapporto alla produzione, alias EFFICIENZA del sistema produttivo.
3) La produzione di beni e servizi non è più direttamente legata all'occupazione generata.

Se non si percepisce come sempre più vero il punto 3 non si va lontano.

Chiunque e con qualunque mezzo investirà sempre meno negli uomini e sempre più in processi automatici/informatici perchè le regole sono sempre quelle del mercato.
La produzione si sposterà SEMPRE dove costa meno produrre, quindi, tassazione a parte, dove il lavoro costa meno.

La quantità di persone richieste per produrre sarà sempre minore con buona pace del PIL, nel contempo al sistema economico mancherà quella quantità minima di persone per potersi sostenere.
Risultato= Deflazione+disoccupazione. Le cose le dovranno regalare e/o totale credito al consumo, cosa che già sta avvenendo per evitare che vada tutto a gambe all'aria.

Si sono accorti Crosetto & Co che le stesse "fabbriche"/uffici possono produrre il doppio con 1/10 del personale? Si sono accorti Crosetto & Co che per fare 100km ieri dovevano mettere 10lt di carburante mentre oggi ne bastano 5?

Vai, continuiamo a parlare di PIL come il "problema"...ma la "gente" si sà, e lo aveva scritto pure Keynes nel suo "Prospettive economiche per i nostri nipoti", non riesce ad uccidere l'Adamo che è in noi, che se la mattina non esce dalla caverna e inizia a correre si sente morto.

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO